Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Ypozane

Ultimo aggiornamento: 24/02/2020

BoxAreaRiservataVet

Confezioni

Ypozane blister 7 compresse 1,875 mg

A cosa serve

Ypozane è un medicinale veterinario a base del principio attivo Osaterone Acetato, appartenente alla categoria degli Prostatici e nello specifico Altri farmaci usati nell'ipertrofia prostatica benigna. E' commercializzato in Italia dall'azienda Virbac S.r.l..

Ypozane può essere prescritto con Ricetta RNRV - ricetta medica in copia unica non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Virbac
Concessionario: Virbac S.r.l.
Ricetta: RNRV - ricetta medica in copia unica non ripetibile
Principio attivo: Osaterone Acetato
Gruppo terapeutico: Prostatici
Forma farmaceutica: compressa


Principio Attivo

1 compressa = osaterone acetato 1,875 mg - 3,75 mg - 7,5 mg - 15 mg

Indicazioni

trattamento della ipertrofia prostatica benigna in cani maschi

Posologia

per uso orale. Somministrare 0,25 - 0,5 mg di osaterone acetato per kg di peso vivo, 1 volta al giorno per 7 giorni come segue: peso del cane da 3 a 7,5 kg: 1 compressa da 1,875 mg al giorno per 7 giorni; peso del cane da 7,5 a 15 kg: 1 compressa da 3,75 mg per 7 giorni; peso del cane da 15 a 30 kg: 1 compressa da 7,5 mg per 7 giorni; peso del cane da 30 a 60 kg: 1 compressa da 15 mg per 7 giorni

Avvertenze

le compresse possono essere somministrate sia direttamente nella bocca che con il cibo. L'inizio della risposta clinica si osserva normalmente entro 2 settimane e persiste per almeno 5 mesi dopo il trattamento. Deve essere effettuata una rivalutazione da parte del veterinario 5 mesi dopo il trattamento o prima se ricompaiono i sintomi clinici. La decisione di riprendere la terapia in tale momento o successivamente deve essere basata su valutazione del veterinario prendendo in considerazione il profilo di rischio beneficio del prodotto. Se la risposta clinica al trattamento è ritenuta più corta di quanto atteso, è necessaria una rivalutazione della diagnosi. Non superare la dose massima consentita