Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Porceptal

Ultimo aggiornamento: 13/03/2019

BoxAreaRiservataVet



Confezioni

Porceptal 4 mcg/ml soluz. iniett. 1 flaconi 50 ml

A cosa serve

Porceptal è un medicinale veterinario a base del principio attivo Buserelina Acetato, appartenente alla categoria degli Liberatori gonadotropine e nello specifico Ormoni liberatori delle gonadotropine. E' commercializzato in Italia dall'azienda MSD Animal Health S.r.l..

Porceptal può essere prescritto con Ricetta RNRV - ricetta medica in copia unica non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Intervet International B.V.
Concessionario: MSD Animal Health S.r.l.
Ricetta: RNRV - ricetta medica in copia unica non ripetibile
Principio attivo: Buserelina Acetato
Gruppo terapeutico: Liberatori gonadotropine
Forma farmaceutica: fiala iniettabile


Principio Attivo

Buserelin acetato 4,2 mcg/ml (corrispondenti a 4 mcg/ml di buserelin).

Indicazioni

Induzione dell'ovulazione a seguito della sincronizzazione degli estri effettuata tramite lo svezzamento (scrofe) o tramite la somministrazione di un progestinico (scrofette); da utilizzare come parte integrante di un programma di inseminazione artificiale ad intervento unico e a tempo prefissato.

Posologia

Dose singola di 2,5 ml (10 mcg di buserelin) per animale per via intramuscolare o sottocutanea. Non forare il tappo più di 12 volte. Quando si deve trattare un grande numero di animali, utilizzare un ago per aspirazione adeguato o una siringa dosatrice automatica al fine di evitare una eccessiva perforazione del tappo. Il programma di inseminazione artificiale nei suini e il seguente. Scrofette: somministrare 2,5 ml di prodotto dopo 115-120 ore dalla fine del trattamento di sincronizzazione con un progestinico. Una singola inseminazione artificiale deve essere effettuata 30-33 ore dopo la somministrazione del prodotto. Scrofe: somministrare 2,5 ml di prodotto dopo 83-89 ore dallo svezzamento. Una singola inseminazione artificiale deve essere effettuata 30-33ore dopo la somministrazione del prodotto. In singoli casi, puo accadere che l'estro non si manifesti a 30-33 ore dopo il trattamento con questo prodotto. In questo caso, l'inseminazione può essere praticata in seguito, nel momento in cui sono presenti segni di estro.

Avvertenze

Il buserelin viene somministrato dopo la sincronizzazione degli estri. Nelle scrofette, il buserelin viene somministrato dopo il trattamento con progestinici. Se il trattamento progestinico viene terminato contemporaneamente in un gruppo di scrofette, esso provoca una sincronizzazione degli estri negli animali trattati. Nelle scrofe, la sincronizzazione degli estri viene ottenuta naturalmente con lo svezzamento. L'inseminazione può essere eseguita dopo 30-33 ore dalla somministrazione di buserelin. Quando si utilizza il prodotto, gli animali devono essere tenuti sotto controllo per valutare i segni dell'estro al momento dell'inseminazione artificiale. Pertanto si raccomanda la presenza del verro. Può accadere che l'equilibrio energetico negativo durante l'allattamento sia associato alla mobilitazione di riserve corporee, con un forte calo di spessore del grasso dorsale (più del 30% circa). La gestione e la riproduzione di questi animali, in cui l'estro e l'ovulazione possono essere ritardati, devono essere valutati caso per caso. Se le tempistiche di trattamento non vengono seguite attentamente, la fertilità può essere compromessa. I progestinici e il buserelin possono essere utilizzati solo in animali sani. Precauzioni speciali per chi somministra il prodotto agli animali: a causa degli effetti ormonali del buserelin durante la gravidanza, le donne in gravidanza o in cui si presume uno stato di gravidanza non devono maneggiare il prodotto. Le donne in età fertile devono somministrare il prodotto con cautela. Evitare il contatto con cute e occhi. Lavarsi le mani dopo l'uso. In caso di versamento accidentale sulla cute, lavarsi immediatamente con acqua e sapone. In caso di contatto accidentale con gli occhi, risciacquare abbondantemente con acqua e, se necessario, consultare un medico. In caso di auto-iniezione accidentale, rivolgersi immediatamente ad un medico. Sovradosaggio: la tossicità del buserelin è bassa. Anche quando viene superata la dose consigliata, la comparsa di segni di tossicità è improbabile. Incompatibilità: in assenza di studi di compatibilità, non miscelare con altri medicinali veterinari.