Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Sedivet

Boehringer Ingelheim Animal Health Italia S.p.A.
Ultimo aggiornamento: 03/11/2020




A cosa serve

Sedivet è un medicinale veterinario a base del principio attivo Romifidina Cloridrato, appartenente alla categoria degli Ipnotici-sedativi e nello specifico Altri ipnotici e sedativi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Boehringer Ingelheim Animal Health Italia S.p.A..

Sedivet può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Boehringer Ingelheim Vetmedica GmbH
Concessionario: Boehringer Ingelheim Animal Health Italia S.p.A.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Romifidina Cloridrato
Gruppo terapeutico: Ipnotici-sedativi
Forma farmaceutica: fiala iniettabile

Confezioni

Sedivet ev 1 flacone 20 ml

Principio Attivo

romifidina cloridrato (pari a romifidina 8,76 mg) 10,00 mg.

Indicazioni

sedazione: nel cavallo la sedazione può rendersi necessaria: al momento del trasporto; per facilitare l'esecuzione di esami diagnostici quali: endoscopie, radiografie, ecografie, scintigrafie, ecc.; quando sia necessario praticare delle manipolazioni particolari o alcuni interventi chirurgici quali: interventi ai denti e alla bocca, drenaggi, esami rettali o vaginali, interventi ai piedi, ecc.
N.B. Gli interventi chirurgici vanno effettuati, o in anestesia locale, o ponendo il cavallo in narcosi.
Preanestesia: Sedivet può essere utilizzato come preanestetico quando sia necessario praticare un'anestesia generale (sia che si desideri procedere in anestesia gassosa, sia iniettiva utilizzando barbiturici, ketamina, cloralio idrato, ecc.).
Anestesia: Sedivet può essere usato anche con oppiacei sintetici (butorfanolo, metadone) per ottenere una sedazione o analgesia profonda.

Posologia

Sedivet deve essere somministrato esclusivamente per via endovenosa lenta. Sedazione leggera: 0,4 ml/100 kg; sedazione profonda: 0,8 ml/100 kg; sedazione profonda e prolungata: 1,2 ml/100 kg. Sedivet agisce 1-2 minuti dopo l'infusione endovenosa. La massima sedazione viene raggiunta dopo 5 -10 minuti. Il primo segno che il cavallo manifesta è il reclinamento della testa. Se necessario, è possibile, senza alcuna controindicazione, prolungare la sedazione somministrando al cavallo una dose supplementare di farmaco (0,4 ml/100 kg). La dose più elevata raccomandata (1,2 ml/100 kg) può venire somministrata anche in soggetti nervosi o eccitati. La dose può essere ridotta in pazienti a rischio, per manipolazione nelle regioni della testa o del collo, per il trasporto e in combinazione con altri farmaci. Sedazione in combinazione con metadone: una dose di 0,4 - 0,8 ml di Sedivet / 100 kg peso corporeo (cioè 0,04 - 0,08 mg di romifidina per kg peso corporeo) seguita da 0,1 mg di l-metadone / kg deve essere somministrata per endovena. Sedazione in combinazione con butorfanolo: una dose di 0,4 - 1,2 ml di Sedivet/ 100 kg peso corporeo (cioè 0,04 - 0,12 mg di romifidina per kg peso corporeo) seguita da 0,02 mg di butorfanolo / kg deve essere somministrata per endovena. Premedicazione: Ketamina: se usato prima di indurre l'anestesia con la ketamina, una dose di 1 ml di Sedivet per 100 kg di peso corporeo (0,1 mg romifidina per kg peso corporeo) seguita da 2,2 mg/kg di ketamina dopo 5-10 minuti deve essere somministrata.
Altri agenti: prima di altri agenti, una dose di 0,4 - 0,8 ml di Sedivet per 100 kg di peso corporeo (0,04 - 0,08 mg romifidina per kg peso corporeo) è risultata appropriata. L'anestesia dovrebbe essere indotta dopo aver raggiunto la massima sedazione (5-10 minuti). Mantenimento dell'anestesia: l'anestesia può essere mantenuta usando anestetici gassosi o iniettabili. Per anestesie prolungate, somministrare 0,25 ml/100 kg peso corporeo di Sedivet, come Topping Up, (pari a 0,025 mg di romifidina per kg peso corporeo).

Avvertenze

il prodotto non deve essere somministrato a cavalli destinati alla produzione di alimenti per il consumo umano. La somministrazione e detenzione del medicinale deve essere effettuata esclusivamente dal medico veterinario.