Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Iso-Vet Isoflurano 1000 Mg/ml

Ultimo aggiornamento: 17/07/2019

BoxAreaRiservataVet



Confezioni

Iso-Vet Isoflurano 1000 mg/ml vapore per inalazione flacone da 250 ml

A cosa serve

Iso-Vet Isoflurano 1000 Mg/ml è un medicinale veterinario a base del principio attivo Isoflurano, appartenente alla categoria degli Anestetici generali e nello specifico Idrocarburi alogenati. E' commercializzato in Italia dall'azienda Piramal Critical Care Italia S.p.A..

Iso-Vet Isoflurano 1000 Mg/ml può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Piramal Critical Care B.V.
Concessionario: Piramal Critical Care Italia S.p.A.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Isoflurano
Gruppo terapeutico: Anestetici generali
Forma farmaceutica: fiala iniettabile


Principio Attivo

Isoflurano.

Indicazioni

Induzione e mantenimento dell'anestesia generale.

Posologia

CAVALLO: il valore di CAM per l'isoflurano nel cavallo è di circa 1,31%. Premedicazione: l'isoflurano può essere usato con altri farmaci comunemente usati nelle procedure anestetiche veterinarie. I seguenti farmaci sono compatibili con l'isoflurano: acepromazina, alfentanil, atracurio, butorfanolo, detomidina, diazepam, dobutamina, dopamina, guaifanesina, ketamina, morfina, pentazocina, petidina, thiamylal, tiopentone e xilazina. I farmaci utilizzati per la premedicazione devono essere selezionati per il singolo paziente. Tuttavia, le potenziali interazioni indicate di seguito devono essere considerate. Interazioni: è stato osservato che la detomidina e la xilazina riducono il valore di CAM per l'isoflurano nei cavalli. Induzione: poichè non è normalmente praticabile indurre l'anestesia nei cavalli adulti con l'isoflurano,l'induzione dovrebbe essere fatta con l'uso di un barbiturico ad azione breve come il sodio tiopentale, la ketamina, o la guaifanesina. Concentrazioni dal 3 al 5% di isoflurano possono quindi essere utilizzate per raggiungere il livello desiderato di anestesia nell'arco di 5-10 minuti di tempo. L'isoflurano ad una concentrazione del 3-5% in un alto flusso di ossigeno può essere utilizzato per l'induzione nei puledri. Mantenimento: l'anestesia può essere mantenuta utilizzando dall'1,5% al 2,5% di isoflurano. Risveglio: il risveglio è di solito rapido e dolce. CANE: il valore di CAM per l'isoflurano nel cane è di circa 1,28%. Premedicazione: l'isoflurano può essere usato con altri farmaci comunemente usati nelle procedure anestetiche veterinarie. I seguenti farmaci sono compatibili con l'isoflurano: acepromazina, atropina, butorfanolo, buprenorfina, bupivacaina, diazepam, dobutamina, efedrina, epinefrina, etomidate, glicopirrolato, ketamina, medetomidina, midazolam, metoxamina, ossimorfone, propofol, thiamylal, tiopentone e xilazina. I farmaci utilizzati per la premedicazione devono essere selezionati per il singolo paziente. Tuttavia, le potenziali interazioni indicate di seguito deve essere prese in considerazione. Interazioni: è stato osservato che morfina, ossimorfone, acepromazina, medetomidina, medetomidina associati al midazolam riducono il valore di CAM per l'isoflurano nei cani. La somministrazione concomitante di midazolam / ketamina durante l'anestesia con isoflurano può provocare seri effetti cardiovascolari, soprattutto ipotensione arteriosa. Gli effetti depressivi del propanololo sulla contrattilità miocardica sono ridotti durante l'anestesia con isoflurano, indicando un moderato grado di attività dei beta-recettori. Induzione: l'induzione è possibile mediante maschera facciale utilizzando fino al 5% di isoflurano, con o senza premedicazione. Mantenimento: l'anestesia può essere mantenuta utilizzando dall'1,5% al 2,5% di isoflurano. Risveglio: il risveglio è di solito rapido e dolce. GATTO: il valore di CAM per l'isoflurano nel gatto è di circa 1,63%. Premedicazione: