Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Neopridimet

Ultimo aggiornamento: 18/03/2021




A cosa serve

Neopridimet è un medicinale veterinario a base del principio attivo Sulfadiazina + Trimetoprim, appartenente alla categoria degli Sulfamidici e nello specifico Associazioni di sulfonamidi con trimetoprim, inclusi i derivati. E' commercializzato in Italia dall'azienda Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A..

Neopridimet può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A.
Concessionario: Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Sulfadiazina + Trimetoprim
Gruppo terapeutico: Sulfamidici
Forma farmaceutica: soluzione

Confezioni

Neopridimet bag in box da 5 litri

Principio Attivo

1 ml di soluzione contiene: sulfadiazina 200 mg, trimetoprim 40 mg.

Indicazioni

per il trattamento di infezioni batteriche degli apparati respiratorio e gastrointestinale in polli da carne e conigli, sostenute da agenti patogeni sensibili all'associazione sulfadiazina - trimetoprim. Complicanze batteriche di infezioni virali, setticemie, pasteurellosi, colibacillosi, coccidiosi. In particolare risultano sensibili all'associazione Actinobacillus spp., Arcanobacterium spp., Clostridium spp., E. coli, Enterobacter spp., Haemophilus spp., Klebsiella spp., Pasteurella spp., Salmonella spp., Staphylococcus spp., Streptococcus spp., Vibrio spp. e coccidi.

Posologia

polli da carne e conigli: 0,2-0,3 ml di soluzione per kg di peso corporeo (pari a 0,7-1,0 ml per litro di acqua di bevanda e a 48-72 mg dell'associazione per kg di peso corporeo). Durata indicativa del trattamento: 3-5 giorni. In caso di coccidiosi eseguire due trattamenti di 3 giorni intervallati da 2 giorni di sospensione. La somministrazione nell'acqua di bevanda deve essere eseguita tenendo conto dell'assunzione giornaliera, che dipende dalle condizioni cliniche degli animali. Per assicurare la corretta posologia ed evitare un sovra- o sottodosaggio, raggruppare gli animali da trattare in base al peso vivo tenendo conto del consumo giornaliero di acqua e calcolare accuratamente il dosaggio di prodotto da diluire.

Avvertenze

non somministrare in animali con ipersensibilità accertata nei confronti dei sulfamidici o con funzionalità epatica o renale compromessa. Avvertenze speciali per ciascuna specie di destinazione - Attenersi ai dosaggi minimi in condizioni climatiche che incrementino il consumo idrico. In caso di terapia prolungata (terapia anticoccidica) si consiglia la somministrazione di vitamina K. L'uso del prodotto nel pollame deve essere conforme al Regolamento CE 1177/2006 della commissione e alle normative nazionali di recepimento.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali - Non somministrare in acque acide. L'uso del prodotto deve essere basato su test di sensibilità dei batteri isolati dagli animali. Se ciò non è possibile, la terapia deve essere basata su informazioni epidemiologiche locali (regionali, aziende agricole). L'uso improprio del prodotto può aumentare il tasso di prevalenza di batteri resistenti ai sulfamidici potenziati e può diminuire l'efficacia del trattamento con altre categorie di antimicrobici, a causa della possibile resistenza crociata.