Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Nobivac Rabbia

Ultimo aggiornamento: 03/02/2020

BoxAreaRiservataVet

Confezioni

Nobivac Rabbia 10 flaconi da 1 dose

A cosa serve

Nobivac Rabbia è un medicinale veterinario a base del principio attivo Vaccino Rabico Inattivato Uso Veterinario, appartenente alla categoria degli Vaccini e nello specifico Vaccini virali inattivati. E' commercializzato in Italia dall'azienda MSD Animal Health S.r.l..

Nobivac Rabbia può essere prescritto con Ricetta RRV - ricetta medico-veterinaria in copia unica ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Intervet International B.V.
Concessionario: MSD Animal Health S.r.l.
Ricetta: RRV - ricetta medico-veterinaria in copia unica ripetibile
Principio attivo: Vaccino Rabico Inattivato Uso Veterinario
Gruppo terapeutico: Vaccini
Forma farmaceutica: fiala iniettabile


Principio Attivo

ogni dose (1 ml) contiene: Virus della Rabbia, ceppo Pasteur RIV, in quantità in grado di indurre almeno 2 U.I. al test di efficacia. Il virus viene coltivato sulla linea cellulare BHK-21 clone CT, inattivato con [7:b]-propiolattone ed adsorbito in fosfato di alluminio.

Indicazioni

confezione monodose: per l'immunizzazione attiva di cani, gatti, volpi e furetti contro il virus della rabbia. Confezione multidose: per l'immunizzazione attiva di cani, gatti, bovini, pecore, capre, volpi, furetti e cavalli sani contro il virus della rabbia.

Posologia

la dose è di 1 ml, da somministrarsi per via sottocutanea o intramuscolare a seconda della specie animale. Programma vaccinale raccomandato:
Vaccinazione primaria ad un'età superiore a: cani/gatti: 12 settimane*; bovini/cavalli: 6 mesi*; pecore/capre: 6 mesi*; furetti: 12 settimane*; volpi: 3 mesi*.
Richiamo vaccinale ogni: cani/gatti: 3 anni**; bovini/cavalli: 2 anni**; pecore/capre: 1 anno**; furetti: 1 anno**; volpi: 1 anno**.
Via di somministrazione: cani/gatti: i.m./s.c.; bovini/cavalli: i.m.; pecore/capre: i.m./s.c.; furetti: s.c.; volpi: s.c.
* La vaccinazione primaria può essere effettuata in età più precoce, ma allora si dovrà effettuare un richiamo vaccinale all'età di 12 settimane o 6 mesi a seconda della specie.
**L'intervallo consigliato per i richiami vaccinali si basa su risultati ottenuti con prove di infezione sperimentale. Disposizioni locali vigenti possono richiedere rivaccinazioni più ravvicinate.
I risultati ottenuti da indagini sierologiche indicano che la vaccinazione delle pecore, capre, volpi e furetti fornisce una protezione di almeno un anno.La vaccinazione induce un picco elevato di livelli anticorpali nel giro di 3 settimane seguito da un livello più o meno costante sufficientemente elevato per proteggere gli animali.

Avvertenze

vaccinare solo animali sani. Dopo la somministrazione, possono occasionalmente verificarsi reazioni generalizzate di ipersensibilità. In questi casi può essere indicata la somministrazione sottocutanea di adrenalina. A causa della presenza del conservante tiomersale, vaccinare gli animali da reddito (bovini, pecore, capre e cavalli) utilizzando esclusivamente le presentazioni multidose.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: prima dell'uso lasciare che il vaccino raggiunga la temperatura ambiente (15°-25°C). Usare un'attrezzatura per iniezione sterile. Agitare prima e durante l'uso.