Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Zodon

Ultimo aggiornamento: 29/03/2021




A cosa serve

Zodon è un medicinale veterinario a base del principio attivo Clindamicina Cloridrato, appartenente alla categoria degli Antibatterici lincosamidici e nello specifico Lincosamidi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Ceva Salute Animale S.p.A..

Zodon può essere prescritto con Ricetta RRV - ricetta medico-veterinaria in copia unica ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Ceva Salute Animale S.p.A.
Concessionario: Ceva Salute Animale S.p.A.
Ricetta: RRV - ricetta medico-veterinaria in copia unica ripetibile
Principio attivo: Clindamicina Cloridrato
Gruppo terapeutico: Antibatterici lincosamidici
Forma farmaceutica: soluzione

Confezioni

Zodon 25 mg/ml soluzione os per cani e gatti flacone multidose 20 ml + 1 siringa 3 ml

Principio Attivo

ogni ml contiene: Clindamicina 25,0 mg (pari a 27,15 mg Clindamicina cloridrato).

Indicazioni

gatti: per il trattamento di ferite infette ed ascessi causati da specie di Staphylococcus spp. e Streptococcus spp. sensibili alla clindamicina.
Cani: per il trattamento di ferite infette, ascessi ed infezioni della cavità orale/dentali causate da o associate a specie di Staphylococcus spp., Streptococcus spp., Bacteroides spp., Fusobacterium necrophorum, Clostridium perfringens sensibili alla clindamicina. Trattamento coadiuvante nella terapia meccanica o chirurgica peridontale nel trattamento di infezioni dei tessuti gengivali eperidontali. Per il trattamento di osteomieliti causate da Staphylococcus aureus.

Posologia

uso orale. Dosaggio consigliato: Gatti: ferite infette, ascessi: 11 mg di clindamicina per kg di peso corporeo per 24 h o 5,5 mg/kg per 12 h da 7 a 10 giorni. Interrompere il trattamento se non si osserva un effetto terapeutico dopo 4 giorni. Cani: ferite infette, ascessi ed infezioni della cavità orale/dentali: 11 mg clindamicina per kg di peso corporeo per 24 h o 5,5 mg/kg per 12 h da 7 a 10 giorni. Interrompere il trattamento se non si osserva un effetto terapeutico dopo 4 giorni; Trattamento di infezioni alle ossa (osteomieliti): 11 mg clindamicina per kg di peso corporeo ogni 12 ore per un periodo minimo di 28 giorni. Sospendere il trattamento se non si osserva un effetto terapeutico nei primi 14 giorni.
Dosaggio: 5,5 mg/kg; Volume da somministrare per kg di peso corporeo: Corrispondente approssimativamente a 0,25 ml per kg
Dosaggio: 11 mg/kg; Volume da somministrare per kg di peso corporeo: Corrispondente approssimativamente a 0,5 ml per kg
Determinare il peso corporeo accuratamente per assicurare la somministrazione del dosaggio corretto.
È fornita una siringa da 3 ml graduata per facilitare la somministrazione del medicinale veterinario. La soluzione è aromatizzata. La soluzione può essere somministrata direttamente nella bocca dell'animale o aggiunta ad una piccola quantità di cibo.

Avvertenze

precauzioni speciali per l'impiego negli animali: l'uso improprio del prodotto potrebbe incrementare la prevalenza di batteri resistenti alla clindamicina. Ogni qualvolta possibile, la clindamicina dovrebbe essere utilizzata sulla base di test di sensibilità incluso test D-zone. Prendere in considerazione le politiche antimicrobiche ufficiali nazionali e locali quando si utilizza il prodotto. É possibile che la clindamicina favorisca la proliferazione di organismi non sensibili come Clostridia spp. resistenti e lieviti. In caso di infezione secondaria, devono essere adottate opportune misure correttive sulla base di osservazioni cliniche. La clindamicina mostra resistenza parallela con la lincomicina e co-resistenza con la eritromicina. C'è una cross-resistenza parziale all'eritromicina ed altri macrolidi. In caso di somministrazione di alti dosaggi di clindamicina o in caso di terapia prolungata di un mese o più, eseguire periodicamente un controllo per le funzionalità epatiche e renali ed un emocromo. In cani e gatti con problemi renali e/o epatici, accompagnati da gravi disordini metabolici, il dosaggio da somministrare deve essere determinato accuratamente e la loro condizione deve essere monitorata eseguendo opportuni controlli dei parametri ematici durante il trattamento. L'uso del prodotto non è consigliato nei cuccioli appena nati.