Università degli Studi di MilanoFederazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Busette

Sandoz S.p.A.
Ultimo aggiornamento: 16/12/2021




Cos'è Busette?

Busette è un farmaco a base del principio attivo Buprenorfina, appartenente alla categoria degli Analgesici oppioidi e nello specifico Derivati dell'oripavina. E' commercializzato in Italia dall'azienda Sandoz S.p.A..

Busette può essere prescritto con Ricetta RNR - medicinali soggetti a prescrizione medica da rinnovare volta per volta.


Confezioni

Busette 10 microgrammi/ora 4 cerotti transdermici
Busette 20 microgrammi/ora 4 cerotti transdermici
Busette 5 microgrammi/ora 4 cerotti transdermici

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Sandoz S.p.A.
Ricetta: RNR - medicinali soggetti a prescrizione medica da rinnovare volta per volta
Classe: A
Principio attivo: Buprenorfina
Gruppo terapeutico: Analgesici oppioidi
ATC: N02AE01 - Buprenorfina
Forma farmaceutica: cerotti

Indicazioni

Trattamento del dolore non maligno di intensità moderata quando è necessario un oppioide per ottenere un'analgesia adeguata.
Busette non è adatto per il trattamento del dolore acuto.
Busette è indicato negli adulti.

Posologia

Posologia
Busette deve essere applicato ogni 7 giorni.
Pazienti di età pari o superiore a 18 anni
Come dose iniziale deve essere usato la dose più bassa di Busette (Busette 5 microgrammi/ora cerotto transdermico). Si deve prendere in considerazione il precedente uso di oppioidi da parte del paziente (vedere paragrafo 4.5), nonché le sue attuali condizioni generali e il suo stato medico.
Busette non deve essere utilizzato a dosi più elevate di quelle raccomandate.
Titolazione
Durante la fase iniziale del trattamento con Busette, può essere richiesto l'uso di analgesici supplementari a breve durata d'azione (vedere paragrafo 4.5), finché non raggiungono l'efficacia analgesica con Busette.
La dose di Busette può essere titolata in aumento come indicato dopo 3 giorni, quando il massimo effetto della dose somministrata viene raggiunto. I successivi aumenti di dosaggio possono quindi essere titolati in base alla necessità di alleviare ulteriormente il dolore e alla risposta analgesica del paziente al cerotto transdermico.
Per aumentare la dose, un cerotto transdermico con dosaggio maggiore deve sostituire quello attualmente applicato, oppure si deve applicare una combinazione di cerotti in posti diversi, per ottenere il dosaggio desiderato. Si raccomanda di non applicare più di due cerotti transdermici contemporaneamente, fino a una dose totale massima di 40 microgrammi/ora di Buprenorfina. I pazienti devono essere attentamente e regolarmente monitorati, al fine di valutare il dosaggio e la durata del trattamento ottimali.
Passaggio da altri oppioidi
Il cerotto transdermico di buprenorfina può essere utilizzato come alternativa al trattamento con altri oppioidi. Questi pazienti devono iniziare il trattamento con la dose più bassa disponibile (Busette 5 microgrammi/ora cerotto transdermico) e continuare a prendere analgesici supplementari a breve durata d'azione (vedere paragrafo 4.5) durante la titolazione, a seconda delle necessità.
Durata della somministrazione
In nessun caso Busette deve essere somministrato per più tempo del necessario. Se, in considerazione della natura e della gravità della malattia, è necessario il trattamento del dolore a lungo termine con Busette, deve essere effettuato un monitoraggio accurato e regolare (eventualmente con interruzioni del trattamento), per stabilire se e in che misura potrebbe essere necessario un ulteriore trattamento.
Sospensione
