UniversitÓ degli Studi di MilanoFederazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Benoxinato Cloridrato Intes

Ultimo aggiornamento: 20/07/2021




Cos'Ŕ Benoxinato Cloridrato Intes?

Benoxinato Cloridrato Intes Ŕ un farmaco a base del principio attivo Oxibuprocaina Cloridrato, appartenente alla categoria degli Anestetici locali e nello specifico Anestetici locali. E' commercializzato in Italia dall'azienda Alfa INTES Industria Terapeutica Splendore - S.r.l..

Benoxinato Cloridrato Intes pu˛ essere prescritto con Ricetta RR - medicinali soggetti a prescrizione medica.


Confezioni

Benoxinato Cloridrato Intes 4 mg/ml collirio, soluzione 30 contenitori monodose 0,5 ml
Benoxinato Cloridrato Intes 4 mg/ml collirio, soluzione flacone 10 ml

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Alfa INTES Industria Terapeutica Splendore - S.r.l.
Ricetta: RR - medicinali soggetti a prescrizione medica
Classe: C
Principio attivo: Oxibuprocaina Cloridrato
Gruppo terapeutico: Anestetici locali
ATC: S01HA02 - Oxibuprocaina
Forma farmaceutica: collirio

Indicazioni

Tonometria, esame alle lenti a contatto; estrazione di corpi estranei o medicazioni dolorose; interventi dolorosi sul bulbo.


Posologia

Tonometria, esami alle lenti a contatto
Una o due gocce nel sacco congiuntivale. Attendere 1 minuto prima di applicare il tonometro.
Estrazione di corpi estranei dalla cornea, medicazioni dolorose
Una goccia per 2 o 3 volte nello spazio di 3 minuti.
Interventi dolorosi sul bulbo
Una goccia ogni 30 secondi ripetuta per 5-10 volte.

Controindicazioni

Ipersensibilità nota verso i componenti.
Generalmente controindicato in gravidanza e allattamento (v. par. 4.6).


Avvertenze speciali e precauzioni di impiego

Durante il periodo dell'anestesia, l'occhio non deve essere toccato e deve essere protetto dalla polvere e da eventuali contaminazioni batteriche. Come tutti gli anestetici locali il prodotto deve essere somministrato dal medico, unicamente al momento della necessità. L'uso ripetuto e incontrollato può provocare danni alla cornea.
Il prodotto deve essere somministrato con ogni cautela in soggetti con funzionalità epatica o cardiocircolatoria danneggiata (v. par. 4.8).
La monodose non contiene conservanti e pertanto va gettata dopo l'uso anche se parzialmente utilizzata.
Il prodotto, se accidentalmente ingerito o se impiegato per lungo periodo a dosi eccessive, può provocare fenomeni tossici.
Il flacone da 10 ml contiene benzalconio cloruro: sono stati riportati casi di irritazione agli occhi, occhio secco, alterazione del film e della superficie corneali a seguito di somministrazione oftalmica di benzalconio cloruro. Da usare con cautela nei pazienti con occhio secco e con compromissione della cornea. I pazienti devono essere monitorati in caso di uso prolungato. Dai limitati dati disponibili non ci sono differenze nel profilo di eventi avversi nei bambini rispetto agli adulti. Ad ogni modo generalmente gli occhi dei bambini reagiscono in maniera più marcata rispetto agli occhi degli adulti. L'irritazione nei bambini può quindi interferire con l'aderenza alla terapia.
Il Benzalconio cloruro può essere assorbito dalle lenti a contatto morbide e può portare al cambiamento del loro colore. Togliere le lenti a contatto prima di usare questo medicinale ed aspettare 15 minuti prima di riapplicarle.
Tenere il medicinale fuori della portata e dalla vista dei bambini.
Aprire il contenitore monodose ruotando l'aletta e instillare il prodotto. La monodose va gettata dopo l'uso anche se solo parzialmente utilizzata

Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione

I farmaci anticolinesterasici possono aumentare gli effetti del Benoxinato per una diminuzione della degradazione idrolitica. Il prodotto è incompatibile con nitrato d'argento, sali di mercurio, sostanze alcaline.

FertilitÓ, gravidanza e allattamento

Nelle donne in gravidanza e durante l'allattamento il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico.


Effetti sulla capacitÓádi guidare veicoli e sull'uso di macchinari

É raccomandabile lasciar terminare l'effetto anestetico prima di mettersi alla guida di veicoli o di utilizzare macchinari che richiedono attenzione.


Effetti indesiderati

Come tutti i medicinali, Benoxinato può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.
Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati. Non sono disponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza dei singoli effetti elencati.
Patologie dell'occhio
Occasionali e transitori fenomeni irritativi locali (sensazione di bruciore, dolore, iperemia congiuntivale). Sensibilizzazione allergica che può verificarsi a seguito di una seconda applicazione del prodotto.
Molto raramente sono stati riportati casi di calcificazione della cornea associati all'uso di colliri contenenti fosfati in pazienti con cornea significativamente danneggiata.
A seguito di assorbimento attraverso mucose o cute danneggiata possono verificarsi:
Patologie del sistema nervoso
Fenomeni di eccitazione del sistema nervoso centrale, nausea, vomito.
Patologie cardiache
Depressione del sistema cardiocircolatorio con pallore, sudorazione, sonnolenza, ipotensione.
Raramente aritmie.
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche
Sensibilizzazione allergica sistemica che richiede l'adozione di adeguate misure terapeutiche.
Raramente possono manifestarsi:
Patologie del sistema emolinfopoietico
Metaemoglobinemia.

Sovradosaggio

Raramente possono verificarsi fenomeni di sensibilizzazione locale o sistemica di solito a seguito di utilizzazione ripetuta del prodotto. Ove ciò si verifichi, occorre sospendere il trattamento ed instaurare tempestivamente una terapia idonea.
In caso di effetti sistemici, occorre sostenere immediatamente la respirazione e la circolazione mediante intubazione, respirazione artificiale, stimolanti del circolo.
Se si presentano convulsioni possono essere utilizzati barbiturici a breve durata di azione o diazepam; i barbiturici a lunga durata di azione non dovrebbero essere usati per il rischio di depressione del centro del respiro.


Scadenza

2 anni.
Contenitori monodose: il periodo di validità dopo la prima apertura della busta di alluminio è 28 giorni (vedere paragrafo 6.4). Il contenitore monodose va gettato dopo l'uso, anche se solo parzialmente utilizzato.
Flacone 10 ml: il periodo di validità dopo la prima apertura del flacone è 28 giorni (vedere paragrafo 6.4).


Conservazione

Conservare in frigorifero (2°C – 8°C).
Contenitori monodose:
Dopo la prima apertura della busta di alluminio:
  • Conservare i contenitori monodose nella busta di alluminio originale ed utilizzare entro 28 giorni.
  • Non conservare a temperatura superiore a 25°C.

Flacone 10 ml:

Dopo prima apertura del flacone non conservare a temperatura superiore a 25°C ed utilizzare entro 28 giorni.



Elenco degli eccipienti

Contenitori monodose: potassio diidrogeno fosfato; sodio cloruro; disodio fosfato dodecaidrato; acqua depurata.
Flacone 10 ml: potassio diidrogeno fosfato; sodio cloruro; disodio fosfato dodecaidrato: benzalconio cloruro; acqua depurata.


Farmaci Equivalenti

I farmaci equivalenti di Benoxinato Cloridrato Intes a base di Oxibuprocaina Cloridrato sono: Benoxinato Cloridrato Intes, Novesina

Foglietto Illustrativo


Fonti Ufficiali



Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o pi¨ prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Cerca