Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Progressis

Ultimo aggiornamento: 26/02/2019

BoxAreaRiservataVet



Confezioni

Progressis 1 flacone 50 ml (25 dosi)

A cosa serve

Progressis è un medicinale veterinario a base del principio attivo Vaccino Sindrome Respiratoria E Riproduttiva Dei Suini Inattivato, appartenente alla categoria degli Vaccini e nello specifico Vaccini virali inattivati. E' commercializzato in Italia dall'azienda Ceva Salute Animale S.p.A..

Progressis può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Ceva Salute Animale S.p.A.
Concessionario: Ceva Salute Animale S.p.A.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Vaccino Sindrome Respiratoria E Riproduttiva Dei Suini Inattivato
Gruppo terapeutico: Vaccini
Forma farmaceutica: fiala iniettabile


Principio Attivo

2 ml di composizione contiene virus inattivato della PRRS, ceppo P120 [7:>]10[5:2,5] Unità IF*.
*Unità IF: titolo anticorpale, determinato mediante immunofluorescenza, ottenuto dopo 2 vaccinazioni nel suino, in specifiche condizioni di laboratorio.

Indicazioni

riduzione dei disordini riproduttivi delle scrofe e delle scrofette causate dal virus (ceppo europeo) della Sindrome Riproduttiva e Respiratoria dei Suini in ambiente infetto: la vaccinazione riduce il numero di parti precoci ed il numero di suinetti nati morti. L'efficacia del vaccino è stata dimostrata mediante prove in campo, adottando il programma vaccinale raccomandato. Sebbene non sia stato dimostrato il tipo di risposta immunitaria responsabile della protezione, negli animali vaccinati l'attività del vaccino è stata dimostrata dalla produzione di anticorpi specifici contro la PRRS, evidenziati mediante immunofluorescenza. Negli allevamenti infetti da virus della PRRS, l'infezione diffonde in modo non omogeneo e variabile nel tempo: In tale contesto l'adozione di un programma di vaccinazione rappresenta un mezzo per migliorare i parametri riproduttivi e può contribuire a controllare la malattia, unitamente all'adozione di idonee misure igienico-sanitarie.

Posologia

2 ml/capo. Uso intramuscolare profonda, nei muscoli del collo dietro l'orecchio.
Vaccinazione di base: scrofette: 2 vaccinazioni a distanza di 3-4 settimane, almeno 3 settimane prima dell'accoppiamento; scrofe: 2 vaccinazioni a distanza di 3-4 settimane (si raccomanda di vaccinare tutte le scrofe dell'allevamento entro un breve periodo di tempo).
Richiami: 1 vaccinazione al 60°-70° giorno di ogni gestazione, a partire dalla prima gestazione che segue la vaccinazione di base.
Prima dell'uso portare a +25°C/+30°C la temperatura del vaccino. Agitare energicamente il flacone di vaccino prima e durante la somministrazione.

Avvertenze

vaccinare solo animali sani; assicurarsi di vaccinare un numero di animali corrispondenti al numero di dosi contenute nel flacone di vaccino; per la somministrazione del vaccino adottare le usuali precauzioni di asepsi; gli aghi, le siringhe ed i tubi di raccordo (tra il flacone di vaccino e la siringa) non debbono essere sterilizzati con agenti chimici (disinfettanti) ma col calore (100°C per 15minuti); per l'inoculazione del vaccino usare una siringa con aghi, ben affilati, di misura idonea. Gli aghi vanno opportunamente cambiati durante le operazioni di vaccinazione; adottare le usuali procedure per il contenimento degli animali; un flacone di vaccino, una volta "iniziato", deve essere utilizzato, tutto, nel corso della stessa sessione di vaccinazione.