Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Parofor 70000 UI/g

Ultimo aggiornamento: 10/02/2021




A cosa serve

Parofor 70000 UI/g è un medicinale veterinario a base del principio attivo Paromomicina, appartenente alla categoria degli Antibatterici e nello specifico Antibiotici. E' commercializzato in Italia dall'azienda Huvepharma NV.

Parofor 70000 UI/g può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Huvepharma NV
Concessionario: Huvepharma NV
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Paromomicina
Gruppo terapeutico: Antibatterici
Forma farmaceutica: Polvere

Confezioni

Parofor 70000 UI/g 70 mg/g polv. orale per vitelli preruminanti e suini sacco 1 kg

Principio Attivo

1 grammo contiene: 70.000 UI di paromomicina attiva (come paromomicina solfato).

Indicazioni

Trattamento di infezioni gastro-intestinali provocate da Escherichia coli sensibile alla paromomicina.

Posologia

Vitelli preruminanti: somministrazione nel latte/derivati del latte. Suini: somministrazione nell'acqua da bere. Durata del trattamento: 3-5 giorni. Vitelli preruminanti: 17.500-35.000 UI per kg di peso corporeo/giorno (equivalenti a 2,5-5 g di prodotto/10 kg di peso corporeo/giorno). Suini: 17.500-28.000 UI per kg di peso corporeo/giorno (equivalenti a 2,5-4 g di prodotto/10 kg di peso corporeo/giorno). Per la somministrazione nell'acqua da bere, nel latte o derivati del latte si deve calcolare l'esatta quantità giornaliera di prodotto, sulla base della dose raccomandata, il numero e il peso degli animali da trattare, secondo la seguente formula:
mg di paromomicina solfato / kg di peso corporeo / giorno x Peso corporeo medio (kg) degli animali da trattare : Assunzione d'acqua / latte / succedaneo del latte media giornaliera (litro) per animale =.... mg di prodotto per litro d'acqua da bere / latte / succedaneo del latte
Per assicurare un dosaggio corretto, il peso corporeo deve essere determinato nel modo più accurato possibile. L'assunzione di latte / derivati del latte / acqua medicata dipende da diversi fattori, tra cui le condizioni cliniche degli animali e condizioni locali quali la temperatura ambiente e l'umidità. Al fine di ottenere il dosaggio corretto, l'assunzione di acqua da bere /l atte / derivati del latte deve essere monitorata e la concentrazione di paromomicina deve essere adattata di conseguenza. L'acqua da bere medicata/il latte / derivati del latte e qualsiasi soluzione madre deve essere preparata fresca. Eventuali quantità residue di liquidi medicati dovrebbero essere rimosse dopo 6 ore (nel latte/derivati del latte) o 24 ore (nell'acqua). Per assicurare la somministrazione del quantitativo giornaliero giusto di prodotto, si devono utilizzare apparecchi di pesatura adeguatamente calibrati. Per la somministrazione del prodotto si possono utilizzare le pompe dosatrici disponibili in commercio. La solubilità del prodotto è stata testata alla concentrazione massima di 95 g/L.

Avvertenze

Nessuna.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: L'assunzione del medicinale da parte degli animali può essere alterata a seguito della malattia. In caso di assunzione di acqua/latte insufficiente, sottoporre gli animali al trattamento per via parenterale, utilizzando un idoneo prodotto iniettabile, su consiglio del medico veterinario. L'impiego del prodotto deve essere abbinato a buone prassi di gestione, ad esempio buone condizioni igieniche, una ventilazione adeguata, presenza eccessiva di animali. Dato che il prodotto è potenzialmente ototossico e nefrotossico, si raccomanda di valutare la funzionalità renale. Prestare particolare attenzione quando si somministra il prodotto ad animali appena nati a causa del noto maggiore assorbimento gastrointestinale della paromomicina nei neonati. Questo maggiore assorbimento potrebbe portare ad un aumentato rischio di oto- e nefrotossicità. L'uso del prodotto nei neonati dovrebbe essere basato su una valutazione del rapporto beneficio/rischio del veterinario responsabile. L'utilizzo ripetuto o prolungato del prodotto va evitato, migliorando le prassi di gestione e mediante pulizia e disinfezione. L'uso del prodotto deve essere basato su test di sensibilità condotti sui batteri isolati dall'animale. Se questo non è possibile, la terapia deve essere basata sulle informazioni epidemiologiche locali (a livello di azienda, regione) sulla sensibilità dei batteri target. Quando si utilizza il prodotto si deve tener conto delle politiche ufficiali, nazionali e regionali sui trattamenti antimicrobici. L'uso inappropriato del prodotto rispetto alle istruzioni fornite in questo Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto può aumentare la prevalenza di batteri resistenti alla paromomicina e ridurre l'efficacia del trattamento con aminoglicosidi, a causa della potenziale resistenza crociata. Gli aminoglicosidi si considerano fondamentali nella medicina umana. Di conseguenza, non devono essere utilizzati quale trattamento di prima linea nella medicina veterinaria.