transparent
Università degli Studi di MilanoFederazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Tylogran 1000 Mg/g

Dopharma Italia S.r.l
Ultimo aggiornamento: 08/03/2021




A cosa serve

Tylogran 1000 Mg/g è un medicinale veterinario a base del principio attivo Tilosina Tartrato Per Uso Veterinario, appartenente alla categoria degli Antibiotici e nello specifico Macrolidi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Dopharma Italia S.r.l.

Tylogran 1000 Mg/g può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Dopharma Research BV
Concessionario: Dopharma Italia S.r.l
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Tilosina Tartrato Per Uso Veterinario
Gruppo terapeutico: Antibiotici
Forma farmaceutica: granulato

Confezioni

Tylogran 1000 mg/g polvere per somministrazione in acqua da bere, securitainer da 1000 g

Principio Attivo

Per 1,1 grammi: 1 g di tilosina (1.000.000 UI di tilosina corrispondenti a 1,1 g di tilosina tartrato).

Indicazioni

Vitelli: trattamento e prevenzione di polmonite causata da Mycoplasma spp quando la malattia è stata accertata nel gruppo di animali.
Suini: trattamento e prevenzione di polmonite enzootica causata da Mycoplasma hyopneumoniae e Mycoplasma hyorhinis quando la malattia è stata accertata nel gruppo di animali; adenomatosi intestinale suina (PIA o ileite) associata a Lawsonia intracellularis quando la malattia è stata accertata nel gruppo di animali.
Tacchini: trattamento e prevenzione di sinusite infettiva causata da Mycoplasma gallisepticum quando la malattia è stata accertata nel gruppo di animali.
Polli: trattamento e prevenzione di malattie respiratorie croniche (CRD) causate da Mycoplasma gallisepticum e Mycoplasma synoviae quando la malattia è stata accertata nel gruppo di animali; enterite necrotica causata da Clostridium perfringens quando la malattia è stata accertata nel gruppo di animali.
Per informazioni riguardo alla dissenteria dei suini vedere 4.5 Precauzioni speciali per l'impiego.

Posologia

Somministrazione orale tramite acqua da bere. Nei vitelli il prodotto può essere disciolto nel latte o nel surrogato del latte.
Vitelli: Polmonite: due volte al giorno, 1,1 - 2,2 g di prodotto per 100 kg di peso corporeo, (20 - 40 mg corrispondenti a 20.000 – 40.000 UI di tilosina per kg di peso corporeo al giorno), per 7 – 14 giorni.
Suini: Polmonite enzootica: 2,2 g di prodotto per 100 kg di peso corporeo, (20 mg corrispondenti a 20.000 UI di tilosina per kg di peso corporeo al giorno), per 10 giorni.PIA o ileite: 0,55 - 1,1 g di prodotto per 100 kg di peso corporeo, (5 - 10 mg corrispondenti a 5.000 – 10.000 UI di tilosina per kg di peso corporeo al giorno), per 7 giorni.
Polli: Malattie respiratorie croniche (CRD): 8,25 - 11 g di prodotto per 100 kg di peso corporeo, (75 - 100 mg corrispondenti a 75.000 – 10.000 UI di tilosina per kg di peso corporeo al giorno), per 3 – 5 giorni. Enterite necrotica: 2,2 g di prodotto per 100 kg di peso corporeo, (20 mg corrispondenti a 20.000 UI di tilosina per kg di peso corporeo al giorno), per 3 giorni.
Tacchini: Sinusite infettiva: 8,25 - 11 g di prodotto per 100 kg di peso corporeo, (75 - 100 mg corrispondenti a 75.000 – 100.000 UI di tilosina per kg di peso corporeo al giorno), per 3 – 5 giorni. Per la preparazione dell'acqua medicata/latte medicato, è necessario prendere in considerazione il peso corporeo degli animali da trattare e il loro consumo giornaliero di acqua/latte reale. Il consumo può variare in base a diversi fattori quali età, stato di salute, razza e sistema di allevamento. Per fornire la quantità richiesta di prodotto in mg per litro di acqua da bere/latte, è necessario eseguire il seguente calcolo:
…… mg di prodotto per kg di peso corporeo al giorno X Peso corporeo medio (kg) degli animali da trattare : Quantità media di acqua da bere/latte per animale (l) = ...mg di prodotto per litro di acqua da bere
Per assicurare un dosaggio corretto, il peso corporeo deve essere determinato il più accuratamente possibile al fine di evitare la somministrazione di un sottodosaggio. Se singoli animali mostrano segni di un'infezione grave, come l'assunzione ridotta di acqua e mangime, essi devono essere trattati individualmente (ad esempio, con un'iniezione). La solubilità massima è 1 kg di prodotto per 10 litri di acqua. Gli animali da trattare devono disporre di un accesso sufficiente al sistema di fornitura idrica per garantire l'adeguato consumo di acqua. Nessun'altra fonte di acqua da bere deve essere disponibile durante il periodo di trattamento. Qualora non vi fosse una risposta chiara al trattamento entro 3 giorni, la diagnosi deve essere riconsiderata e, se necessario, l'approccio di trattamento deve essere modificato di conseguenza. Al termine del periodo di trattamento, il sistema di fornitura idrica deve essere pulito correttamente per evitare l'assunzione di una quantità di principio attivo al di sotto del livello terapeutico che potrebbe favorire lo sviluppo di resistenza.

Avvertenze

Nessuna.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: Gli animali gravemente malati presentano alterata assunzione di mangime ed acqua e devono essere medicati per via parenterale. Non utilizzare nei casi di resistenza nota alla tilosina o di resistenza crociata ad altri macrolidi (resistenza MLS). A causa della probabile variabilità (temporale, geografica) nella sucettibilità dei batteri alla tilosina, si consiglia l'esecuzione del campionamento batteriologico e dei test della suscettibilità. L'uso non corretto del prodotto può aumentare la prevalenza di batteri resistenti alla tilosina e può pertanto ridurre l'efficacia del trattamento con altri macrolidi a causa della resistenza incrociata. È necessario prendere in considerazione le politiche antimicrobiche ufficiali e locali durante l'utilizzo di questo prodotto. Non lasciare incustodita né smaltire l'acqua contenente tartrato di tilosina dove può essere accessibile ad altri animali non in trattamento o ad animali selvatici. Un elevato tasso di resistenza in vitro è stato dimostrato in ceppi europei di Brachyspira hyodysenteriae, indicando che il medicinale non è sufficientemente efficace nei confronti della dissenteria dei suini.