transparent
UniversitÓ degli Studi di MilanoFederazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Nebivololo E Idroclorotiazide Teva Italia

Teva Italia S.r.l. - Sede legale
Ultimo aggiornamento: 17/09/2021




Cos'Ŕ Nebivololo E Idroclorotiazide Teva Italia?

Nebivololo E Idroclorotiazide Teva Italia Ŕ un farmaco a base del principio attivo Nebivololo + Idroclorotiazide, appartenente alla categoria degli Betabloccanti selettivi e nello specifico Betabloccanti selettivi e tiazidi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Teva Italia S.r.l. - Sede legale.

Nebivololo E Idroclorotiazide Teva Italia pu˛ essere prescritto con Ricetta RR - medicinali soggetti a prescrizione medica.

Confezioni


Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Teva B.V.
Concessionario: Teva Italia S.r.l. - Sede legale
Ricetta: RR - medicinali soggetti a prescrizione medica
Classe: A
Principio attivo: Nebivololo + Idroclorotiazide
Gruppo terapeutico: Betabloccanti selettivi
Forma farmaceutica: compresse rivestite

Indicazioni

Trattamento dell'ipertensione essenziale.
La combinazione in dose fissa Nebivololo + Idroclorotiazide Teva Italia 5 mg/12,5 mg è indicata nei pazienti la cui pressione sanguigna è adeguatamente controllata con somministrazione concomitante di nebivololo 5 mg e idroclorotiazide 12,5 mg.
La combinazione in dose fissa Nebivololo e Idroclorotiazide Teva Italia 5 mg/25 mg è indicata nei pazienti la cui pressione sanguigna è adeguatamente controllata con somministrazione concomitante di nebivololo 5 mg e idroclorotiazide 25 mg.

Posologia

Posologia
Adulti
Nebivololo + Idroclorotiazide Teva Italia 5 mg/12,5 mg è indicato nei pazienti in cui la pressione sanguigna risulta adeguatamente controllata con somministrazione concomitante di nebivololo 5 mg e idroclorotiazide 12,5 mg.
La dose è di una compressa (5 mg/12,5 mg) al giorno, preferibilmente alla stessa ora del giorno.
Nebivololo e Idroclorotiazide Teva Italia 5 mg/25 mg è indicato nei pazienti in cui la pressione sanguigna risulta adeguatamente controllata con somministrazione concomitante di nebivololo 5 mg e idroclorotiazide 25 mg.
La dose è di una compressa (5 mg/25 mg) al giorno, preferibilmente alla stessa ora del giorno.
Pazienti con insufficienza renale
Nebivololo e Idroclorotiazide Teva Italia non deve essere somministrato ai pazienti con insufficienza renale grave (vedere anche paragrafo 4.3 e 4.4).
Pazienti con insufficienza epatica
I dati sui pazienti con insufficienza epatica o funzionalità epatica compromessa sono limitati. Per questo motivo l'uso di Nebivololo e Idroclorotiazide Teva Italia in questi pazienti è controindicato.
Anziani
In considerazione delle scarse esperienze maturate sui pazienti di età superiore a 75 anni, occorre usare cautela e monitorare accuratamente questi pazienti.
Popolazione pediatrica
L'efficacia e la sicurezza di Nebivololo e Idroclorotiazide Teva Italia nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 18 anni non sono state stabilite. Non ci sono dati disponibili. Pertanto l'uso nei bambini e negli adolescenti non è raccomandato.
Modo di somministrazione
Uso orale.
Le compresse devono essere assunte a digiuno almeno 30 minuti prima dei pasti.

Controindicazioni

  • Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.
  • Ipersensibilità ad altri derivati della sulfonamide (perché l'idroclorotiazide è un derivato della sulfonamide).
  • Insufficienza epatica o compromissione della funzionalità epatica.
  • Anuria, insufficienza renale grave (clearance della creatinina <30 ml/min).
  • Scompenso cardiaco acuto, shock cardiogeno o episodi di insufficienza cardiaca scompensata che richiedano una terapia endovenosa inotropa.
  • Sindrome del seno malato, compreso il blocco seno-atriale.
  • Blocco atrioventricolare di secondo e terzo grado (senza pacemaker).
  • Bradicardia (frequenza cardiaca <60 bpm prima dell'inizio della terapia).
  • Ipotensione (pressione sanguigna <90 mmHg).
  • Gravi patologie circolatorie periferiche.
  • Storia di broncospasmo e asma bronchiale.
  • Feocromocitoma non trattato.
  • Acidosi metabolica.
  • Ipokaliemia refrattaria, ipercalcemia, iponatriemia ed iperuricemia sintomatica.


