UniversitÓ degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Acido Ursodesossicolico





A cosa serve

L'acido Ursodesossicolico è un principio attivo appartenente al gruppo dei bifosfonati. L'Acido Ursodesossicolico viene somministrato per via orale, sotto forma di compresse o capsule.
Può essere dispensato dietro presentazione di ricetta medica ripetibile (RR). L'Acido Ursodesossicolico è un acido biliare di sintesi attivo nel trattamento della calcolosi biliare per la sua capacità di favorire la dissoluzione dei calcoli biliari ricchi di colesterolo. È contenuto anche nella bile umana.

Indicazioni

L'acido Ursodesossicolico è indicato nel trattamento della calcolosi biliare colesterolica, nelle dispepsie biliari e nelle alterazioni quali-quantitative della secrezione biliare, con produzione di bile sovrasatura di colesterolo. Alterazioni qualitative o quantitative della funzione biligenetica, comprese le forme di bile sovrasatura in colesterolo, per opporsi alla formazione di calcoli di colesterolo o per realizzare condizioni idonee allo scioglimento se sono già presenti calcoli radiotrasparenti: in particolare calcoli colecistici in colecisti funzionante e calcoli nel coledoco residuanti e ricorrenti dopo interventi sulle vie biliari.

Posologia

Nell'uso prolungato per ridurre le caratteristiche litogene della bile, la posologia è di 450 mg al giorno, mentre nei pazienti obesi, o comunque in presenza di altri fattori litogeni importanti, è opportuno elevare il dosaggio giornaliero a 675 mg; un dosaggio più elevato è consigliabile anche nei casi con calcoli di dimensioni superiori a 2 cm.
Per mantenere le condizioni idonee allo scioglimento dei calcoli già presenti, la durata del trattamento deve essere di almeno 4-6 mesi, fino anche a 9 mesi o più, ininterrottamente e deve essere proseguita per 3-4 mesi dopo la scomparsa radiologica od ecografica dei calcoli stessi.
Il trattamento non deve comunque superare i due anni. Nelle sindromi dispeptiche e nelle terapie di mantenimento sono sufficienti dosi minori: 225 mg al giorno. Le dosi possono essere modificate a giudizio del medico; in particolare l'ottima tollerabilità del preparato permette di
adottare anche dosi sensibilmente più elevate. La somministrazione di acido ursodesossicolico a rilascio modificato va effettuata in unica assunzione serale, preferibilmente al momento di coricarsi. Non esiste alcuna indicazione per un uso specifico di acido ursodesossicolico nella popolazione pediatrica.

Medicinali che contengono il Principio Attivo Acido Ursodesossicolico


Controindicazioni

L'utilizzo dell’acido ursodesossocolico è controindicato nei seguenti casi:
  • se ha un’infiammazione acuta della cistifellea (colecisti) o delle vie biliari;
  • se presenta un blocco delle vie biliari (occlusione del dotto biliare comune o cistico);
  • se soffre frequentemente di dolori all’alto addome (coliche biliari);
  • se ha dei calcoli calcificati visibili ai raggi X;
  • se soffre di una ridotta motilità della cistifellea;
  • se è in stato di gravidanza o se sta allattando con latte materno;
  • se soffre di lesioni allo stomaco o all’intestino (ulcera gastrica o duodenale) in fase attiva;
  • se ha colorazione giallastra della pelle (itteri ostruttivi)
  • se ha problemi al fegato (, epatopatie gravi);
  • se ha gravi alterazioni al pancreas o all’intestino che possono alterare la circolazione sanguigna dei Sali biliari;
  • se questo medicinale è destinato ad un bambino con malformazioni del sistema biliare (atresia biliare) la cui portoenterostomia (intervento chirurgico per ripristinare il flusso biliare) non è riuscita o non si ha avuto il recupero di un buon flusso della bile.

Avvertenze

Nei pazienti con coliche biliari frequenti, con infezioni biliari, con gravi alterazioni pancreatiche o con affezioni intestinali che possono alterare la circolazione enteroepatica degli acidi biliari (resezione e stomia dell'ileo, ileite regionale, etc) è consigliabile evitare l'uso della sostanza.
Iniziando trattamenti dissolutori a lungo termine è opportuno effettuare un controllo preliminare delle transaminasi e della fosfatasi alcalina.
Il presupposto per instaurare un trattamento calcololitico con acido ursodesossicolico è rappresentato dalla natura colesterolica dei calcoli stessi; un indice attendibile in tal senso è rappresentato dalla loro radiotrasparenza.
I calcoli biliari che presentano più elevata probabilità di dissoluzione sono quelli di piccole dimensioni in colecisti funzionante; l'avvenuta desaturazione della bile in colesterolo rappresenta un utile elemento di previsione per un buon esito del trattamento, ma non è determinante, dato che la dissoluzione può avvenire anche per un processo fisico di formazione di cristalli liquidi indipendente dallo stato di saturazione.
Nei pazienti in trattamento per la dissoluzione di calcoli biliari è opportuno verificare l'efficacia del medicamento mediante esami colecistografici o ecografici ogni 6 mesi.

Interazioni

Evitare l'associazione con sostanze che inibiscono l'assorbimento intestinale degli acidi biliari, come ad esempio la colestiramina, e con farmaci che aumentano l'eliminazione biliare del colesterolo (estrogeni, contraccetivi ormonali, alcuni ipolipemizzanti).
Evitare l'associazione con farmaci potenzialmente epatolesivi.

Effetti Indesiderati

L'assunzione di Acido Ursodesossicolico può causare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestino. Tra questi è importante ricordare:
  • disturbi gastrointestinali: feci pastose, diarrea, irregolarità dell'alvo;
  • disturbi epatobiliari: calcificazione dei calcoli biliari (verificatasi in casi molto rari);
  • disturbi della cute e del tessuto sottocutaneo: orticaria (in casi molto rari).

Sovradosaggio

Non sono conosciuti casi di sovradosaggio oltre 4 g al giorno (dose questa risultata ben tollerata). In caso di ingestione accidentale di acido ursodesossicolico in dosi altamente superiori, si suggerisce di porre in atto i normali provvedimenti consigliati nella patologia da intossicazione e di somministrare colestiramina, in quanto capace di chelare gli acidi biliari.

Gravidanza e Allattamento

Non usi questo medicinale durante la gravidanza se non è assolutamente necessario. Prima di iniziare il trattamento accertarsi di non essere incinta. Se è in età fertile potrà iniziare il trattamento con questo medicinale soltanto se sta utilizzando un metodo contraccettivo sicuro (contraccettivi orali non ormonali o a basso contenuto di estrogeni). Se è in terapia per la dissoluzione dei calcoli, usi un contraccettivo efficace non ormonale, poiché i contraccettivi orali ormonali possono aumentare la formazione dei calcoli della colecisti.

Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o pi¨ prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Cerca