Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Esafosfina

Ultimo aggiornamento: 14/04/2020

Area RiservataFoglietto Illustrativo Dica33


Confezioni

Esafosfina 0,5 g/10 ml polv. e solv. per soluz. per infusione 4 flac. polv. 0, 5 g + 4 fiale solv. 10 ml

Cos'è Esafosfina?

Esafosfina è un farmaco a base del principio attivo Fosfructosio Sale Disodico, appartenente alla categoria degli Cardiovascolari: miocardiotrofici e nello specifico Altri preparati cardiaci. E' commercializzato in Italia dall'azienda Biomedica Foscama Industria chimico-farmaceutica S.p.a..

Esafosfina può essere prescritto con Ricetta RR - medicinali soggetti a prescrizione medica.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Biomedica Foscama Industria chimico-farmaceutica S.p.a.
Concessionario: Biomedica Foscama Industria chimico-farmaceutica S.p.a.
Ricetta: RR - medicinali soggetti a prescrizione medica
Classe: C
Principio attivo: Fosfructosio Sale Disodico
Gruppo terapeutico: Cardiovascolari: miocardiotrofici
Forma farmaceutica: fiale/flaconcini + solvente

Indicazioni

Ipofosfatemia accertata.

Posologia

Posologia
La dose giornaliera consigliata, a seconda della gravità delle condizioni, è compresa tra 70 mg/kg e 160 mg/kg di principio attivo generalmente pari nell'adulto a 1-2 flaconi al giorno di ESAFOSFINA “5 g/50 ml polvere e solvente per soluzione per infusione“, oppure 1 flacone al giorno di ESAFOSFINA “10 g/100 ml soluzione per infusione“, salvo diversa prescrizione medica.
La quantità da somministrare dovrà essere stabilita in funzione del grado di ipofosfatemia, al fine di evitare un eccessivo carico di fosforo. Nei pazienti sottoposti a nutrizione parenterale totale, il dosaggio va determinato tenendo conto dei livelli di assunzione giornalieri raccomandati di fosforo.
Per i dosaggi più elevati si consiglia di frazionare la dose giornaliera totale in due somministrazioni.
Per la somministrazione di dosaggi più bassi si può far ricorso ad ESAFOSFINA “0,5 g/10 ml polvere e solvente per soluzione per infusione“.
Non superare le dosi consigliate.
Popolazione pediatrica
Anche nei bambini la posologia va stabilita tenendo conto del peso corporeo.
Modo di somministrazione
Per le istruzioni sulla modalità di preparazione del medicinale prima della somministrazione e sulla somministrazione, vedere paragrafo 6.6.

Controindicazioni

Intolleranza ereditaria al fruttosio, iperfosfatemia, insufficienza renale, ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.


Avvertenze speciali e precauzioni di impiego

La diffusione extravasale durante l'infusione può provocare dolore e irritazione locale.
È consigliabile monitorare le concentrazioni plasmatiche degli elettroliti in corso di trattamento. Nei pazienti con clearance della creatinina inferiore ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione


Assumere Esafosfina durante la gravidanza e l'allattamento

Posso prendere Esafosfina durante la gravidanza e l'allattamento?
Gli studi preclinici non indicano effetti nocivi diretti o indiretti relativamente alla gravidanza, allo sviluppo embriofetale, al parto o allo sviluppo postnatale (vedere paragrafo 5.3).
ESAFOSFINA è stata usata in ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari

ESAFOSFINA non altera, o altera in modo trascurabile, la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.


Effetti indesiderati

L'infusione rapida può determinare l'insorgenza di dolore ed irritazione nella sede d'iniezione, particolarmente in caso di impiego di ESAFOSFINA “10 g/100 ml soluzione per infusione“. In caso di infusione con ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Sovradosaggio

Non sono stati riportati casi di sovradosaggio.
Tuttavia, dosi eccessive e/o troppo ravvicinate di ESAFOSFINA potrebbero in linea di principio provocare iperfosfatemia, che a sua volta può dar luogo ad ipocalcemia.
Il trattamento del sovradosaggio è rappresentato dalla immediata sospensione della somministrazione e dalla correzione dell'eventuale squilibrio idroelettrolitico risultante.
Potrebbe essere necessario attuare specifiche misure per la riduzione della fosfatemia, come la somministrazione per via orale di agenti chelanti del fosforo o la dialisi renale.


Proprietà farmacodinamiche

Categoria farmacoterapeutica: Altri preparati cardiaci, Codice ATC: C01EB07.
Il fosfato è il principale anione nei fluidi intracellulari. È presente nel plasma in forma sia inorganica che organica, quale costituente di ...


Proprietà farmacocinetiche

Assorbimento
La concentrazione plasmatica di FDP misurata entro 5 minuti dall'infusione di 250 mg/kg in volontari sani è di 770 mg/l.
Distribuzione
Ottanta minuti dopo il termine dell'infusione non sono ...


Dati preclinici di sicurezza

I dati preclinici non rivelano rischi per l'uomo sulla base di studi convenzionali di farmacologia di sicurezza, tossicità per somministrazioni ripetute, genotossicità, tossicità riproduttiva.
...


Elenco degli eccipienti

ESAFOSFINA “0,5 g/10 ml polvere e solvente per soluzione per infusione“:
Il flaconcino di polvere contiene il solo principio attivo e la fiala solvente contiene acqua per preparazioni iniettabili.


Farmaci Esteri

Per conoscere i farmaci esteri che corrispondono ad Esafosfina a base di Fosfructosio Sale Disodico ...
Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o più prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Cerca
Sistema di supporto alla prescrizione
Codifa Regulatory Assistance