Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
menu

Vicks Flu Giorno Notte

Ultimo aggiornamento: 19/11/2019

Foglietto Illustrativo

Confezioni

Vicks Flu Giorno Notte 500+60 mg 12 compresse giorno (gialle), 500+25 mg 4 compresse notte (blu)

Cos'è Vicks Flu Giorno Notte?

Vicks Flu Giorno Notte è un farmaco a base del principio attivo Paracetamolo + Pseudoefedrina + Difenidramina, appartenente alla categoria degli Antipiretici, Analgesici FANS e nello specifico Altri preparati per le malattie da raffreddamento. E' commercializzato in Italia dall'azienda Procter & Gamble S.r.l..

Vicks Flu Giorno Notte può essere prescritto con Ricetta OTC - medicinali non soggetti a prescrizione medica da banco.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Procter & Gamble S.r.l.
Concessionario: Procter & Gamble S.r.l.
Ricetta: OTC - medicinali non soggetti a prescrizione medica da banco
Classe: C
Principio attivo: Paracetamolo + Pseudoefedrina + Difenidramina
Gruppo terapeutico: Antipiretici, Analgesici FANS
Forma farmaceutica: compresse rivestite

Indicazioni

Vicks Flu Giorno Notte è indicato per il trattamento a breve termine dei sintomi associati a raffreddore e influenza come congestione nasale e sinusale, dolore, mal di testa e/o febbre.
Vicks Flu Giorno Notte è indicato negli adulti e negli adolescenti a partire dai 15 anni di età.

Posologia

Posologia
Adulti e adolescenti dai 15 anni di età in su:
Quattro compresse al giorno.
Uso diurno: Compressa giorno che non causa sonnolenza (gialla):
Una compressa gialla da assumere ogni 4-6 ore nel corso della giornata (non prendere più di tre compresse gialle al giorno).
Uso notturno: Compressa notte che causa sonnolenza (blu):
Una compressa blu da assumere prima di coricarsi.
Una compressa alla volta e solo nei tempi indicati sulla confezione.
Non prendere la compressa blu per la notte durante il giorno.
Il trattamento non deve proseguire oltre i 4 giorni.
Consultare il medico se un paziente adulto o adolescente deve assumere il medicinale per oltre 4 giorni o se i sintomi si aggravano.
Speciali gruppi di pazienti
Pazienti anziani
Come per gli adulti (vedere Proprietà Farmacocinetiche).
Bambini sotto i 15 anni:
Il prodotto non è raccomandato nei bambini con meno di 15 anni a meno che non venga prescritto dal medico.
Compromissione epatica

Si deve prestare attenzione quando si somministra questo medicinale a pazienti con grave compromissione epatica.

Danno renale
Si deve prestare attenzione quando si somministra questo medicinale in pazienti con insufficienza renale da moderata a severa.
Non superare la dose indicata.
Modo di somministrazione
Per uso orale.
Le compresse devono essere ingerite intere (non devono essere masticate) con sufficiente liquido.

Controindicazioni

Vicks Flu Giorno Notte è controindicato nei pazienti con:
  • Ipersensibilità al paracetamolo, alla pseudoefedrina, alla difenidramina o a uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1
  • Pazienti con meno di 15 anni a meno che non sia prescritto dal medico
  • Uso concomitante di altri decongestionanti simpaticomimetici, beta-bloccanti o inibitori delle mono- aminossidasi (IMAO), o entro 14 giorni dall'interruzione del trattamento con IMAO (vedere paragrafo 4.5). L'uso concomitante di IMAO può causare un aumento della pressione sanguigna o delle crisi ipertensive.
  • Malattia cardiovascolare, inclusa l'ipertensione
  • Diabete mellito
  • Feocromocitoma
  • Ipertiroidismo
  • Glaucoma ad angolo chiuso
  • Danno renale grave.


Avvertenze speciali e precauzioni di impiego

La difenidramina può potenziare gli effetti sedativi di sostanze depressive del sistema nervoso centrale tra cui alcol, sedativi, analgesici oppioidi, antipsicotici e tranquillanti.
Durante il trattamento, con questo medicinale, bisogna ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione

IMAO (vedere paragrafo 4.3) e/o RIMA
La pseudoefedrina esercita le sue proprietà vasocostrittore stimolando i recettori α-adrenergici e spostando la noradrenalina dai siti di stoccaggio neuronale. Poiché gli inibitori delle ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Interazioni riportate su letteratura scientifica internazionale
Prima di prendere "Vicks Flu Giorno Notte" insieme ad altri farmaci come “Cormeto”, “Margyl”, “Parmodalin”, etc.., chiedi al tuo al tuo medico o farmacista di fiducia di verificare che sia sicuro e non dannoso per la tua salute ...

