transparent
Università degli Studi di MilanoFederazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Izovac Clone

Izo S.r.l.
Ultimo aggiornamento: 03/11/2020




A cosa serve

Izovac Clone è un medicinale veterinario a base del principio attivo Vaccino Pseudopeste Aviare (malattia Di Newcastle) Vivo Liofilizzato, appartenente alla categoria degli Vaccini e nello specifico Vaccini virali vivi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Izo S.r.l..

Izovac Clone può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Izo S.r.l.
Concessionario: Izo S.r.l.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Vaccino Pseudopeste Aviare (malattia Di Newcastle) Vivo Liofilizzato
Gruppo terapeutico: Vaccini
Forma farmaceutica: fiale flaconcini fialoidi

Confezioni

Izovac Clone 1 flaconcino x 1000 dosi
Izovac Clone 10 flaconcini x 1000 dosi

Principio Attivo

ogni dose di vaccino contiene: virus vivo attenuato della malattia di Newcastle, ceppo Clone 10[5:6,0] [7:<] R [7:<] 10[5:7,7] EID[6:50].

Indicazioni

per l'immunizzazione attiva e riduzione della mortalità dei polli da 1 giorno di età, con o senza immunità materna, contro la malattia di Newcastle. Inizio dell'immunità: 14 giorni dalla somministrazione del vaccino. Durata dell'immunità: 99 giorni (14 settimane) dalla somministrazione del vaccino.

Posologia

il vaccino deve essere somministrato mediante la via di somministrazione oculo-nasale o in acqua da bere immediatamente dopo la ricostituzione e consumato non oltre le 2 ore dalla somministrazione. Somministrare a pulcini da 1 giorno di età.Somministrazione di due dosi di vaccino a distanza di tre settimane l'una dall'altra.
Somministrazione oculo-nasale: sciogliere il vaccino in soluzione fisiologica salina o acqua distillata sterili (di solito 30 ml ogni 1000 dosi). Somministrare per mezzo di un contagocce standard (0,03 ml). Applicare una goccia in una narice o in un occhio. Prima di liberare l'animale assicurarsi che la goccia somministrata per via oculare abbia bagnato tutta la cornea e che quella somministrata per via nasale sia stata deglutita.
Somministrazione nell'acqua da bere: trasferire una quantità di 2-3 ml di acqua deionizzata o potabile nel flacone del vaccino utilizzando una siringa e osservando le consuete precauzioni di asepsi. Agitare bene il flacone per assicurare una dispersione omogenea; il vaccino così ricostituito deve essere diluito nei volumi di acqua previsti per la vaccinazione a seconda del numero di dosi e delle dimensioni dell'allevamento. Il vaccino deve essere somministrato immediatamente dopo la ricostituzione e consumato entro le due ore dalla somministrazione. Assicurarsi che tutti i materiali utilizzati per l'abbeveraggio siano ben puliti e in particolare che non contengano residui di mangime e/o feci e siano liberi da eventuali residui di disinfettanti/ioni metallici. Tutti gli animali devono avere accesso agli abbeveratoi allo stesso tempo.

Avvertenze

poiché il vaccino diffonde tra gli animali è bene vaccinare tutti gli animali presenti nel gruppo. Per pollastre destinate alla ovodeposizione e polli riproduttori è consigliata la somministrazione di un vaccino spento prima dell'entrata in produzione (entro 14° settimana).