UniversitÓ degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Diamond V Xp/Ls

Ultimo aggiornamento: 20/08/2019




Informazioni commerciali



Confezioni

Diamond V Xp/Ls os sfarinato 25 kg


Formulazione

1 kg = vit. B1 tiamina 4,40 mg, vit. B2 riboflavina 4,40 mg, vit. B5 acido pantotenico 4,40 mg, vit. B6 piridossina 4,40 mg, vit. B9 acido folico 0,40 mg, vit. B12 cobalamina 4,40 mcg, vit. A retinolo 22.000 UI, vit E tocoferolo 9,90 UI, vit. H biotina 0,40 mg, vit. PP niacina 55 mg, colina 1102 mg, calcio 0,05%, fosforo 0,60%, magnesio 0,25%, potassio 0,90%, zolfo 0,15%, sodio 0,03%, manganese 55 mg, ferro 132 mg, rame 9,90 mg, zinco 66 mg, cobalto 2 mg, selenio 0.20 mg, lisina 0,70%, metionina 0,30%, cistina 0,15%, triptofano 0,15%, treonina 0,60%, isoleucina 0,90%, leucina 1,40%, fenilalanina 0,45%, arginina 0,70%, istidina 0,70%, valina 0,60%; componenti: glutine di mais, mais farina, frumento farina, segale farina, melasso di canna.

Indicazioni

funzione prebiotica; migliora il metabolismo gastrointestinale.

Posologia

Bovini da latte: vitelle pre/post-svezzamento: 20-30 g/capo/gg; vacche in asciutta: 40-60 g/capo/gg, vacche in lattazione: 40/60 g/capo/gg. Bovine da ingrasso: starter/istallo: 40-60 g/capo/gg; accrescimento e finissaggio: 20-30 g/capo/gg. Ovini e caprini: agnelli/capretti 10 g/capo/gg; animali adulti: 15-20 g/capo/gg. Equini: puledri: 15-20 g/capo/gg; fattrici, stalloni e animali da lavoro: 20-30 g/capo/gg; animali da concorso e agonisti: 40-60 g/capo/gg. Struzzi: riproduttori/svezzamento: 20-30 g/capo/gg; mantenimento: 15-20 g/capo/gg. Suini: sottoscrofa 1░ e 2░ periodo: 1-0,5%; ingrasso/finissaggio: 0,2-0,3%; scrofe gestazione e lattazione: 1-0,5%. Avicoli e tacchini: starter e 1░ periodo: 0,5-0,25%; riproduttori: 0,3%, ovaiole/fine deposizione e muta: 0,5-0,25%; polli e tacchini in accrescimento: 0,25-0,1%; altre specie: pesci: 1-0,5%; conigli e animali da pelliccia: 1-0,5%; Pet Food: 1-0,5%. Le dosi riportate devono essere intese come valori medi normali e si deve tener conto della taglia dei soggetti, del loro stato di salute e della situazione generale di allevamento. In caso di forte stress, Ŕ possibile aumentare le dosi fino a valori doppi di quelli normali.