Assumere Vicks Flu Giorno Notte durante la gravidanza e l'allattamento

Posso prendere Vicks Flu Giorno Notte durante la gravidanza e l'allattamento?
Gravidanza:
Questo medicinale, come nel caso della maggior parte dei medicinali, non deve essere usato durante la gravidanza a meno che il potenziale beneficio del trattamento per la madre superi ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari

Le compresse per la notte contengono difenidramina, un antistaminico, e causano sonnolenza o sedazione. Possono causare anche capogiri, visione offuscata, disturbi psicomotori e cognitivi. Si tratta di effetti che possono seriamente compromettere la capacità del paziente di guidare autoveicoli e operare su macchinari. Non guidi o usi macchinari se queste manifestazioni la riguardano.
Le compresse per il giorno non causano effetti noti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari. A causa della presenza di pseudoefedrina, possono tuttavia manifestarsi in casi eccezionali capogiri o allucinazioni. Questa possibilità deve essere presa in considerazione da chiunque intenda mettersi alla guida di un autoveicolo.


Effetti indesiderati

Paracetamolo
Gli eventi avversi che emergono dai dati storici degli studi clinici sono entrambi infrequenti e relativi a casi di esposizione limitata del paziente. Di conseguenza, gli eventi segnalati durante ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Sovradosaggio

Paracetamolo:
 
Fare riferimento alle linee guida locali per il trattamento del sovradosaggio di paracetamolo.
Il danno epatico è probabile negli adulti e negli adolescenti (≥12 anni) che hanno assunto quantità di paracetamolo più elevate 7,5 - 10 g. Si ritiene che quantità in eccesso di un metabolita tossico (di solito adeguatamente detossificate dal glutatione quando vengono ingerite dosi normali di paracetamolo), si leghino irreversibilmente al tessuto epatico.
L'ingestione di 5 g o più di paracetamolo può portare a danno epatico in pazienti che presentano fattori di rischio (vedere di seguito).
Fattori di rischio:
 Se il paziente
  • è in trattamento a lungo termine con carbamazepina, fenobarbital, fenitoina, primidone, rifampicina, Erba di San Giovanni o altri farmaci che inducono enzimi epatici,
  • assume regolarmente etanolo in eccesso rispetto alle quantità raccomandate,
  • ha probabilmente un apporto ridotto di glutatione per esempio in caso di disturbi alimentari, fibrosi cistica, infezione da HIV, inedia, cachessia.
Sintomi
I sintomi del sovradosaggio di paracetamolo che compaiono nelle prime 24 ore sono pallore, iperidrosi, malessere, nausea, vomito, anoressia e dolore addominale. Il danno epatico può non comparire fino a 48-72 ore dall'ingestione. Questa sintomatologia può includere epatomegalia, dolenzia del fegato, ittero, insufficienza epatica acuta e necrosi epatica. È possibile un aumento di bilirubina ematica, enzimi epatici, INR, tempo di protrombina, fosfato ematico e lattato ematico. Questi eventi clinici associati a sovradosaggio di paracetamolo sono attesi, e tra questi si includono eventi fatali dovuti a insufficienza epatica fulminante o alle sue sequele.
Le seguenti sequele di una compromissione epatica acuta possono essere osservate in seguito a sovradosaggio con paracetamolo: sono considerate attese e possono essere fatali.
Classificazione per sistemi e organi  Evento avverso
Infezioni ed infestazioni
Infezione batterica
Infezione micotica
Sepsi
Patologie del sistema emolinfopoietico
Coagulazione intravascolare disseminata
Coagulopatia
Trombocitopenia
Disturbi del metabolismo e della nutrizione
Ipoglicemia Ipofosfatemia
Acidosi lattica
Acidosi metabolica
Patologie del sistema nervoso
Edema cerebrale
Coma (in seguito a massivo sovradosaggio di paracetamolo o a sovradosaggio multifarmaco)
Encefalopatia
Patologie cardiache
Cardiomiopatia
Aritmie cardiache
Patologie vascolari  Ipotensione
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche  Insufficienza respiratoria
Patologie gastrointestinali 
Emorragia gastrointestinale
Pancreatite
Patologie renali e urinarie  Insufficienza renale acuta*
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Insufficienza multiorgano
* L'insufficienza renale acuta con necrosi tubulare acuta, della quale dolore lombare, ematuria e proteinuria sono forti indicatori, può svilupparsi anche in assenza di grave compromissione epatica.
Trattamento
Il trattamento immediato è essenziale nella gestione del sovradosaggio di paracetamolo. Nonostante la mancanza di significativa e di precoce sintomatologia, il paziente deve essere trasferito urgentemente in ospedale per immediati controlli medici. I sintomi possono limitarsi a nausea o vomito e non riflettere quindi la gravità del sovradosaggio o il rischio di danno d'organo. Il trattamento deve avvenire in accordo alle linee guida stabilite; vedere la sezione sovradosaggio del British National Formulary (BNF).
Si consideri la somministrazione di carbone attivo entro 1 ora dall'avvenuto sovradosaggio. La concentrazione plasmatica di paracetamolo deve essere misurata 4 ore dopo l'ingestione (le concentrazioni precedenti non sono affidabili). È possibile somministrare N-acetilcisteina entro massimo 24 ore dall'ingestione di paracetamolo, benché il massimo effetto protettivo sia ottenibile entro 8 ore dall'ingestione. L'efficacia dell'antidoto si riduce drasticamente dopo questo lasso di tempo. Se necessario, l'antidoto N-acetilcisteina deve essere somministrato al paziente per via endovenosa in conformità con il regime posologico stabilito. Se vomitare non è un problema, la metionina orale può essere un'alternativa adeguata in caso di trattamento lontano dall'ospedale. Il trattamento di pazienti che manifestano una grave disfunzione epatica oltre 24 ore dall'ingestione deve essere discussa con il centro antiveleni National Poisons Information Service (NPIS) o con il reparto epatobiliare.

