UniversitÓ degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Candesartan Cilexetil





A cosa serve

Il candesartan appartiene alla classe degli inibitori del recettore dell'angiotensina II e agisce bloccando l'azione di molecole naturali che causano il restringimento dei vasi sanguigni. In questo modo permette al sangue di fluire più facilmente al cuore e di pomparlo più efficientemente.

Indicazioni

Il candesartan viene utilizzato da solo o in combinazione con altri farmaci in caso di pressione alta, ma non permette di curarla. L'effetto è un controllo dei valori pressori, che possono richiedere anche 4 o 6 settimane prima di diminuire significativamente. Il candesartan può inoltre può essere utilizzato, anche in combinazione con altri farmaci, per trattare lo scompenso cardiaco congestizio. A volte trova applicazione anche nel trattamento della nefropatia diabetica.

Posologia

Il candesartan si assume per via orale sotto forma di compresse. In genere deve essere assunto 1 o 2 volte al giorno, a stomaco pieno o vuoto. Potrebbe iniziare con un basso dosaggio per poi aumentarlo gradualmente.

Medicinali che contengono il Principio Attivo Candesartan Cilexetil


Controindicazioni

Non prenda Candesartan Cilexetil se:
  • è allergico (ipersensibile) a candesartan cilexetil o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale,
  • se è in stato di gravidanza,
  • ha una grave malattia del fegato o ostruzione delle vie biliari (un problema di drenaggio della bile da parte della cistifellea),
  • se il paziente è un bambino al di sotto di 1 anno di età, se soffre di diabete o la sua funzione renale è compromessa ed è in trattamento con un medicinale che abbassa la pressione del sangue, contenente aliskiren.

Avvertenze

La terapia con Candesartan Cilexetil soprattutto in pazienti con scompenso cardiaco, potrebbe determinare una significativa riduzione della funzionalità renale, pertanto sarebbe opportuno monitorare costantemente i livelli plasmatici di potassio e creatinina. E' doveroso considerare che la concomitante somministrazione di farmaci in grado di interferire con il sistema renina-angiotensina, o antipertensivi di varia natura, potrebbe determinare episodi ipotensivi anche gravi. Particolare attenzione dev'essere effettuata in caso di somministrazione contestuale di diuretici risparmiatori di potassio, per il rischio di iperpotassiemia e conseguente alterazione del normale ritmo cardiaco. Ictus e infarto potrebbero essere più frequenti in pazienti con cardiopatia ischemica o malattia ischemica cardiovascolare, a causa dello spinto effetto ipotensivo del farmaco. La presenza di lattosio potrebbe determinare una serie di effetti collaterali in pazienti intolleranti al galattosio, al lattosio o affetti da deficit di lattasi e malassorbimento di glucosio e/o galattosio. Nonostante l'assenza di una correlazione diretta tra somministrazione di Candesartan Cilexetil riduzione delle potenzialità percettive e reattive del paziente, eventuali episodi ipotensivi o effetti collaterali di varia natura, potrebbero compromettere la capacità di guida e di utilizzo dei macchinari.

Interazioni

L'assunzione contemporanea di altri farmaci ad attività antipertensiva, o in grado di incidere sul sistema renina-angiontensina, potrebbe determinare un aumento dell'effetto ipotensivo con conseguente rischio per la salute del paziente. Diuretici risparmiatori di potassio, o integratori di questo oligoelemento, potrebbero aumentare il rischio di iperkaliemia. Gli antinfiammatori non steroidei potrebbero invece contrastare l'azione antipertensiva del Candesartan Cilexetil

Effetti Indesiderati

Fra i possibili effetti avversi del candesartan sono inclusi: capogiri, mal di gola, mal di schiena, mal di testa. Effetti più severi: difficoltà a respirare o a difficoltà a deglutire, gonfiori di volto, gola, lingua, labbra, occhi, mani, piedi, caviglie e polpacci, raucedine, riduzione della produzione di urina

Sovradosaggio

In caso di sovradosaggio sospendere la somministrazione di candesartan. Sulla base del meccanismo d’azione che il candesartan esplica, in caso di sovradosaggio potrebbero manifestarsi ipotensione e vertigini. Se dovesse insorgere ipotensione sintomatica dovuta al sovradosaggio il paziente dovrebbe essere posto in posizione supina con le gambe sollevate e monitorato nelle sue funzioni vitali. In caso di persistenza di ipotensione, il volume plasmatico deve essere incrementato mediante infusione di soluzioni saline isotoniche o, se la situazione non viene corretta con questi interventi, possono essere somministrati farmaci simpaticomimetici.

Gravidanza e Allattamento

Gravidanza
Candesartan Cilexetil non è raccomandato all'inizio della gravidanza, e non deve essere assunto se lei è in stato di gravidanza da più di tre mesi, poiché esso può causare grave danno al bambino se preso dopo il terzo mese di gravidanza.
Allattamento
Candesartan Cilexetil non è raccomandato per le donne che stanno allattando e il medico può scegliere per lei un altro trattamento se lei desidera allattare, specialmente se il suo bambino è neonato o è nato prematuro.

Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o pi¨ prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Cerca