Università degli Studi di MilanoFederazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Propomitor

Ecuphar Italia S.r.l.
Ultimo aggiornamento: 01/04/2022




A cosa serve

Propomitor è un medicinale veterinario a base del principio attivo Propofol, appartenente alla categoria degli Anestetici generali e nello specifico Altri anestetici generali. E' commercializzato in Italia dall'azienda Ecuphar Italia S.r.l..

Propomitor può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Orion Corporation
Concessionario: Ecuphar Italia S.r.l.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Propofol
Gruppo terapeutico: Anestetici generali
Forma farmaceutica: flaconi iniettabili

Confezioni

Propomitor 10 mg/ml emulsione per iniezione/infusione per cani e gatti, 5 flaconi da 20 ml

Principio Attivo

Propofol 10 mg.

Indicazioni

anestesia generale per brevi interventi della durata massima di cinque minuti; Induzione e mantenimento dell'anestesia generale tramite somministrazione di dosi incrementali fino a raggiungere l'effetto o come infusione a velocità costante (CRI); Induzione dell'anestesia generale, in cui il mantenimento è dato da anestetici per inalazione.

Posologia

Il medicinale è un prodotto sterile per uso intravenoso.
I requisiti di dose possono variare notevolmente tra singoli animali e sono influenzati da una serie di fattor. In particolare, l'impiego di farmaci preanestetici (premedicazione) può ridurre significativamente il fabbisogno di propofol a seconda del tipo e della dose di farmaco preanestetico usato. La dose da somministrare deve essere stimata in base ai requisiti medi di dosaggio nella preparazione per l'anestesia. I requisiti effettivi di dosaggio di un singolo animale possono essere significativamente minori o maggiori del dosaggio medio.
Induzione Il dosaggio di induzione del medicinale veterinario presentato nella tabella seguente si basa su dati tratti da studi controllati in laboratorio e sul campo e rappresenta la quantità media di farmaco richiesta per indurre l'anestesia in cani e gatti. La dose effettiva da somministrare deve basarsi sulla risposta individuale dei singoli animali.
CANI: Non trattato con preanestesia; Dose indicativa mg/kg di peso corporeo: 6,5; Volume dose ml/kg di peso corporeo: 0,65
CANI: Preneastesizzato* alfa-2 agonisti; Dose indicativa mg/kg di peso corporeo: 3,0; Volume dose ml/kg di peso corporeo: 0,30
CANI: a base di acepromazina; Dose indicativa mg/kg di peso corporeo: 4,5; Volume dose ml/kg di peso corporeo: 0,45
GATTI: Non trattato con preanestesia; Dose indicativa mg/kg di peso corporeo: 8; Volume dose ml/kg di peso corporeo: 0,8
GATTI: Non trattato con preanestesia; Dose indicativa mg/kg di peso corporeo: 2; Volume dose ml/kg di peso corporeo: 0,2
GATTI: Non trattato con preanestesia; Dose indicativa mg/kg di peso corporeo: 6; Volume dose ml/kg di peso corporeo: 0,6
*Dosi di induzione significativamente inferiori alla dose media possono essere efficaci dopo la preanestesia con un protocollo alfa-2 basato su adrenorecettore in alcuni animali. Quando il propofol viene usato in combinazione con, ad. es., ketamina, fentanyl o benzodiazepine per l'induzione dell'anestesia (cosiddetta co-induzione), la dose totale di propofol può essere ulteriormente ridotta. La siringa di dosaggio deve essere preparata in base al volume di dose sopra indicato, calcolato in base al peso corporeo. La dose deve essere somministrata lentamente per limitare l'incidenza e la durata dell'apnea e la somministrazione deve continuare finché il medico non confermi che la profondità dell'anestesia è sufficiente per l'intubazione endotracheale o per la procedura prevista. Come indicazione, il prodotto deve essere somministrato in un intervallo di 20–60 secondi.
Mantenimento.
Ripetere iniezioni di bolo Quando l'anestesia viene mantenuta con iniezioni incrementali del medicinale, la dose e la durata dell'effetto variano da animale a animale. La doseincrementale richiesta per mantenere l'anestesia è generalamente inferiore negli animali preanestetizzati rispetto a quelli non preanestetizzati. Una dose incrementale di circa 1 mg/kg (0,1 ml/kg) nei cani e di 2 mg/kg (0,2 ml/kg) nei gatti può essere somministrata quando l'anestesia diventa troppo leggera. Questa dose può essere ripetuta secondo necessità per mantenere una appropriata profondità dell'anestesia, lasciando 20–30 secondi tra ogni dose per valutarne l'effetto. Ogni dose incrementale deve essere somministrata lentamente per effetto.
Infusione a velocità costante.
Quando l'anestesia viene mantenuta con infusione a velocità costante (CRI) di propofol, la dose nei cani è di 0,2–0,4 mg/kg/min. La dose effettiva da somministrare deve basarsi sulla risposta individuale di ciascun animale e può essere aumentata fino a 0,6 mg/kg/min per brevi periodi. Nei gatti, la dose di mantenimento è 0,1–0,3 mg/kg/min e deve essere adattata alla singola risposta. L'anestesia CRI di durata fino a 2 ore con la dose di 0,4 mg/kg/min nei cani e di 0,2 mg/kg/min nei gatti risulta essere ben tollerata. Inoltre, è possibile aumentare o ridurre la velocità di infusione con incrementi di 0,025– 0,1 mg/kg/min nei cani o di 0,01–0,025 mg/kg/min nei gatti a intervalli di 5–10 min per conformarsi al piano di anestesia. L'esposizione continua e prolungata (più di 30 minuti) può portare a recupero più lento, specialmente nei gatti.
Mantenimento dell'anestesia tramite inalazione di anestetici Quando gli agenti per inalazione vengono utilizzati per mantenere l'anestesia generale, può essere necessario utilizzare una concentrazione iniziale dell'anestetico per inalazione più elevata rispetto a quella normalmente usata dopo l'induzione con barbiturici.

