UniversitÓ degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
menu

Azoto Protossido Linde Medicale

Ultimo aggiornamento: 07/10/2019


Confezioni

Azoto Protossido Linde Medicale gas medicinale liquefatto 12 bombole in acciaio 450 kg
Azoto Protossido Linde Medicale gas medicinale liquefatto bombola 3,8 kg
Azoto Protossido Linde Medicale gas medicinale liquefatto bombola 30 kg
Azoto Protossido Linde Medicale gas medicinale liquefatto bombola 7,5 kg
Azoto Protossido Linde Medicale gas medicinale liquefatto criogenico fisso da 1125 kg
Azoto Protossido Linde Medicale gas medicinale liquefatto criogenico fisso da 2250 kg

A cosa serve

Azoto Protossido Linde Medicale Ŕ un farmaco a base del principio attivo Azoto Protossido, appartenente alla categoria degli Gas medicinali e nello specifico Altri anestetici generali. E' commercializzato in Italia dall'azienda Linde Medicale S.r.l..

Azoto Protossido Linde Medicale pu˛ essere prescritto con Ricetta OSP - medicinali soggetti a prescrizione medica limitativa, utilizzabili esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile.

Azoto Protossido Linde Medicale serve per la terapia e cura di varie malattie e patologie come .




Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare:Linde Medicale S.r.l.
Concessionario:Linde Medicale S.r.l.
Ricetta:OSP - medicinali soggetti a prescrizione medica limitativa, utilizzabili esclusivamente in ambiente ospedaliero o in struttura ad esso assimilabile
Classe:C
Principio attivo:Azoto Protossido
Gruppo terapeutico:Gas medicinali
Forma farmaceutica:gas


Indicazioni

In anestesia, in combinazione con altri anestetici somministrati per via inalatoria o per via endovenosa.
In analgesia/sedazione in tutte le condizioni nelle quali sia richiesto sollievo del dolore/sedazione a insorgenza rapida e a rapida caduta di effetto (interventi chirurgici di breve durata, traumatologia, ustioni, odontoiatria, otorinolaringoiatria, parto).

Posologia

Posologia
Come anestetico
Azoto protossido, utilizzato esclusivamente in sala operatoria o in sala parto, deve essere somministrato in miscela con l'ossigeno a concentrazioni inferiori al 79% impiegando attrezzature idonee, che devono includere il monitoraggio della concentrazione dell'ossigeno e un sistema che rendano impossibile la somministrazione di una miscela ipossica (frazione di ossigeno (FiO2) <21% v/v).
Azoto protossido non deve essere somministrato in concentrazioni maggiori superiori al 79% v/v in modo che sia sempre garantita una opportuna FiO2. Nei pazienti con una ridotta saturazione dell'ossigeno, deve essere usata una FiO2 adeguata di.
Nelle donne in gravidanza la percentuale di azoto protossido non deve superare il 50% v/v nella miscela con ossigeno a causa della tossicità propria del farmaco.
Il tempo di induzione è di 2-5 minuti con una concentrazione di azoto protossido del 70-75% v/v.
Dopo l'induzione, si utilizza solitamente azoto protossido tra il 50 ed il 70% v/v, con supplemento di ossigeno. La percentuale di azoto protossido può essere diminuita in linea con i parametri clinici e in considerazione del piano anestesiologico attuato.
Azoto protossido alla massima concentrazione permessa non può indurre anestesia da solo ed è, quindi, utilizzato in associazione con altri anestetici, somministrati per via endovenosa o inalatoria.
Azoto protossido non deve essere somministrato per più di 12 ore consecutive, a causa della sua tossicità midollare. L'esposizione ininterrotta (>24 ore) a azoto protossido aumenta il rischio di depressione midollare.
Come analgesico
Azoto protossido utilizzato come analgesico (associato ad ossigeno) a concentrazioni inferiori al 50% v/v allevia il dolore, ha azione sedativa e riduce l'agitazione, e normalmente non influisce sul grado di consapevolezza o sulla capacità di sostenere un discorso. Respirando, la circolazione e riflessi rimangono invariati a queste concentrazioni.
L'effetto sulla riduzione del dolore e l'effetto sedativo è dose-dipendente come pure gli effetti sulle funzioni cognitive.
L'esposizione del paziente all'azoto protossido come analgesico deve durare al massimo 1 ora e non deve essere ripetuta per più di 15 giorni consecutivi.
Modo di somministrazione
Per le raccomandazioni sulla sicurezza e istruzioni sulla modalità di somministrazione vedere paragrafo 6.6.

