transparent
Università degli Studi di MilanoFederazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Toltranil

Virbac S.r.l.
Ultimo aggiornamento: 02/03/2021




A cosa serve

Toltranil è un medicinale veterinario a base del principio attivo Toltrazuril, appartenente alla categoria degli Anticoccidici (v. anche sulfamidici) e nello specifico Triazine. E' commercializzato in Italia dall'azienda Virbac S.r.l..

Toltranil può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Krka d.d. Novo Mesto
Concessionario: Virbac S.r.l.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Toltrazuril
Gruppo terapeutico: Anticoccidici (v. anche sulfamidici)
Forma farmaceutica: sospensione

Confezioni

Toltranil 50 mg/ml sospensione orale 250 ml

Principio Attivo

1 ml = toltrazuril 50 mg

Indicazioni

Specie di destinazione:
suini (suinetti di 3-5 giorni di età); bovini (vitelli negli allevamenti di bovini da latte); ovini (agnelli).
Indicazioni terapeutiche: suini: per la prevenzione dei segni clinici della coccidiosi nei suinetti neonati (3-5 giorni di età) d'allevamento con un'anamnesi accertata di coccidiosi causata da Isospora suis.
Bovini: per la prevenzione dei segni clinici di coccidiosi e la riduzione della diffusione di oocisti nei vitelli da rimonta di bovine che producono latte destinato al consumo umano (bovine da latte), in allevamenti con anamnesi positiva di coccidiosi sostenuta da Eimeria bovis o Eimeria zuernii.
Ovini: per la prevenzione dei segni clinici di coccidiosi e la riduzione della diffusione di oocisti in agnelli negli allevamenti con un'anamnesi positiva di coccidiosi sostenuta da Eimeria crandallis e Eimeria ovinoidalis.

Posologia

ogni suinetto deve essere trattato dal 3° al 5° giorno di vita con un'unica dose orale di 20 mg di toltrazuril per kg di peso corporeo corrispondenti a 0,4 ml di sospensione orale per kg di peso corporeo

Avvertenze

così come con ogni antiparassitario, l'uso frequente e ripetuto di antiprotozoari della stessa classe può portare allo sviluppo di resistenza