Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Naxcel Bovini

Ultimo aggiornamento: 03/11/2020

BoxAreaRiservataVet



Confezioni

Naxcel Bovini 200 mg/ml fl 100 ml

A cosa serve

Naxcel Bovini è un medicinale veterinario a base del principio attivo Ceftiofur, appartenente alla categoria degli Antibiotici e nello specifico Cefalosporine di terza generazione. E' commercializzato in Italia dall'azienda Zoetis Italia S.r.l..

Naxcel Bovini può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Zoetis Belgium SA
Concessionario: Zoetis Italia S.r.l.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Ceftiofur
Gruppo terapeutico: Antibiotici
Forma farmaceutica: flaconi iniettabili


Principio Attivo

un ml = ceftiofur (come acido libero cristallino) 200 mg

Indicazioni

trattamento della necrobacillosi interdigitale acuta nei bovini anche nota come flemmone interdigitale

Posologia

una singola iniezione sottocutanea di 6,6 mg di ceftiofur per kg di p.v. (equivalente a 1 ml di Naxcel per 30 kg di p.v.) somministrata alla base dell'orecchio

Avvertenze

precauzioni speciali per l’impiego negli animali: se possibile, le cefalosporine devono essere usate esclusivamente in base ai risultati dell’antibiogramma. L’utilizzo delle cefalosporine ad ampio spettro (3a e 4a generazione, come il ceftiofur), somministrate per via sistemica, deve essere considerato limitato al trattamento di condizioni cliniche che hanno risposto o che si ritiene possano rispondere scarsamente a prodotti antimicrobici a più stretto spettro. Un impiego più frequente, incluso un utilizzo di tale prodotto diverso dalle istruzioni fornite sopra, può condurre ad un aumento della prevalenza dei batteri resistenti al ceftiofur. Durante l’uso del medicinale veterinario, è necessario attenersi ai regolamenti ufficiali, nazionali e regionali, sull’uso di prodotti antimicrobici. Quando si valuta la strategia del trattamento, è appropriato considerare un miglioramento delle pratiche di gestione dell’allevamento e l’impiego di trattamenti di supporto con appropriati prodotti ad azione locale (per esempio disinfettanti). Non sono stati condotti studi specifici nelle bovine in gravidanza o in bovini riproduttori. Usare solo conformemente alla valutazione del rapporto rischio/beneficio del veterinario responsabile. In assenza di studi di compatibilità, questo medicinale veterinario non deve essere miscelato con altri medicinali veterinari. Precauzioni speciali per le persone: le penicilline e le cefalosporine, come il ceftiofur, possono causare ipersensibilità nelle persone e negli animali in seguito ad iniezione, inalazione, ingestione o contatto con la pelle. L’ipersensibilità alle penicilline può indurre a reazioni crociate alle cefalosporine e viceversa. Le reazioni allergiche a queste sostanze possono essere occasionalmente gravi. Le persone con nota ipersensibilità alle penicilline e cefalosporine devono evitare contatti con questo medicinale veterinario. Evitare il contatto con la pelle e gli occhi. Nel caso di contatto, lavare con acqua pulita. Se si manifestano sintomi dopo il contatto, quali irritazione cutanea o persistente irritazione agli occhi, consultare il medico. Edema del viso, labbra, occhi o difficoltà di respirazione sono sintomi più seri e richiedono urgenti cure mediche