Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Izovac Marek Hvt Congelato

Ultimo aggiornamento: 05/03/2020

BoxAreaRiservataVet



Confezioni

Izovac Marek Hvt Congelato iniett. 1 fiala 1000 dosi

A cosa serve

Izovac Marek Hvt Congelato è un medicinale veterinario a base del principio attivo Vaccino Morbo Di Marek (ceppo Herpes Di Tacchino) Vivo, appartenente alla categoria degli Vaccini e nello specifico Vaccini virali vivi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Izo S.r.l..

Izovac Marek Hvt Congelato può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Izo S.r.l.
Concessionario: Izo S.r.l.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Vaccino Morbo Di Marek (ceppo Herpes Di Tacchino) Vivo
Gruppo terapeutico: Vaccini
Forma farmaceutica: fiala iniettabile


Principio Attivo

ogni dose di 0,2 ml di vaccino contiene: virus vivo congelato apatogeno associato a cellule della Malattia di Marek ceppo HVT FC-126 (sierotipo 3): [7:>] 1500 UFP.

Indicazioni

profilassi della Malattia di Marek. L'immunità ha inizio 3 settimane dopo la vaccinazione e fornisce una protezione sufficiente per il periodo a rischio.

Posologia

il vaccino ricostituito con il “Diluente per vaccini congelati contro la Malattia di Marek” deve essere somministrato per via intramuscolare alla base del collo in pulcini di un giorno di età. Posologia: dose: 0,2 ml. Preparazione del vaccino: prelevare la fiala di vaccino dal contenitore di azoto e immergerla immediatamente in acqua tiepida (25°C) fino a completo scongelamento; con una siringa sterile prelevare il contenuto della fiala e metterla nell'apposito diluente; utilizzando la siringa risciacquare l'interno della fiala con il diluente.

Avvertenze

somministrare a soggetti in buone condizioni di salute. Utilizzare il diluente per vaccini congelati contro la Malattia di marek. Adottare tutte le misure di allevamento e veterinarie ad evitare la diffusione dell'agente vaccinale alle 5 specie sensibili.