Avvertenze speciali e precauzioni di impiego

Tutte le avvertenze relative a ciascun monocomponente, elencate sotto, si applicano anche alla combinazione fissa Nebivololo + Idroclorotiazide Teva Italia. Vedere anche paragrafo 4.8.
Nebivololo
Le seguenti avvertenze e precauzioni ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione

Interazioni farmacodinamiche:
Nebivololo
Le seguenti interazioni riflettono quelle che generalmente vengono descritte per gli antagonisti beta-adrenergici.
Associazioni non raccomandate
Antiaritmici di classe I (chinidina, idrochinidina, cibenzolina, flecainide, disopiramide, lidocaina, mexiletina, ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Assumere Nebivololo E Idroclorotiazide Teva Italia durante la gravidanza e l'allattamento

Posso prendere Nebivololo E Idroclorotiazide Teva Italia durante la gravidanza e l'allattamento?
Gravidanza
I dati relativi all'uso di Nebivololo + Idroclorotiazide Teva Italia in donne in gravidanza sono insufficienti. Gli studi sugli animali relativi ai due componenti separati non sono sufficienti a ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Effetti sulla capacitÓádi guidare veicoli e sull'uso di macchinari

Non è stato eseguito alcuno studio relativo agli effetti sulla capacità di guidare veicoli ed usare macchinari. Quando tuttavia si guidano veicoli o si azionano macchinari occorre tener conto che la terapia antiipertensiva può occasionalmente causare capogiri e affaticamento.


Effetti indesiderati

Gli eventi avversi vengono elencati separatamente per ogni singolo principio attivo.
Nebivololo
La tabella che segue presenta gli eventi avversi riferiti in seguito a somministrazione del solo nebivololo, che nella ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Sovradosaggio

Sintomi
Non si dispone di dati relativi al sovradosaggio di nebivololo. I sintomi di sovradosaggio con beta-bloccanti sono: bradicardia, ipotensione, broncospasmo e insufficienza cardiaca acuta.
Il sovradosaggio di idroclorotiazide è associato a deplezione di elettroliti (ipokaliemia, ipocloremia, iponatriemia) e a disidratazione conseguente a un eccesso di diuresi. I segni e sintomi più comuni di sovradosaggio da idroclorotiazide sono nausea e sonnolenza. L'ipokaliemia può causare spasmo muscolare e/o aritmie cardiache accentuate associate all'uso concomitante di glicosidi della digitale o di certi farmaci antiaritmici.
Trattamento
In caso di sovradosaggio o di ipersensibilità il paziente deve essere tenuto sotto stretta sorveglianza ed essere trattato in un reparto di terapia intensiva. Occorre controllare la glicemia e monitorare frequentemente gli elettroliti sierici e la creatinina. L'assorbimento di residui di farmaco ancora presenti nel tratto gastrointestinale può essere evitato mediante lavanda gastrica e somministrazione di carbone attivo e di un lassativo. Può rendersi necessaria la respirazione artificiale. Bradicardia o reazioni vagali estese devono essere trattate somministrando atropina o metilatropina. Ipotensione e shock devono essere trattati con plasma/sostituti del plasma e, se necessario, con catecolamine. Si devono correggere gli squilibri elettrolitici. L'effetto beta-bloccante può essere contrastato somministrando lentamente per endovena isoprenalina cloridrato, iniziando con una dose di circa 5 μg/minuto, oppure dobutamina, iniziando con una dose di 2,5 μg/minuto, fino ad ottenere l'effetto richiesto. In casi refrattari è possibile combinare isoprenalina e dopamina. Se ciò non produce l'effetto desiderato, può essere presa in considerazione la somministrazione per via endovenosa di glucagone 50-100 μg/kg. Se necessario, l'iniezione può essere ripetuta entro un'ora e ad essa deve seguire – se necessaria – un'infusione endovenosa di glucagone 70 μg/kg/h. In casi estremi di bradicardia resistente al trattamento, è possibile inserire un pacemaker.


ProprietÓ farmacodinamiche

Categoria farmacoterapeutica: agenti beta-bloccanti, selettivi, e tiazidi, codice ATC: C07BB12
Nebivololo + Idroclorotiazide Teva Italia è una combinazione di nebivololo (un antagonista selettivo dei recettori beta-adrenergici) e idroclorotiazide (un diuretico ...


ProprietÓ farmacocinetiche

La somministrazione concomitante di Nebivololo + Idroclorotiazide non ha alcun effetto sulla biodisponibilità dei due principi attivi. La compressa combinata è bioequivalente alla somministrazione concomitante dei due componenti separati.
Nebivololo
...


Dati preclinici di sicurezza

I dati preclinici non rivelano rischi particolari per l'uomo associati ad una combinazione di Nebivololo + Idroclorotiazide. Ciò si basa su studi convenzionali di sicurezza farmacologica, tossicità a dosi ripetute, ...


Elenco degli eccipienti

Nucleo della compressa
Polisorbato 80
Ipromellosa (13,6 mPas)
Lattosio monoidrato
Amido di mais
Acido citrico monoidrato
Cellulosa microcristallina
Silice colloidale anidra
Magnesio stearato
Rivestimento della compressa
Opadry® bianco 03A580004 [soltanto

Farmaci Esteri

Per conoscere i farmaci esteri che corrispondono ad Nebivololo E Idroclorotiazide Teva Italia a base di Nebivololo + Idroclorotiazide ...
Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Fonti Ufficiali



Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o pi¨ prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Cerca