l'isoflurano può essere usato con altri farmaci comunemente usati nelle procedure anestetiche veterinarie. I seguenti farmaci sono compatibili con l'isoflurano: acepromazina, atracurio, atropina, diazepam, ketamina e ossimorfone. I farmaci utilizzati per la premedicazione devono essere selezionati per il singolo paziente. Tuttavia, le potenziali interazioni indicate di seguito devono essere prese in considerazione. Interazioni: è stato osservato che la somministrazione endovenosa di midazolam-butorfanolo altera alcuni parametri cardio-respiratori nell'isoflurano indotto nei gatti come per fentanyl epidurale e medetomidina. è stato dimostrato che l'isoflurano riduce la sensibilità del cuore all'adrenalina (epinefrina). Induzione: l'induzione è possibile mediante maschera facciale utilizzando fino al 4% di isoflurano, con o senza premedicazione. Mantenimento: l'anestesia può effetto essere mantenuta utilizzando dall'1,5% al 3% di isoflurano. Risveglio: il risveglio è di solito rapido e dolce. UCCELLI ORNAMENTALI: pochissimi valori di CAM/ED 50 sono stati registrati. Gli esempi sono 1,34% per la gru Sandhill, 1,45% per il piccione da corsa, ridotta allo 0,89% con la somministrazione di midazolam e 1,44% per icacatua, ridotto all'1,08% con la somministrazione di analgesici come il butorfanolo. è stato riportato l'uso di anestesia con isoflurano per molte specie, da piccoli uccelli come fringuelli zebra, ad uccelli di grandi dimensioni come avvoltoi, aquile e cigni. Interazioni con farmaci/compatibilità: è stato dimostrato in letteratura che il Propofol è compatibile con l'anestesia da isoflurano nei cigni. Interazioni: è stato segnalato che il Butorfanolo riduce il valore di CAM per l'isoflurano nei cacatua. è stato segnalato che il Midazolam riduce il valore di CAM per isoflurano nei piccioni. Induzione: l'induzione dal 3 al 5% di isoflurano è normalmente rapida. è stata segnalata per i cigni l'induzione dell'anestesia con propofol, seguita da mantenimento con isoflurano. Mantenimento: la dose di mantenimento dipende dalla specie e dall'individuo. Generalmente, dal 2 al 3% è appropriata e sicura. Per alcune specie di aironi e cicogne, può essere necessario anche solo dallo 0,6 all'1%. Per alcuni avvoltoi e aquile può essere necessaria fino al 4-5%. Per alcune oche e anatre può essere necessaria dal 3,5 al 4%. In generale, gli uccelli rispondono molto rapidamente ai cambiamenti di concentrazione di isoflurano. Risveglio: il risveglio è di solito rapido e dolce. RETTILI: l'isoflurano è considerato da molti l'anestetico indicato per molte specie. La letteratura ne registra l'utilizzo su un'ampia varietà di rettili (ad esempio, varie specie di lucertole, tartarughe, iguane, camaleonti e serpenti). Nell'iguana da deserto si è osservato un valore di ED 50 pari a 3,14% a 35 gradi C e 2,83% a 20 gradi C. Interazioni con farmaci/compatibilità: nessuna pubblicazione specifica sui rettili ha riportato compatibilità o interazioni con altri farmaci in presenza di anestesia con isoflurano. Induzione: l'induzione è di solito rapida con l'isoflurano dal 2 al 4%. Mantenimento: la concentrazione utile va da 1 a 3%. Risveglio: il risveglio è di solito rapido e dolce. RATTI, TOPI, CRICETI, CINCILLà, GERBILLI, PORCELLINI D'INDIA E FURETTI: l'isoflurano è stato raccomandato per anestetizzare una vasta gamma di 'piccoli mammiferì (es. ratti, topo, criceto, cincillà, gerbillo, porcellino d'India e furetti). è stato riportato un valore di CAM per i topi pari al 1,34%, e per il ratto pari a 1,38%,1,46% e 2,4%. Interazioni con farmaci/compatibilità: nessuna pubblicazione specifica sui rettili ha riportato compatibilità o interazioni con altri farmaci in presenza di anestesia con isoflurano. Induzione: concentrazione isoflurano dal 2 al 3%. Mantenimento: concentrazione isoflurano da 0,25 a 2%. Risveglio: il risveglio è di solito rapido e dolce.

