Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Stomorgyl 20

Boehringer Ingelheim Animal Health Italia S.p.A.
Ultimo aggiornamento: 04/01/2021




A cosa serve

Stomorgyl 20 è un medicinale veterinario a base del principio attivo Spiramicina + Metronidazolo, appartenente alla categoria degli Antibiotici e nello specifico Associazioni di antibatterici. E' commercializzato in Italia dall'azienda Boehringer Ingelheim Animal Health Italia S.p.A..

Stomorgyl 20 può essere prescritto con Ricetta RRV - ricetta medico-veterinaria in copia unica ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Boehringer Ingelheim Animal Health Italia S.p.A.
Concessionario: Boehringer Ingelheim Animal Health Italia S.p.A.
Ricetta: RRV - ricetta medico-veterinaria in copia unica ripetibile
Principio attivo: Spiramicina + Metronidazolo
Gruppo terapeutico: Antibiotici
Forma farmaceutica: compressa

Confezioni

Stomorgyl 10 «10» 20 compresse
Stomorgyl 2 « 2» 20 compresse
Stomorgyl 20 «20» 20 compresse

Principio Attivo

Stomorgyl 2: spiramicina 150000 U.I. e metronidazolo 25 mg. Stomorgyl 10: spiramicina 750000 U.I. e metronidazolo 125 mg. Stomorgyl 20: spiramicina 1500000 U.I. e metronidazolo 250 mg.

Indicazioni

infezioni della cavità orale (stomatiti, gengiviti, alitosi, periodontiti), infezioni della sfera oro-naso-laringea (amigdaliti, sinusiti, otiti, ecc.), infezioni polmonari, infezioni dei tessuti ghiandolari (ghiandole salivari, mammarie, anali e lacrimali), infezioni cutanee di tipo necrotico, trattamento coadiuvante delle turbe infettive e parassitarie del tubo digerente, infezioni diverse (osteomieliti, metriti), coccidiosi, toxoplasmosi.

Posologia

1 compressa di Stomorgyl 2 ogni 2 kg p.c. per 6/10 giorni; 1 compressa di Stomorgyl 10 ogni 10 kg p.c. per 6/10 giorni; 1 compressa di Stomorgyl 20 ogni 20 kg p.c. per 6/10 giorni.

Avvertenze

in caso di ipersensibilità accertata nei confronti del principio attivo, evitare il contatto con il prodotto. Usare solo conformemente alla valutazione del rapporto rischio/beneficio del Medico Veterinario responsabile, in particolare per quanto riguarda la presenza del metronidazolo. La somministrazione di 1,5-3 volte la dose terapeutica massima prescritta, per 4 settimane, non provoca alcun disturbo.