Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Parvoject

Ultimo aggiornamento: 28/10/2019

BoxAreaRiservataVet



Confezioni

Parvoject im 1 flacone 50 ml (25 dosi) tappo perforabile

A cosa serve

Parvoject è un medicinale veterinario a base del principio attivo Vaccino Parvovirosi Del Suino Inattivato, appartenente alla categoria degli Vaccini e nello specifico Vaccini virali inattivati. E' commercializzato in Italia dall'azienda Ceva Salute Animale S.p.A..

Parvoject può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Ceva Salute Animale S.p.A.
Concessionario: Ceva Salute Animale S.p.A.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Vaccino Parvovirosi Del Suino Inattivato
Gruppo terapeutico: Vaccini
Forma farmaceutica: fiala iniettabile


Principio Attivo

ogni dose da 2 ml di vaccino contiene parvovirus suino inattivato, almeno 1,6 U.IEA*
*1 U.IEA: qb per ottenere nella cavia un titolo in anticorpi IEA di 1 log 10 dopo somministrazione del vaccino

Indicazioni

immunizzazione attiva contro la parvovirosi suina.

Posologia

2 ml da inoculare per via intramuscolare profonda nei muscoli del collo, dietro l'orecchio.
Piano di vaccinazione: vaccinazione di base: scrofe: una sola iniezione in periodo di lattazione od al limite il giorno dello svezzamento; scrofette e verretti: in assenza di anticorpi antiparvovirus suino: 1 iniezione 2 settimane prima della fecondazione; nel caso di stato immunitario sconosciuto nei confronti degli anticorpi antiparvovirus suino di origine materna: 2 iniezioni a 15-21 giorni di intervallo, la seconda delle quali da praticarsi almeno 10 giorni prima della fecondazione.
Richiamo: scrofe: alla lattazione successiva od al limite il giorno dello svezzamento e poi ogni due anni; verri: 6 mesi dopo la vaccinazione di base e poi ogni 2 anni. Agitare il flacone prima dell'uso.

Avvertenze

nel caso della vaccinazione dei maschi riproduttori bisogna prevedere, per questi animali, un riposo produttivo post-vaccinazione di almeno 3 settimane.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: vaccinare solamente animali in buono stato di salute; rispettare le abituali norme d'asepsi; rispettare le consuete e corrette norme di manipolazione degli animali. All'inizio di un programma di profilassi medica, con questo vaccino, è consigliabile vaccinare contemporaneamente tutti i riproduttori dello stresso allevamento intervenendo, relativamente alle scrofe, preferibilmente durante il periodo di lattazione.