Avvertenze

La facilità e la rapidità di alterazione dell'intensità dell'anestesia con l'isoflurano e il suo metabolismo basso, possono essere considerati vantaggiosi per l'utilizzo su particolari gruppi di pazienti, come anziani o giovani, e quelli con compromessa funzionalità epatica, renale o cardiaca. L'isoflurano ha scarse o quasi inesistenti proprietà analgesiche. Un analgesico appropriato deve essere sempre somministrato prima dell'operazione chirurgica. Le esigenze analgesiche del paziente devono essere considerate prima che l'anestesia generale termini. L'utilizzo del prodotto su pazienti cardiopatici deve essere preso in considerazione solo dopo una valutazione rischio/beneficio. è importante monitorare la respirazione e il polso sia per la frequenza che per le caratteristiche. L'arresto respiratorio deve essere trattato con ventilazione assistita. è importante che le vie respiratorie vengano lasciate libere e che i tessuti siano debitamente ossigenati per tutta la durata dell'anestesia. In caso di arresto cardiaco, effettuare una completa rianimazione cardio-polmonare. Il metabolismo dei piccoli mammiferi può essere influenzato da cali della temperatura corporea, dovuti a un'ampia superficie in rapporto al peso corporeo. Pertanto la temperatura corporea deve essere monitorata e mantenuta stabile. L'induzione con agenti inalatori può essere difficoltosa nei rettili a causa di apnee. Come altri anestetici inalatori di questo tipo, l'isoflurano deprime i sistemi respiratorio e cardiovascolare. Precauzioni speciali per chi somministra il medicinale veterinario agli animali: non respirare i vapori. L'utilizzatore dovrebbe consultare l'Autorità Nazionale per informarsi circa gli Standard di Esposizione Professionale all'isoflurano. Le sale operatorie e le aree di risveglio devono essere dotate di un'appropriata ventilazione o di sistemi di evacuazione per prevenire l'accumulo di vapore anestetico. Deve essere eseguita una appropriata manutenzione su tutti i sistemi di evacuazione/estrazione. Le donne incinte e/o che allattano devono evitare l'esposizione al prodotto e devono evitare le sale operatorie e le aree di risveglio. Evitare di utilizzare maschere facciali per l'induzione prolungata e per il mantenimento dell'anestesia generale. Durante il mantenimento dell'anestesia generale utilizzare un tubo endotracheale cuffiato, quando possibile, per la somministrazione di isoflurano. Per proteggere l'ambiente, è buona norma utilizzare filtri a carbone negli impianti di evacuazione. Prestare particolare attenzione durante la somministrazione di isoflurano, qualsiasi fuoriuscita deve essere rimossa immediatamente tramite un materiale inerte ed assorbente, come la segatura. Lavare eventuali schizzi sulla pelle e negli occhi, ed evitare il contatto con la bocca. In caso di grave esposizione accidentale allontanare l'operatore dalla fonte di esposizione, consultare immediatamente un medico e mostrargli questa etichetta. Gli agenti anestetici alogenati possono provocare danni al fegato. Nel caso dell'isoflurano, questa è una risposta idiosincratica molto rara che viene osservata dopo ripetute esposizioni. Per il medico: assicurarsi con anticipo che le vie respiratorie del paziente siano libere e fornire un trattamento sintomatico e di supporto. Si noti che le catecolamine e l'adrenalina possono causare aritmie cardiache. Altre precauzioni: Nonostante gli anestetici siano scarsamente dannosi per l'atmosfera, è buona norma utilizzare filtri a carbone negli impianti di evacuazione, piuttosto che rilasciarli nell'aria. Sovradosaggio: il sovradosaggio di isoflurano può provocare una profonda depressione respiratoria. Pertanto, la respirazione deve essere attentamente monitorata e supportata, se necessario, con ossigeno supplementare e/o ventilazione assistita. In caso di grave depressione cardiopolmonare, la somministrazione di isoflurano deve essere interrotta, deve essere erogato ossigeno nel circuito respiratorio, deve essere accertato che le vie respiratore del paziente siano libere, deve essere iniziata una ventilazione assistita o controllata con ossigeno puro. La depressione cardiovascolare dovrebbe essere trattata con espansori di plasma, agenti pressori, agenti antiaritmici o altre tecniche idonee. In caso di arresto cardiaco, effettuare una completa rianimazione cardio-polmonare.