Avvertenze

il prodotto è un'emulsione stabile. Prima dell'uso, il prodotto deve essere ispezionato visivamente per verificare l'assenza di goccioline visibili, particelle estranee o separazione di fase e, se presenti, deve essere scartato. Non usare se permane la separazione di fase dopo un leggero scuotimento. Se il prodotto viene iniettato troppo lentamente, può non essere possibile raggiungere un piano di anestesia adeguato a causa del mancato raggiungimento della soglia di attività farmacologica appropriata.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: Durante l'induzione dell'anestesia, possono verificarsi ipotensione lieve e apnea transitoria. Quando si utilizza il medicinale veterinario, devono essere disponibili dispositivi per il mantenimento della pervietà delle vie aeree, ventilazione artificiale e arricchimento di ossigeno. Dopo l'induzione dell'anestesia, si raccomanda l'uso di un tubo endotracheale. Con l'aumento della durata dell'anestesia da propofol sono stati riportati livelli più alti di anidride carbonica nel sangue. Si consiglia di somministrare ossigeno supplementare durante il mantenimento dell'anestesia. Inoltre, è necessario considerare la necessità di ventilazione assistita durante l'anestesia prolungata. Se il prodotto viene iniettato troppo rapidamente, può verificarsi depressione cardiopolmonare (apnea, bradicardia, ipotensione). Come con altri anestetici per via endovenosa, si deve usare cautela nei cani e nei gatti con insufficienza cardiaca, respiratoria, renale o epatica o in animali ipovolemici o debilitati. Il propofol può aumentare il metabolismo del glucosio nel sangue e la secrezione di insulina nei cani sani. In assenza di dati di sicurezza in animali diabetici, usare solo dopo una valutazione del rapporto beneficio/rischio del veterinario. Si deve prestare attenzione quando si somministra il prodotto a pazienti con ipoproteinemia, iperlipidemia o animali molto magri poiché questi animali possono essere più sensibili agli effetti avversi. La sicurezza del prodotto non è stata stabilita in cani o gatti di età inferiore ai 4 mesi e deve essere utilizzata in questi animali solo in base alla valutazione del rapporto beneficio/rischio del veterinario responsabile. È stato riferito che la clearance del propofol è più lenta negli animali in sovrappeso/obesi e nei cani di età superiore agli 8 anni. Prestare particolare attenzione durante la somministrazione del prodotto a questi animali; in particolare, una dose più bassa di propofol può essere adeguata per l'induzione e il mantenimento in tali casi. È stato segnalato che i levrieri mostrano una clearance più lenta del propofol e possono avere una durata leggermente più lunga di recupero dall'anestesia rispetto ad altre razze di cani. Il propofol non ha proprietà analgesiche, pertanto devono essere utilizzati analgesici supplementari nei casi in cui si preveda che gli interventi siano dolorosi.. Quando il propofol viene usato in concomitanza con oppioidi, un agente anticolinergico (ad es. atropina) può essere usato in caso di bradicardia secondo la valutazione del rapporto beneficio/rischio/ del veterinario responsabile. Vedere la sezione 12 Interazione con altri medicinali e altre forme d'interazione.

Tempi di sospensione

non pertinente.