Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Fenextra

Ultimo aggiornamento: 24/01/2020

Area RiservataFoglietto Illustrativo Dica33


Confezioni

Fenextra 200 mg gran. per sosp. os 12 bustine
Fenextra 300 mg gran. per sosp. os 30 bustine
Fenextra 400 mg 30 compresse rivestite con film
Fenextra 400 mg gran. per sosp. os 30 bustine

Cos'è Fenextra?

Fenextra è un farmaco a base del principio attivo Dexibuprofene, appartenente alla categoria degli Analgesici FANS e nello specifico Derivati dell'acido propionico. E' commercializzato in Italia dall'azienda Bruno Farmaceutici S.p.A..

Fenextra può essere prescritto con Ricetta RR - medicinali soggetti a prescrizione medica.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Bruno Farmaceutici S.p.A.
Concessionario: Bruno Farmaceutici S.p.A.
Ricetta: RR - medicinali soggetti a prescrizione medica
Classe: A
Principio attivo: Dexibuprofene
Gruppo terapeutico: Analgesici FANS
Forma farmaceutica: granulato

Indicazioni

  • Trattamento sintomatico del dolore e dell'infiammazione associati con l'osteoartrite.
  • Trattamento sintomatico acuto del dolore durante il periodo mestruale (dismenorrea primaria).
  • Trattamento sintomatico di altre forme del dolore lieve o moderato come il dolore muscoloscheletrico o il dolore dentale.

Posologia

Il dosaggio deve essere aggiustato in funzione della severità del disturbo e dei sintomi accusati dal paziente.
Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l'uso della dose minima efficace per la durata di trattamento più breve possibile necessaria per controllare i sintomi (vedere paragrafo 4.4).
Il Dexibuprofene è disponibile in compresse rivestite con film ed in granulato per sospensione orale da 200 mg, 300 mg e 400 mg, allo scopo di individualizzare il trattamento.
La singola dose massima è di 400.
La massima dose giornaliera è di 1200 mg. 
Dolore Lieve Moderato
La dose giornaliera raccomandata è di 600 mg, suddivisa fino a 3 somministrazioni.
Per il trattamento del dolore lieve o moderato, si raccomanda una singola dose iniziale di 200 mg di dexibuprofene e dosi giornaliere di 600 mg.
Nei soggetti in corso di riacutizzazione o con sintomatologia acuta, la dose di dexibuprofene può essere temporaneamente aumentata sino a 1200 mg al giorno.
Dismenorrea
Per la dismenorrea viene raccomandata una dose giornaliera da 600 a 900 mg di dexibuprofene, suddivisa fino a tre somministrazioni (per esempio 200 mg tre volte al giorno, o 300 mg due o tre volte al giorno).
Non sono stati condotti studi sull'uso di dexibuprofene nei bambini e negli adolescenti (< 18 anni):
non sono stati stabiliti parametri di sicurezza ed efficacia e quindi non è consigliato l'uso in questa fascia di età.
Negli anziani si raccomanda di iniziare la terapia alla dose più bassa. La dose può essere aumentata fino a quella generalmente consigliata, solo dopo essersi accertati della buona tollerabilità generale.
Disfunzione epatica: Pazienti con disfunzione epatica lieve o moderata devono iniziare la terapia a dosi ridotte e devono essere strettamente controllati. Dexibuprofene non va somministrato a pazienti con gravi disfunzioni epatiche. (vedi paragrafo 4.3.)
Disfunzione renale: Pazienti con disfunzione renale lieve o moderata devono iniziare la terapia a dosi ridotte. Dexibuprofene non va somministrato a pazienti con grave disfunzione renale (vedi paragrafo 4.3.).
Modo di somministrazione
FENEXTRA può essere assunto a stomaco pieno o vuoto (vedi paragrafo 5.2). In genere i FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) vengono preferibilmente assunti dopo i pasti per ridurre l'irritazione gastrointestinale, particolarmente nel caso di impiego prolungato.
Tuttavia è prevedibile in alcuni pazienti una latenza nell'insorgenza dell'effetto terapeutico se il prodotto viene assunto con i pasti o immediatamente dopo i pasti.
FENEXTRA “Granulato per sospensione orale“: disperdere il contenuto della bustina in mezzo bicchiere d'acqua.

Controindicazioni

Dexibuprofene non deve essere somministrato nei seguenti casi:
Pazienti con ipersensibilità al dexibuprofene, ad altri analgesici, antipiretici, a qualsiasi altro FANS o a qualsiasi eccipiente del prodotto.
Pazienti in cui sostanze con analogo meccanismo d'azione (per es. Aspirina o altri FANS) possono scatenare attacchi di asma, broncospasmo, rinite acuta o causare polipi nasali, orticaria o edema angioneurotico.
Ulcera peptica grave o in fase attiva.
Storia di emorragia gastrointestinale o perforazione relativa a precedenti trattamenti attivi o storia di emorragia/ulcera peptica ricorrente (due o più episodi distinti di dimostrata ulcerazione o sanguinamento).
Pazienti con morbo di Crohn attivo o con colite ulcerosa attiva.
Pazienti con insufficienza cardiaca severa (IV classe NYHA).
Pazienti con grave disfunzione renale (VFG < 30 ml/min).
Pazienti con funzionalità epatica gravemente ridotta.
Pazienti con diatesi emorragica ed altri disturbi della coagulazione o pazienti in trattamento con anticoagulanti.
Severa disidratazione (causata da vomito, diarrea o insufficiente apporto di liquidi).
A partire dal terzo trimestre di gravidanza (vedi paragrafo 4.6.).
Nei bambini e negli adolescenti (< 18 anni).


