transparent
Università degli Studi di MilanoFederazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Tylmasin 1 G/g Granuli Solubili

Ultimo aggiornamento: 22/03/2021




A cosa serve

Tylmasin 1 G/g Granuli Solubili è un medicinale veterinario a base del principio attivo Tilosina Tartrato Per Uso Veterinario, appartenente alla categoria degli Antibiotici e nello specifico Macrolidi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Huvepharma NV.

Tylmasin 1 G/g Granuli Solubili può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Huvepharma NV
Concessionario: Huvepharma NV
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Tilosina Tartrato Per Uso Veterinario
Gruppo terapeutico: Antibiotici
Forma farmaceutica: polveri orali

Confezioni

Tylmasin 1 g/g Granuli Solubili sacchetto da 1,1 kg

Principio Attivo

ogni 1.1 g di granulato contiene: 1000 mg di tilosina (equivalenti a 1.100 mg di tilosina tartrato).

Indicazioni

vitelli: trattamento e prevenzione della polmonite causata da Mycoplasma spp, quando la malattia è diagnosticata a livello di mandria. Suini: Trattamento e prevenzione della polmonite enzootica causata da Mycoplasma hyopneumoniae e Mycoplasma hyorhinis, quando la malattia è diagnosticata a livello di branco. Trattamento e prevenzione dell'adenomatosi intestinale suina (Ileite) associata a Lawsonia intracellularis, quando la malattia è diagnosticata a livello di branco. Polli: trattamento e prevenzione della malattia respiratoria cronica (MCR) causata da Mycoplasma gallisepticum e Mycoplasma synoviae, quando la malattia è diagnosticata nel gruppo. Trattamento e prevenzione dell'enterite necrotica causata da Clostridium perfringens, quando la malattia è diagnosticata nel gruppo. Tacchini: trattamento e prevenzione della sinusite infettiva causata da Mycoplasma gallisepticum, quando la malattia è diagnosticata nel gruppo.

Posologia

da somministrare per via orale in acqua da bere. Il prodotto può essere somministrato ai vitelli anche nel latte o succedaneo del latte. 1,1 grammo di medicinale veterinario corrispondono a 1 grammo di tilosina. I dosaggi sono riportati di seguito: vitelli: 10-20 mg di tilosina per kg di peso vivo (corrispondenti a 11-22 mg di medicinale veterinario per kg di peso vivo), due volte al giorno (corrispondenti a una dose giornaliera di 20-40 mg di tilosina per kg di peso vivo), per 7-14 giorni. Tacchini: 75-100 mg di tilosina per kg di peso vivo al giorno (corrispondenti a 82,5-110 mg di medicinale veterinario per kg di peso vivo) per 3-5 giorni. Polli: per il trattamento della malattia respiratoria cronica: 75-100 mg di tilosina per kg di peso vivo al giorno (corrispondenti a 82,5-110 mg di medicinale veterinario per kg di peso vivo) per 3-5 giorni. Per il trattamento dell'enterite necrotica: 20 mg di tilosina per kg di peso vivo al giorno (corrispondenti a 22 mg di medicinale veterinario) per 3 giorni. Suini: per il trattamento della polmonite enzootica:20 mg di tilosina per kg di peso vivo al giorno (corrispondenti a 22 mg di medicinale veterinario per kg di peso vivo) per 10 giorni. Per il trattamento dell'ileite o adenomatosi intestinale suina (PIA):5-10 mg di tilosina per kg di peso vivo al giorno (corrispondenti a 5,5-11 mg di medicinale veterinario per kg di peso vivo) per 7 giorni. Per la preparazione dell'acqua/del latte/del succedaneo del latte medicati, occorre tenere conto del peso vivo degli animali da trattare e del loro effettivo consumo giornaliero di acqua/latte/succedaneo del latte. Il consumo può variare a seconda di fattori quali età, stato di salute, razza, sistema di allevamento. Per fornire la quantità richiesta di principio attivo in mg per litro di acqua da bere/latte/succedaneo del latte, è necessario eseguire il seguente calcolo:
...mg di tilosina per kg peso vivo al giorno X peso viso medio (kg) degli animali da trattare : quantità media di acqua da bere o latte/animale (l) = ...mg tilosina/l di acqua da bere
Deve essere disponibile un sufficiente accesso al sistema di approvvigionamento idrico per gli animali da trattare al fine di garantire un consumo adeguato d'acqua. Durante il periodo del trattamento non deve essere disponibile altra fonte d'acqua da bere. In assenza di una risposta chiara al trattamento entro 3 giorni, l'impostazione terapeutica va riconsiderata. Dopo la fine del periodo di trattamento, il sistema di approvvigionamento idrico dovrà essere accuratamente pulito per evitare l'assunzione di quantità sub-terapeutiche del principio attivo, che potrebbe favorire lo sviluppo di una resistenza. L'acqua, il latte o il succedaneo del latte medicati devono essere sostituiti ogni 24 ore. Se singoli animali mostrano segni di grave infezione, come un'assunzione ridotta di acqua o di cibo, devono essere trattati individualmente, per esempio mediante iniezione.

Avvertenze

data la probabile variabilità (temporale, geografica) nella sensibilità dei batteri alla tilosina, si raccomandano un campionamento batteriologico e test di sensibilità.Il sottodosaggio e/o il trattamento per un periodo di tempo insufficiente possono favorire lo sviluppo di una resistenza nei batteri, e devono essere evitati.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: gli animali con infezioni acute potrebbero mostrare un'assunzione ridotta di acqua e di cibo e dovrebbero essere trattati primariamente con un idoneo prodotto medico veterinario iniettabile. Non lasciare o smaltire l'acqua contenente tilosina tartrato alla portata di animali non in terapia o selvatici.