Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Neo Erlen

Ultimo aggiornamento: 19/03/2020

BoxAreaRiservataVet

Confezioni

Neo Erlen shampoo 1000 ml
Neo Erlen shampoo 200 ml

A cosa serve

Neo Erlen è un medicinale veterinario a base del principio attivo Tetrametrina + Fenotrina + Piperonile Butossido, appartenente alla categoria degli Ectoparassiticidi e nello specifico Piretrine e piretroidi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Teknofarma S.p.A..

Neo Erlen può essere prescritto con Ricetta SOP - medicinali non soggetti a prescrizione medica ma non da banco.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Teknofarma S.p.A.
Concessionario: Teknofarma S.p.A.
Ricetta: SOP - medicinali non soggetti a prescrizione medica ma non da banco
Principio attivo: Tetrametrina + Fenotrina + Piperonile Butossido
Gruppo terapeutico: Ectoparassiticidi
Forma farmaceutica: shampoo


Principio Attivo

100 g = fenotrina 0,8 g, tetrametrina 0,8 g, piperonil butossido 3,2 g

Indicazioni

per la disinfestazione da parassiti della cute: pulci, pidocchi, zecche e zanzare

Posologia

per uso esterno. Inumidire con acqua tiepida il pelo dell'animale. Cospargerlo con lo shampoo nella proporzione di 2,5 ml per kg di peso (50 ml per 20 kg) pari a circa 20 mg/kg p.a. di fenotrina, 20 mg/kg p.a. di tetrametrina e 80 mg/kg p.a. di piperonil butossido. Soffregare in modo da fare schiuma e da ricoprire con la medesima tutta la superficie corporea (compresi gli spazi interdigitali, la pianta del piede e l'esterno del padiglione auricolare), evitando che lo shampoo vada a contatto con gli occhi. Per la disinfestazione da pulci, pidocchi e zanzare, sono sufficienti 5 minuti di contatto con l'insetticida, per le zecche occorrono invece 15 minuti. Sciacquare bene soprattutto le parti poco coperte da pelo e asciugare. È di solito sufficiente 1 solo bagno, al massimo 2 a distanza di qualche giorno, nel caso che sopravviva qualche parassita. Pulci, pidocchi e zanzare vengono eliminati in gran parte con l'acqua di risciacquo, le zecche si staccano in seguito. È opportuno non staccarle meccanicamente onde evitare irritazioni