Avvertenze speciali e precauzioni di impiego

L'uso di FENEXTRA deve essere evitato in concomitanza di FANS, inclusi gli inibitori selettivi della ciclossigenasi-2 (COX-2), a causa di un incremento del rischio di ulcerazione o sanguinamento (vedere paragrafo ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione

L'informazione di questa sezione è basata sulla precedente esperienza con l'ibuprofene racemo e con altri FANS. In genere i FANS devono essere usati con cautela se somministrati in concomitanza con ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Interazioni riportate su letteratura scientifica internazionale
Prima di prendere "Fenextra" insieme ad altri farmaci come “Coumadin”, “Sintrom”, etc.., chiedi al tuo al tuo medico o farmacista di fiducia di verificare che sia sicuro e non dannoso per la tua salute ...

Assumere Fenextra durante la gravidanza e l'allattamento

Posso prendere Fenextra durante la gravidanza e l'allattamento?
Gravidanza
L'inibizione della sintesi di prostaglandine può interessare negativamente la gravidanza e/o lo sviluppo embrio/fetale.
Risultati di studi epidemiologici suggeriscono un aumentato rischio di aborto e di malformazione cardiaca e ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari

Durante il trattamento con Dexibuprofene la capacità di reazione del paziente può essere ridotta quando vertigini o stanchezza appaiono come effetti collaterali. Questo deve essere preso in considerazione quando è richiesto un particolare stato di allerta, per esempio quando si guida o quando si utilizzano macchine.
Per un uso singolo o di breve periodo di dexibuprofene non sono necessarie precauzioni particolari.


Effetti indesiderati

L'esperienza clinica ha mostrato che il rischio di effetti indesiderati indotti dal Dexibuprofene è paragonabile a quelli dell'ibuprofene racemo.
I più frequenti effetti collaterali sono di natura gastrointestinale. Si deve ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Sovradosaggio

Tossicità
Il Dexibuprofene ha una bassa tossicità acuta.
Alcuni soggetti sono sopravvissuti ad una singola dose di 54 g di ibuprofene racemo. La maggior parte dei casi di sovradosaggio sono stati riportati come asintomatici. Il rischio di sintomi si evidenzia a dosi > 80-100 mg/kg di ibuprofene racemo.
Sintomi
I primi sintomi di solito si presentano nelle prime 4 ore.
I sintomi lievi più comuni sono: dolori addominali, nausea, vomito, letargia, sonnolenza, cefalea, nistagmo, tinnito e atassia.
Raramente sono stati osservati sintomi moderati o gravi che includono sanguinamento gastrointestinale, ipotensione, ipotermia, acidosi metabolica, crisi epilettiformi, funzionalità renale ridotta, coma, sindrome da Distress respiratorio dell'adulto ed episodi transitori di apnea (nei bambini più piccoli a seguito di ingestione di alte dosi), diarrea e depressione del SNC e dell'apparato respiratorio.
In casi di avvelenamento grave, è possibile che si verifichi acidosi metabolica.
Trattamento
Il trattamento è sintomatico e non c'è un antidoto specifico.
Quantità che potrebbero rimanere asintomatiche (meno di 50 mg/kg di dexibuprofene) possono essere diluite con acqua per minimizzare il disturbo gastrointestinale. In caso di ingestione di significative quantità deve essere somministrato carbone vegetale. Lo svuotamento dello stomaco per emesi può essere effettuato solo se la procedura viene effettuata entro 60 minuti dall'ingestione. La lavanda gastrica non deve essere presa in considerazione a meno che il soggetto non abbia ingerito una dose di farmaco che ne minacci la vita e che la procedura possa essere effettuata entro 60 minuti dall'ingestione. Poiché il dexibuprofene si lega fortemente alle proteine plasmatiche è probabilmente inutile la diuresi forzata, l'emodialisi o l'emoperfusione.


Proprietà farmacodinamiche

Classe terapeutica: Prodotti antiinfiammatori e antireumatici non steroidei, derivati dell'acido propionico.
Codice ATC: M01AE14
Il Dexibuprofene o S (+) – ibuprofene è l'enantiomero farmacologicamente attivo dell'ibuprofene racemo.
L'ibuprofene racemo è ...


Proprietà farmacocinetiche

Il Dexibuprofene è assorbito principalmente nell'intestino tenue. Dopo la trasformazione metabolica nel fegato (idrossilazione, carbossilazione), i metaboliti farmacologicamente inattivi sono completamente escreti principalmente dai reni (90%), ma anche nella bile. ...


Dati preclinici di sicurezza

Studi paralleli di tossicità dopo somministrazione singola e a dosi ripetute, di tossicità riproduttiva e di mutagenesi, hanno dimostrato che il profilo tossicologico del Dexibuprofene è paragonabile a quello dell'ibuprofene ...


Elenco degli eccipienti

FENEXTRA Compresse rivestite con film
Cellulosa microcristallina, Sodio amido glicolato, Silice colloidale anidra, Talco, Macrogol 4000, Macrogol 6000, Idrossipropilcellulosa, Titanio diossido (E171).
FENEXTRA Granulato per sospensione orale
Sodio laurilsolfato,

Farmaci Equivalenti

I farmaci equivalenti di Fenextra a base di Dexibuprofene sono: Seractil - Compressa Rivestita, Seractil - Polvere

Farmaci Esteri

Per conoscere i farmaci esteri che corrispondono ad Fenextra a base di Dexibuprofene ...
Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o più prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Cerca
Sistema di supporto alla prescrizione
Codifa Regulatory Assistance