Controindicazioni

Ipersensibilità al principio attivo
Dilatazione e/o ostruzione intestinale
Intervento chirurgico con rischio di embolia gassosa
Chirurgia dell'orecchio medio
Enfisema, pneumotorace ed embolia gassosa
Primo e secondo trimestre di gravidanza (vedere ...

Avvertenze speciali e precauzioni di impiego

La frazione di ossigeno (FiO2) nella miscela inalata deve essere almeno del 21% v/v durante la fase di induzione. Nella pratica, viene spesso usato come limite inferiore una concentrazione del ...

Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione

Azoto protossido ha effetti additivi se usato in combinazione con altri anestetici o farmaci con azione depressiva sul sistema nervoso centrale (oppioidi, benzodiazepine ed altri farmaci psicotropi
L'azoto protossido potenzia ...

Prima di prendere "Azoto Protossido Linde Medicale" insieme ad altri farmaci come , etc.., chiedi al tuo al tuo medico o farmacista di fiducia di verificare che sia sicuro e non dannoso per la tua salute ...

Assumere Azoto Protossido Linde Medicale durante la gravidanza e l'allattamento

Posso prendere Azoto Protossido Linde Medicale durante la gravidanza e l'allattamento?
Gravidanza
Azoto protossido è controindicato al primo e al secondo trimestre di gravidanza (vedere paragrafo 4.3).
La mancanza di una tossicità fetale e neonatale indotta da protossido di azoto somministrato ...

Effetti sulla capacitÓádi guidare veicoli e sull'uso di macchinari

Azoto protossido altera la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari perchè altera la funzione cognitiva e psicomotoria. Anche se viene rapidamente eliminato dopo la somministrazione, come misura cautelativa, ...

Effetti indesiderati

Gli effetti indesiderati elencati derivano da dati di letteratura medico- e dal post marketing.
Sono utilizzate le seguenti categorie standard di frequenza: molto comune (≥ 1/10); comune (≥ 1/100 e ...

Sovradosaggio

Effetti indesiderati dovuti a sovradosaggio possono avere luogo in pazienti esposti a quantità di azoto protossido per lunghi periodi di tempo o con concentrazioni superiori a 80% v/v.
I primi ...

ProprietÓ farmacodinamiche

Categoria farmaco terapeutica:
Altri anestetici generali Codice ATC: NOIAX13
L'azoto protossido è un anestetico relativamente debole con buone proprietà analgesiche. Il meccanismo d'azione con cui esso agisce non è ...

ProprietÓ farmacocinetiche

Azoto protossido è somministrato per inalazione. L'assorbimento dipende dal gradiente pressorio fra il gas inalato e il sangue a livello degli alveoli polmonari. La distribuzione nei diversi tessuti corporei dipende ...

Dati preclinici di sicurezza

Esperimenti su animali dopo esposizione a lungo termine con azoto protossido hanno dimostrato effetti teratogeni; in particolare, risultati ottenuti da test effettuati su animali e sull'uomo indicano che un uso ...

Elenco degli eccipienti

Non applicabile
...

Farmaci Equivalenti

I farmaci equivalenti di Azoto Protossido Linde Medicale a base di Azoto Protossido sono: ...

Farmaci Esteri

Per conoscere i farmaci esteri che corrispondono ad Azoto Protossido Linde Medicale a base di Azoto Protossido

Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o pi¨ prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Sistema di supporto alla prescrizione
Serinfar Regulatory Assistance