Dopo la rimozione del cerotto transdermico, le concentrazioni sieriche di buprenorfina diminuiscono gradualmente, quindi l'effetto analgesico viene mantenuto per un certo periodo di tempo. Questo deve essere tenuto in considerazione quando alla terapia con Busette fa seguito un trattamento con altri oppioidi. Come regola generale, un eventuale oppioide successivo non deve essere somministrato entro le 24 ore successive alla rimozione del cerotto transdermico. Al momento sono disponibili solo informazioni limitate sulla dose iniziale di altri oppioidi somministrati dopo la sospensione del cerotto transdermico (vedere paragrafo 4.5).
Popolazioni speciali
Pazienti anziani
Nei pazienti anziani non è richiesto alcun aggiustamento della dose di Busette.
Compromissione renale
Nei pazienti con danno renale non è richiesto alcun aggiustamento della dose di Busette.
Compromissione epatica
Buprenorfina viene metabolizzata nel fegato. Nei pazienti con compromissione della funzione epatica l'intensità e la durata della sua azione possono essere compromesse. Pertanto, in corso di trattamento con Busette i pazienti con insufficienza epatica devono essere attentamente monitorati.
I pazienti con grave insufficienza epatica possono accumulare buprenorfina durante il trattamento con Busette. In questi pazienti si deve prendere in considerazione una terapia alternativa, e Busette deve essere usato con cautela, oppure non deve essere usato del tutto.
Popolazione pediatrica
La sicurezza e l'efficacia dei cerotti transdermici di buprenorfina nei bambini e negli adolescenti sotto i 18 anni di età non sono state stabilite.
Non ci sono dati disponibili.
Modo di somministrazione
Uso transdermico.
Cerotto transdermico da indossare per 7 giorni. Il cerotto non deve essere diviso o tagliato in pezzi.
Applicazione del cerotto transdermico
Busette deve essere applicato su pelle intatta e non irritata, sulla parte esterna superiore del braccio, sulla parte superiore del torace o sulla porzione laterale dello stesso, oppure sulla parte superiore della schiena, ma non su pelle con grandi cicatrici. Busette deve essere applicato su un'area cutanea relativamente priva di peli o quasi priva. Se questa non è disponibile, i peli nel sito di applicazione devono essere tagliati con un paio di forbici (e non rasati).
Se è necessario pulire il sito di applicazione, questo deve essere fatto solo con acqua. Saponi, alcol, oli, lozioni o mezzi abrasivi non devono essere utilizzati. Prima di applicare il cerotto transdermico la pelle deve essere asciutta. I cerotti transdermici devono essere applicati immediatamente dopo la loro estrazione dalla bustina sigillata. Dopo la rimozione dello strato protettivo, il cerotto transdermico deve essere premuto saldamente in posizione con il palmo della mano per circa 30 secondi, accertandosi che il contatto sia completo, soprattutto sui bordi. Se i bordi del cerotto transdermico cominciano a staccarsi, è possibile fissarli con del nastro adesivo specifico per la pelle, per garantire un periodo di utilizzo di 7 giorni.
Il bagno, la doccia o il nuoto non dovrebbero avere alcun effetto sul cerotto transdermico. Se un cerotto transdermico si stacca, se ne deve applicare uno nuovo e indossarlo per 7 giorni.
Un nuovo cerotto transdermico non deve essere applicato sulla stessa area cutanea per le 3-4 settimane successive (vedere paragrafo 5.2).
Si deve consigliare ai pazienti di evitare l'esposizione del sito di applicazione a fonti di calore esterne mentre si indossa il cerotto (vedere paragrafo 4.4).

Controindicazioni

  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.
  • Pazienti con dipendenza da oppioidi e per il trattamento dell'astinenza da narcotici
  • Disturbi in cui la funzione respiratoria e il centro del respiro sono gravemente compromessi o potrebbero diventarlo
  • Pazienti che ricevono MAO-inibitori o che li hanno assunti nelle ultime due settimane (vedere paragrafo 4.5)
  • Pazienti affetti da miastenia gravis
  • Pazienti affetti da delirium tremens.