Pseudoefedrina:

Il sovradosaggio può causare:
Disturbi del metabolismo e della nutrizione: iperglicemia, ipokaliemia.
Disturbi psichiatrici: stimolazione del SNC, insonnia; irritabilità, irrequietezza, ansia, agitazione; confusione, delirio, allucinazioni, psicosi.
Disturbi del sistema nervoso: convulsioni, tremore, emorragia intracranica compresa emorragia intracerebrale, sonnolenza nei bambini.
Disturbi dell'occhio: midriasi.
Patologie cardiache: palpitazioni, tachicardia, bradicardia riflessa, aritmie sopraventricolari e ventricolari, aritmie, infarto miocardico.
Patologie vascolari: ipertensione, crisi ipertensiva.
Disturbi gastrointestinali: nausea, vomito, infarto intestinale ischemico.
Disturbi muscoloscheletrici e del tessuto connettivo: rabdomiolisi.
Patologie renali e urinarie: insufficienza renale acuta, difficoltà di minzione.
Trattamento
Devono essere adottate le misure necessarie per mantenere e sostenere la respirazione e per controllare le convulsioni. Nel caso eseguire una lavanda gastrica. Può essere necessaria la cateterizzazione della vescica.
Se lo si desidera, l'eliminazione della pseudoefedrina può essere accelerata dalla diuresi acida o dalla dialisi.
Difenidramina:
In seguito al sovradosaggio negli adulti, i sintomi moderati sono stati associati a ingestione superiore a 300- 500 mg, mentre i sintomi gravi sono stati associati a dosi superiori a 1 g di difenidramina.
I bambini possono essere maggiormente sensibili agli effetti di un sovradosaggio.
I sintomi da lievi a moderati di un sovradosaggio possono consistere in sonnolenza, iperpiressia, effetti anticolinergici (midriasi, bocca secca e arrossamento), tachicardia, ipertensione, nausea e vomito. Un'intossicazione moderata può causare la comparsa di agitazione, confusione e allucinazioni. Un sovradosaggio con dosi più elevate e soprattutto nei bambini può causare la comparsa di sintomi di eccitazione del SNC tra cui insonnia, nervosismo, tremori e convulsioni epilettiformi.
I sintomi gravi possono consistere in delirio, psicosi, attacchi epilettici, coma, ipotensione, intervallo QRS largo all'ECG e disaritmie ventricolari, incluse torsioni di punta. Essi vengono in genere segnalati solo negli adulti in seguito a ingestione di grandi quantità. Rabdomiolisi e insufficienza renale possono raramente svilupparsi in pazienti con agitazione prolungata, coma o convulsioni. Possono verificarsi decessi in seguito a insufficienza respiratoria o a collasso circolatorio.

Trattamento

Il trattamento del sovradosaggio deve essere sintomatico e di supporto. Devono essere adottate misure per svuotare rapidamente lo stomaco (ad esempio una lavanda gastrica) e nei casi d'intossicazione acuta può essere utile la somministrazione di carbone attivo.


Proprietà farmacodinamiche

Categoria farmacoterapeutica: Altre preparazioni per il trattamento del raffreddore Codice ATC: R05X
Paracetamolo:
Il paracetamolo è un analgesico e antipiretico che aiuta ad alleviare dolori muscolari altre manifestazioni dolorose, mal ...


Proprietà farmacocinetiche

Paracetamolo:
Assorbimento:
Il paracetamolo è rapidamente assorbito dal tratto gastrointestinale, con il picco di concentrazioni plasmatiche ottenuto all'incirca tra i 30 e i 90 minuti dopo la somministrazione orale.
Distribuzione:
...


Dati preclinici di sicurezza

I dati preclinici, ove disponibili, non rivelano rischi particolari per l'uomo sulla base di studi convenzionali di sicurezza farmacologica, tossicità a dosi ripetute, genotossicità, potenziale cancerogeno e tossicità riproduttiva.
...


Elenco degli eccipienti

Compressa gialla (GIORNO):
Nucleo della compressa:
Cellulosa microcristallina
Croscarmellosa sodica
Copovidone
Diossido di silicio colloidale
Magnesio stearato
Rivestimento della compressa:
Ipromellosio
Talco (E553b)
Triacetina (E1518)
Pigmento perlescente su base di

Farmaci Equivalenti

I farmaci equivalenti di Vicks Flu Giorno Notte a base di Paracetamolo + Pseudoefedrina + Difenidramina sono:

Farmaci Esteri

Per conoscere i farmaci esteri che corrispondono ad Vicks Flu Giorno Notte a base di Paracetamolo + Pseudoefedrina + Difenidramina

Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o più prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Sistema di supporto alla prescrizione
Codifa Regulatory Assistance