transparent
Università degli Studi di MilanoFederazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Izovac H120-LA SOTA

Izo S.r.l.
Ultimo aggiornamento: 19/08/2021




A cosa serve

Izovac H120-LA SOTA è un medicinale veterinario a base del principio attivo Vaccino Bronchite Infettiva Aviaria Vivo Liofilizzato + Vaccino Pseudopeste Aviaria Vivo Liofilizzato, appartenente alla categoria degli Vaccini e nello specifico Vaccini virali vivi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Izo S.r.l..

Izovac H120-LA SOTA può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Izo S.r.l.
Concessionario: Izo S.r.l.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Vaccino Bronchite Infettiva Aviaria Vivo Liofilizzato + Vaccino Pseudopeste Aviaria Vivo Liofilizzato
Gruppo terapeutico: Vaccini
Forma farmaceutica: soluzione

Confezioni

Izovac H120-LA SOTA 10 flaconcini X 1000 dosi per polli

Principio Attivo

ogni dose di vaccino contiene: virus vivo attenuato della Bronchite infettiva aviaria, ceppo H120: 10[5:3] [7:<] R [7:<] 10[5:4,7] EID[6:50], virus vivo attenuato della Malattia di Newcastle, ceppo LA SOTA: 10[5:6] [7:<] R [7:<] 10[5:7,5] EID[6:50]

Indicazioni

per la vaccinazione di richiamo dei polli (broilers, galline ovaiole e polli riproduttori) da 21 giorni di età contro la Bronchite Infettiva Aviare e la Malattia di Newcastle. L'inizio dell'immunità compare dopo 14 giorni dalla somministrazione del vaccino e perdura fino ad almeno 16 settimane.

Posologia

il vaccino deve essere somministrato mediante la via orale in acqua da bere immediatamente dopo la ricostituzione e consumato non oltre le 2 ore dalla somministrazione. Il vaccino deve essere somministrato, per via orale in acqua da bere, a pulcini da 21 giorni di vita precedentemente immunizzati nei confronti della Bronchite Infettiva Aviare e della Malattia di Newcastle. Per animali con ciclo di vita più lungo si consiglia di ripetere la somministrazione alla 10° settimana di vita.
Ricostituzione del vaccino: per utilizzare il vaccino togliere la ghiera di alluminio dal flacone e ricostituire la pastiglia liofilizzata corrispondente a 1000 dosi. Trasferire una quantità di 2-3 ml di acqua deionizzata o potabile nel flacone del vaccino, utilizzando una siringa e osservando le consuete precauzioni di asepsi. Agitare bene il flacone per assicurare una dispersione omogenea. Ripetere l'operazione ai punti 2) e 3) al fine di prelevare l'intero liofilizzato ricostituito. Somministrazione in acqua da bere: il vaccino così ricostituito deve essere diluito nei volumi di acqua previsti per la vaccinazione, a seconda del numero di animali da vaccinare (considerando il volume contenente una dose di vaccino per animale ed il consumo medio di acqua/capo nei limiti della validità dopo ricostituzione). Il vaccino deve essere somministrato immediatamente dopo la ricostituzione e consumato entro le due ore dalla somministrazione.

Avvertenze

poiché il vaccino diffonde tra gli animali è bene vaccinare tutti gli animali presenti nel gruppo. Per pollastre destinate alla ovodeposizione e polli riproduttori è consigliata la somministrazione di un vaccino spento prima dell'entrata in produzione (entro 16° settimana).
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: somministrazione in acqua da bere. Assicurarsi che tutti i materiali utilizzati per l'abbeveraggio siano ben puliti e in particolare che non contengano residui di mangime e/o feci e siano liberi da eventuali residui di disinfettanti/ioni metallici. Usare acqua che non contiene cloro o tracce di disinfettanti. Il vaccino deve essere somministrato immediatamente dopo la ricostituzione e consumato non oltre le 2 ore dalla somministrazione. È buona prassi interrompere l'erogazione dell'acqua da bere 2-3 ore prima della vaccinazione per assetare gli animali in modo che l'acqua contenente il vaccino venga consumata completamente in 1,5-2 ore dalla somministrazione. Tutti gli animali devono avere accesso agli abbeveratoi allo stesso tempo. Non esporre l'acqua contenente il vaccino a fonti di calore (lampade incubatrici, sole) o a fonte di luce intensa.