Avvertenze speciali e precauzioni di impiego

I cerotti transdermici di Buprenorfina devono essere usati con particolare cautela nei pazienti con intossicazione acuta da alcolici, trauma cranico, shock, riduzione del livello di coscienza di origine incerta, lesioni intracraniche o aumento della pressione intracranica, o nei pazienti con grave compromissione della funzionalità epatica (vedere paragrafo 4.2).
Buprenorfina può abbassare la soglia convulsiva di pazienti con una storia di disturbi convulsivi.
Buprenorfina, in particolare quando somministrata per via endovenosa, è stata associata a significativa depressione respiratoria. Quando tossicodipendenti hanno abusato di buprenorfina per via endovenosa, in genere in concomitanza con benzodiazepine, si sono verificati alcuni decessi per overdose. Sono stati inoltre segnalati decessi per overdose a causa di etanolo e benzodiazepine in combinazione con buprenorfina (vedere paragrafo 4.5).
Rischio derivante dall'uso concomitante di prodotti medicinali sedativi come benzodiazepine o farmaci correlati:
L'uso concomitante di buprenorfina e medicinali sedativi come le benzodiazepine o medicinali correlati può causare sedazione, depressione respiratoria, coma e morte. A causa di questi rischi la prescrizione concomitante di questi medicinali sedativi deve essere riservata a pazienti per i quali non sono possibili altre opzioni terapeutiche. Se viene deciso di prescrivere buprenorfina in concomitanza con medicinali sedativi, deve essere usata la dose efficace più bassa, e la durata del trattamento deve essere la più breve possibile.
I pazienti devono essere attentamente monitorati per segni e sintomi di depressione respiratoria e sedazione. A tale riguardo si raccomanda fortemente di informare pazienti e coloro che se ne prendono cura di essere consapevoli di questi sintomi (vedere paragrafo 4.5)
Poichè gli inibitori del CYP3A4 possono aumentare le concentrazioni di Buprenorfina (vedere paragrafo 4.5), i pazienti già trattati con inibitori del CYP3A4 devono avere la loro dose di buprenorfina cerotti transdermici accuratamente titolata poichè in questi pazienti può essere sufficiente una dose ridotta.
I cerotti transdermici di buprenorfina non sono raccomandati per l'analgesia nel periodo immediatamente post-operatorio o in altre situazioni caratterizzate da un ristretto indice terapeutico o da esigenze analgesiche in rapido mutamento.
Studi controllati sull'uomo e sull'animale indicano che buprenorfina è meno responsabile di produrre dipendenza rispetto agli analgesici agonisti puri. Nell'uomo sono stati osservati con buprenorfina limitati effetti euforizzanti. Questo potrebbe dare origine a casi di abuso del medicinale: si deve pertanto esercitare cautela quando lo si prescrive a pazienti noti per avere, o sospettati di avere, un'anamnesi di abuso di farmaci o di abuso di alcol o grave malattia mentale.
L'uso cronico di buprenorfina può determinare lo sviluppo di dipendenza fisica. La sindrome di astinenza, quando si verifica, è generalmente mite, inizia dopo 2 giorni e può durare fino a 2 settimane. I sintomi di astinenza comprendono agitazione, ansia, nervosismo, insonnia, ipercinesia, tremore e disturbi gastrointestinali.
I cerotti transdermici di buprenorfina non devono essere utilizzati a dosi più alte di quelle raccomandate.
I pazienti con febbre o esposti a calore esterno
Mentre indossano il cerotto transdermico, i pazienti devono evitare di esporre il sito di applicazione a fonti di calore esterne, come scaldini, coperte elettriche, lampade riscaldanti, sauna, vasche idromassaggio e lettini ad acqua riscaldata, etc., poichè potrebbe verificarsi un aumento dell'assorbimento di buprenorfina. Nel trattamento di pazienti febbrili, il medico deve essere consapevole che anche la febbre potrebbe aumentare l'assorbimento, con conseguente aumento delle concentrazioni plasmatiche di buprenorfina, e quindi un aumento del rischio di reazioni da oppioidi.
Per chi svolge attività sportiva: l'uso del farmaco senza necessità terapeutica costituisce doping e può determinare comunque positività antidoping. L'uso di Busette come sostanza dopante può determinare un rischio per la salute.

Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione

I cerotti transdermici di buprenorfina non devono essere usati in concomitanza con IMAO o in pazienti che hanno ricevuto IMAO nelle due settimane precedenti (vedere paragrafo 4.3).
Effetto di altri principi attivi sulla farmacocinetica di buprenorfina
Buprenorfina viene metabolizzata principalmente tramite glucuronidazione e, in misura minore (circa il 30%) dal CYP3A4. Il trattamento concomitante con inibitori del CYP3A4 può determinare elevate concentrazioni plasmatiche, con un intensificato aumento dell'efficacia di buprenorfina.
Studi con ketoconazolo, inibitore del CYP3A4, non hanno prodotto aumenti clinicamente rilevanti dell'esposizione media massima (Cmax) o totale (AUC) di buprenorfina in seguito all'uso di buprenorfina cerotto transdermico con ketoconazolo, rispetto a buprenorfina cerotto transdermico da sola.
L'interazione tra buprenorfina e gli induttori dell'enzima CYP3A4 non è stata studiata. La co-somministrazione di cerotti transdermici di buprenorfina e di induttori enzimatici (come fenobarbital, carbamazepina, fenitoina e rifampicina) potrebbe determinare un aumento della clearance, con una conseguente riduzione di efficacia.
Le riduzioni del flusso ematico nel fegato indotte da alcuni anestetici generali (come alotano) e altri medicinali possono tradursi in una diminuzione della quota di eliminazione epatica di buprenorfina.
Interazioni farmacodinamiche
I cerotti transdermici di buprenorfina devono essere usati con cautela con:
  • Medicinali sedativi come benzodiazepine o medicinali correlati. L'uso concomitante di oppioidi con medicinali sedativi come benzodiazepine o medicinali correlati aumenta il rischio di sedazione, depressione respiratoria, coma e morte a causa dell'effetto depressivo additivo sul SNC. La dose e la durata dell'uso concomitante devono essere limitati (vedere paragrafo 4.4).
  • Altri depressori del sistema nervoso centrale: altri derivati oppioidi (analgesici e sedativi della tosse contenenti per esempio morfina, destropropossifene, codeina, destrometorfano o noscapina). Alcuni antidepressivi, antagonisti del recettore H1 ad azione sedativa, alcool, ansiolitici, neurolettici, clonidina e sostanze correlate. Queste combinazioni aumentano l'attività deprimente sul SNC.
Alle dosi analgesiche usuali, buprenorfina viene descritta come un agonista puro del recettore µ. Negli studi clinici con buprenorfina cerotto transdermico, i soggetti che ricevevano agonisti oppioidi totali del recettore µ (fino a 90 mg di morfina orale o equivalenti di morfina orale al giorno) sono stati passati a buprenorfina cerotto transdermico. Durante il passaggio dall'oppioide con cui è stata iniziata la terapia a buprenorfina cerotto transdermico non ci sono state segnalazioni di sindrome da astinenza o di astinenza da oppioidi (vedere paragrafo 4.4).


Interazioni riportate su letteratura scientifica internazionale
Prima di prendere "Busette" insieme ad altri farmaci come “Dintoinale”, “Gamibetal Complex”, “Gardenale”, “Luminale - Compressa”, “Mysoline”, etc.., chiedi al tuo al tuo medico o farmacista di fiducia di verificare che sia sicuro e non dannoso per la tua salute ...

Fertilità, gravidanza e allattamento

Gravidanza
I dati relativi all'uso di Buprenorfina cerotti transdermici in donne in gravidanza non esistono o sono in numero limitato. Gli studi sugli animali hanno mostrato tossicità riproduttiva (vedere paragrafo 5.3). Il rischio potenziale per gli esseri umani non è noto. Verso la fine della gravidanza, dosi elevate di buprenorfina possono indurre depressione respiratoria nel neonato, anche dopo un breve periodo di somministrazione. L'uso prolungato di buprenorfina durante la gravidanza può determinare una sindrome di astinenza da oppioidi del neonato. Pertanto, Busette non deve essere usato durante la gravidanza e nelle donne in età fertile che non utilizzano un contraccettivo efficace.
Allattamento
Buprenorfina viene escreta nel latte umano. Studi sui ratti hanno dimostrato che buprenorfina può inibire la lattazione. I dati farmacodinamici/tossicologici disponibili negli animali hanno mostrato escrezione di buprenorfina nel latte (vedere paragrafo 5.3); pertanto, l'uso di Busette durante l'allattamento deve essere evitato.
Fertilità
Non sono disponibili dati umani sugli effetti di buprenorfina sulla fertilità. In uno studio sulla fertilità e sullo sviluppo embrionale precoce, non sono stati osservati effetti sui parametri riproduttivi nei ratti maschi o femmine (vedere paragrafo 5.3).


Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari

I cerotti transdermici di Buprenorfina hanno una notevole influenza sulla capacità di guidare veicoli e di usare macchinari.
Anche quando vengono utilizzati secondo le indicazioni, i cerotti transdermici di buprenorfina possono influenzare le reazioni del paziente a tal punto che la sicurezza stradale e la capacità di usare macchinari potrebbero risultare compromesse. Questo vale in particolare all'inizio del trattamento e in concomitanza con l'assunzione di altre sostanze ad azione centrale, inclusi alcolici, tranquillanti, sedativi e ipnotici. Il medico deve fornire raccomandazioni su base individuale. Nei casi in cui viene utilizzata una dose stabile, una restrizione generale non è necessaria.
I pazienti che sono interessati e manifestano effetti avversi (come capogiri, sonnolenza, visione offuscata) durante l'inizio del trattamento o all'atto della titolazione verso una dose più elevata, i pazienti non devono guidare o usare macchinari, per almeno 24 ore dopo la rimozione del cerotto transdermico.


Effetti indesiderati

Le reazioni avverse gravi che possono essere associate alla terapia con i cerotti transdermici di Buprenorfina nell'uso clinico sono simili a quelle osservate con altri analgesici oppioidi, inclusa depressione respiratoria (soprattutto se il medicinale viene utilizzato con altri depressori del SNC) e ipotensione (vedere paragrafo 4.4).
Si sono verificati gli effetti indesiderati descritti di seguito.
Molto comune (≥1/10)
Comune (da ≥1/100 a <1/10)
Non comune (da ≥1/1.000 a <1/100)
Raro (da ≥1/10.000 a <1/1.000)
Molto raro (<1/10.000)
Frequenza non nota (non può essere definita sulla base dei dati disponibili)
Classificazione per sistemi e organi
Molto comune
Comune
Non comune
Raro
Molto raro
Frequenza non nota
Disturbi del sistema immunitario
 
 
ipersensibilità
reazione anafilattica
 
reazione anafilattoide
Disturbi del metabolismo e della nutrizione
 
anoressia
 
disidratazione
 
 
Disturbi psichiatrici
 
confusione, depressione, insonnia, nervosismo, ansia
labilità affettiva, disturbi del sonno, irrequietezza, agitazione, umore euforico, allucinazioni, diminuzione della libido incubi, aggressione
disturbo psicotico
dipendenza da sostanze d'abuso, sbalzi d'umore
depersonalizzazione
Patologie del sistema nervoso
mal di testa, capogiri, sonnolenza
tremore
sedazione, disgeusia, disartria, ipoestesia, disturbi della memoria, emicrania, sincope, alterazione della coordinazione, disturbi dell'attenzione
parestesia
disturbo dell'equilibrio, disturbo del linguaggio
contrazioni muscolari involontarie
crisi convulsive
Patologie dell'occhio
 
 
occhio secco, visione offuscata
disturbi visivi, edema palpebrale, miosi
 
 
Patologie dell'orecchio e del labirinto
 
 
tinnito, vertigini
 
dolore alle orecchie
 
Patologie cardiache
 
 
palpitazioni, tachicardia
angina pectoris
 
 
Patologie vascolari
 
 
ipotensione, collasso circolatorio, ipertensione, vampate
vasodilatazione,
Ipotensione ortostatica
 
 
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche
 
dispnea
tosse, respiro sibilante, singhiozzo
depressione respiratoria, insufficienza respiratoria
asma aggravata,
iperventilazione, rinite
 
 
Patologie gastrointestinali
costipazione, nausea, vomito
dolori addominali, diarrea, dispepsia
bocca secca
flatulenza
disfagia, ileo
 
diverticolite
Patologie epatobiliari
 
 
 
