transparent
Università degli Studi di MilanoFederazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Mixacillina

Ultimo aggiornamento: 03/11/2020




A cosa serve

Mixacillina è un medicinale veterinario a base del principio attivo Amoxicillina Triidrato, appartenente alla categoria degli Antibatterici penicillinici e nello specifico Penicilline ad ampio spettro. E' commercializzato in Italia dall'azienda Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A..

Mixacillina può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A.
Concessionario: Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Amoxicillina Triidrato
Gruppo terapeutico: Antibatterici penicillinici
Forma farmaceutica: polveri orali

Confezioni

Mixacillina 100 mg/g os sacco 25 kg

Principio Attivo

1 g di premiscela contiene: amoxicillina 87,1 mg equivalente ad amoxicillina triidrato 100 mg.

Indicazioni

trattamento delle infezioni batteriche del sistema respiratorio, gastroenterico, genitourinario, tegumentale e articolare dei suini sostenute da microrganismi sensibili all'amoxicillina.

Posologia

somministrare per via orale, in funzione del consumo giornaliero di alimento, alle seguenti dosi: suini: 15-30 g di prodotto/100 kg di peso vivo nelle 24 ore (pari a 15-30 mg di amoxicillina triidrato/kg di p.v.). Per fornire tali dosaggi miscelare al mangime una quantità di prodotto pari a 500/1000 g/q.le. Durata indicativa del trattamento: 3-5 giorni. Deve essere accuratamente miscelato al mangime: utilizzare un tempo di miscelazione almeno doppio rispetto a quello necessario per i mangimi non medicati. Terminata la lavorazione procedere ad una accurata pulizia dell'impianto onde evitare la presenza di “code” di antibiotico nella normale produzione.

Avvertenze

precauzioni speciali per l'impiego negli animali: l'uso del prodotto deve essere basato sui test di sensibilità e deve tener conto delle linee guida ufficiali e locali sui trattamenti antimicrobici. L'uso del prodotto deve essere basato su prove di sensibilità dei batteri isolati dagli animali. Se non fosse possibile, la terapia dovrebbe basarsi sui dati epidemiologici (regionali o locali) della sensibilità dei batteri bersaglio.