UniversitÓ degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Qivitan

TREI - Industria Italiana Integratori S.p.A. a LIVISTO company
Ultimo aggiornamento: 18/03/2021




A cosa serve

Qivitan Ŕ un medicinale veterinario a base del principio attivo Cefquinome Solfato, appartenente alla categoria degli Antibiotici e nello specifico Cefalosporine di quarta generazione. E' commercializzato in Italia dall'azienda TREI - Industria Italiana Integratori S.p.A. a LIVISTO company.

Qivitan pu˛ essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Livisto Int'1 S.L.
Concessionario: TREI - Industria Italiana Integratori S.p.A. a LIVISTO company
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Cefquinome Solfato
Gruppo terapeutico: Antibiotici
Forma farmaceutica: sospensione

Confezioni

Qivitan 25 mg/ml sospensione iniett. per bovini e suini 1 flacone da 100 ml
Qivitan 25 mg/ml sospensione iniett. per bovini e suini 1 flacone da 250 ml

Principio Attivo

1 ml contiene: Cefquinome 25 mg (equivalenti a 29,64 mg di cefquinome solfato)

Indicazioni

Trattamento di infezioni batteriche in bovini e suini, causate da microrganismi Gram-positivi e Gram-negativi sensibili a cefquinome.
Bovini: malattia respiratoria causata da Pasteurella multocida e Mannheimia haemolytica. Dermatite digitale, necrosi bulbare infettiva e necrobacillosi interdigitale acuta (zoppina). Mastite acuta da E.coli con segni di coinvolgimento sistemico.
Vitelli: setticemia da E.coli nei vitelli
Suini: trattamento delle infezioni batteriche di polmoni e vie respiratorie causate da Pasteurella multocida, Haemophilus parasuis, Actinobacillus pleuropneumoniae, Streptococcus suis e altri microrganismi sensibili a cefquinome. Sindrome della mastite, metrite, agalassia (MMA) con coinvolgimento di E.coli, Staphylococcus spp., Streptococcus spp. e altri microrganismi sensibili a cefquinome.
Suinetti: riduzione della mortalitÓ nei casi di meningite causata da Streptococcus suis. Trattamento di: Artrite causata da Streptococcus spp., E. coli e altri microrganismi sensibili a cefquinome. Epidermite (lesioni lievi o moderate)
causata da Staphylococcus hyicus.

Posologia

specie: bovini; Indicazione: malattia respiratoria causata da Pasteurella multocida e; M. haemolytica; Dermatite digitale, necrosi bulbare infettiva e necrobacillosi interdigitale acuta (zoppina); Dosaggio: 1 mg di cefquinome/kg di p. v. (2 ml/50 kg di p. v.); Frequenza: Una volta al giorno per 3-5 giorni consecutivi
Indicazione: Mastite acuta da E.coli con segni di coinvolgimento sistemico; Dosaggio: 1 mg di cefquinome/kg di p.v. (2 ml/50 kg di p.v.); Frequenza: Una volta al giorno per 2 giorni consecutivi.
Vitelli: Indicazione: Setticemia da E. coli; Dosaggio: 2 mg di cefquinome/kg di p.v. (4 ml/50 kg di p. v.); Frequenza: Una volta al giorno per 3-5 giorni consecutivi.
Suini: Indicazione: Malattia respiratoria; Dosaggio: 2 mg di cefquinome/kg di p. v. (2 ml/25 kg di p. v.); Frequenza: Una volta al giorno per 3 giorni consecutivi
Indicazione: MMA: Dosaggio: 2 mg di cefquinome/kg di p. v. (2 ml/25 kg di p. v.); Frequenza: Una volta al giorno per 2 giorni consecutivi.
Suinetti: Indicazione: Meningite; Artrite; Epidermite: Dosaggio: 2 mg di cefquinome/kg di p. v. (2 ml/25 kg di p. c.); Frequenza: Una volta al giorno per 5 giorni consecutivi.

Avvertenze

Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: nel caso in cui si verifichino reazioni allergiche, il trattamento deve essere sospeso. L'uso di cefquinome deve essere limitato ai casi appropriati secondo le indicazioni autorizzate nelle specie animali di destinazione. L'uso inappropriato del prodotto pu˛ aumentare la prevalenza di batteri resistenti a cefquinome e pu˛ ridurre l'efficacia del trattamento con altri antibiotici beta-lattamici, a causa delle possibili resistenze incrociate. Il prodotto seleziona ceppi resistenti batteri produttori di beta-lattamasi a spettro esteso (ESBL), che possono rappresentare un rischio per la salute umana se trasmessi all'uomo, ad esempio attraverso il cibo. Per questo motivo, il prodotto deve essere limitato al trattamento di condizioni cliniche che hanno risposto poco, o che si prevede che risponderanno poco (casi molto acuti in cui il trattamento deve essere iniziato senza diagnosi batteriologica) al trattamento di prima scelta. Quando si utilizza il prodotto prendere in considerazione le politiche antimicrobiche regionali, nazionali e ufficiali. Un uso maggiore, incluso l'uso del prodotto diversamente da quanto indicato nel riassunto delle caratteristiche del prodotto, pu˛ aumentare la prevalenza di tale resistenza. Quando possibile, il prodotto deve essere usato solo in base ai test di sensibilitÓ. Il prodotto Ŕ destinato al trattamento di animali singoli. Non utilizzarlo per la prevenzione della malattia o nell'ambito di programmi sanitari per allevamenti. Il trattamento di gruppi di animali deve essere rigorosamente limitato ad epidemie della malattia in corso, in base alle condizioni d'uso approvate.