 
 
colica biliare
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo
prurito, eritema,
eruzione cutanea, sudorazione, esantema
pelle secca, orticaria, dermatite da contatto
edema della faccia
pustole, vescicole
 
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo
 
debolezza muscolare
mialgia, spasmi muscolari
 
 
 
Patologie renali e urinarie
 
 
incontinenza urinaria ritenzione urinaria, difficoltà iniziale alla minzione
 
 
 
Patologie dell'apparato riproduttivo e della mammella
 
 
 
disfunzione erettile, disfunzione sessuale
 
 
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede amministrazione
reazione nel sito di applicazione compreso eritema, edema, prurito, eruzione cutanea
stanchezza, astenia, edema periferico,
affaticamento, piressia, brividi febbrili, edema, sindrome di astinenza da farmaco, dermatite al sito di applicazione*,dolore toracico
malattia simil influenzale
 
sindrome da astinenza da sostanza d'abuso neonatale
Esami diagnostici
 
 
aumento di alanina aminotransferasi, calo ponderale
 
 
 
Traumatismo, avvelenamento e complicazioni da procedura
 
 
lesioni accidentali, cadute
 
 
 
* In alcuni casi si sono verificate reazioni allergiche locali ritardate, con marcati segni di infiammazione. In tali casi il trattamento con Busette deve essere interrotto.
Buprenorfina ha un basso rischio di dipendenza fisica. Dopo l'interruzione dei cerotti transdermici di buprenorfina , i sintomi di astinenza sono improbabili. Questo può essere dovuto alla dissociazione molto lenta di buprenorfina dai recettori oppioidi e alla graduale diminuzione delle concentrazioni plasmatiche di buprenorfina (di solito nel corso di un periodo di 30 ore dopo la rimozione dell'ultimo cerotto). Tuttavia, dopo l'uso a lungo termine dei cerotti transdermici di buprenorfina , non sono del tutto da escludere sintomi di astinenza simili a quelli che si verificano durante l'astinenza da oppioidi. Questi sintomi includono agitazione, ansia, nervosismo, insonnia, ipercinesia, tremore e disturbi gastrointestinali.
Segnalazione delle reazioni avverse sospette
La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.

Sovradosaggio

Sintomi
Sono previsti sintomi simili a quelli di altri analgesici ad azione centrale. Questi includono depressione respiratoria, sedazione, sonnolenza, nausea, vomito, collasso cardiovascolare e miosi marcata.
Trattamento
Eventuali cerotti transdermici devono essere rimossi dalla pelle del paziente. È necessario stabilire e mantenere la pervietà delle vie aeree, la respirazione deve essere assistita o controllata, come indicato, e si devono mantenere adeguata temperatura corporea e bilancio idrico. Devono essere utilizzati, al bisogno, ossigeno, liquidi per via endovenosa, vasopressori e altre misure di supporto.
Uno specifico antagonista degli oppioidi, come naloxone, può invertire gli effetti di Buprenorfina, sebbene naloxone possa essere meno efficace nell'invertire gli effetti della buprenorfina rispetto ad altri agonisti Mu-oppioidi. Il trattamento con naloxone endovenoso continuo deve iniziare con la dose usuale ma possono essere richieste dosi più alte.


Scadenza

2 anni


Conservazione

Non conservare a temperatura superiore a 25°C.


Elenco degli eccipienti

Pellicola protettiva (da rimuovere prima di applicare il cerotto):
Foglio in poli(etilene tereftalato), siliconato
Matrice adesiva (contenente Buprenorfina):
Acido levulinico
Oleil oleato
Povidone K90
Poli[acido acrilico–co–butilacrilato–co–(2–etilexil)acrilato–co–vinilacetato] (5:15:75:5)
Pellicola di separazione (tra le matrici adesive con e senza buprenorfina):
Foglio in poli(etilene tereftalato)
Matrice adesiva (senza buprenorfina):
Adesivo acrilico
Strato di supporto (stampato):
Pellicola di supporto in poliuretano
Inchiostro da stampa


Foglietto Illustrativo


Fonti Ufficiali



Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o più prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Cerca