Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Enrovet 50 Mg/ml

AniMedica GmbH
Ultimo aggiornamento: 03/11/2020




A cosa serve

Enrovet 50 Mg/ml è un medicinale veterinario a base del principio attivo Enrofloxacina, appartenente alla categoria degli Antibiotici e nello specifico Fluorochinoloni. E' commercializzato in Italia dall'azienda AniMedica GmbH.

Enrovet 50 Mg/ml può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: AniMedica GmbH
Concessionario: AniMedica GmbH
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Enrofloxacina
Gruppo terapeutico: Antibiotici
Forma farmaceutica: flaconi iniettabili

Confezioni

Enrovet 50 mg/ml 50 mg/ml 1 flacone 100 ml

Principio Attivo

Enrofloxacina 50,0 mg/ml.

Indicazioni

Vitelli: trattamento delle infezioni del tratto respiratorio causate da ceppi sensibili all'enrofloxacina di Pasteurella multocida, Mannheimia haemolytica e Mycoplasma spp. Trattamento delle infezioni del tratto gastrointestinale causate da ceppi sensibili all'enrofloxacina di Escherichia coli. Trattamento della setticemia causata da ceppi sensibili all'enrofloxacina di Escherichia coli. Trattamento dell'artrite acuta associata a micoplasmi, causata da ceppi sensibili all'enrofloxacina di Mycoplasma bovis. Suini: trattamento delle infezioni del tratto respiratorio causate da ceppi sensibili all'enrofloxacina di Pasteurella multocida, Mycoplasma spp. e Actinobacillus pleuropneumoniae. Trattamento delle infezioni del tratto gastrointestinale causate da ceppi sensibili all'enrofloxacina di Escherichia coli. Trattamento della setticemia causata da ceppi sensibili all'enrofloxacina di Escherichia coli. Cani: trattamento delle infezioni del tratto gastrointestinale, respiratorio e urogenitale (incluse prostatite e terapia antibiotica aggiuntiva per piometra), infezioni cutanee e delle ferite, otite (esterna/media) causate da ceppi sensibili all'enrofloxacina di Staphylococcus spp., Escherichia coli, Pasteurella spp., Klebsiella spp., Bordetella spp., Pseudomonas spp. e Proteus spp. Gatti: trattamento delle infezioni del tratto gastrointestinale, respiratorio e urogenitale (come terapia antibiotica aggiuntiva per piometra), infezioni cutanee e delle ferite, causate da ceppi sensibili all'enrofloxacina come ad es.: Staphylococcus spp., Escherichia coli, Pasteurella spp., Klebsiella spp., Bordetella spp., Pseudomonas spp. e Proteus spp.

Posologia

Uso endovenoso, sottocutaneo o intramuscolare. Le iniezioni ripetute devono essere effettuate in diversi siti di iniezione. Per garantire la somministrazione della dose corretta, il peso corporeo deve essere determinato nel modo più accurato possibile al fine di evitare il sottodosaggio. Vitelli: 5 mg di enrofloxacina/kg di peso corporeo, corrispondenti a 1 ml/10 kg di peso corporeo, una volta al giorno per 3-5 giorni. Artrite acuta associata a micoplasmi, causata da ceppi sensibili all'enrofloxacina di Mycoplasma bovis: 5 mg di enrofloxacina/kg di peso corporeo, corrispondenti a 1 ml/10 kg di peso corporeo, una volta al giorno per 5 giorni. Il medicinale può essere somministrato mediante iniezione endovenosa lenta o sottocutanea. In ciascun sito di iniezione sottocutanea non devono essere somministrati più di 10 ml. Suini: 2,5 mg di enrofloxacina/kg di peso corporeo, corrispondenti a 0,5 ml/10 kg di peso corporeo, una volta al giorno per 3 giorni mediante iniezione intramuscolare. Infezione del tratto gastrointestinale o setticemia causata da Escherichia coli: 5 mg di enrofloxacina/kg di peso corporeo, corrispondenti a 1 ml/10 kg di peso corporeo, una volta al giorno per 3 giorni mediante iniezione intramuscolare. Nei suini, l'iniezione deve essere effettuata nel collo, alla base dell'orecchio. In ciascun sito di iniezione intramuscolare non devono essere somministrati più di 3 ml. Cani e gatti: 5 mg di enrofloxacina/kg di peso corporeo, corrispondenti a 1 ml/10 kg di peso corporeo, una volta al giorno fino a 5 giorni mediante iniezione sottocutanea. è possibile iniziare il trattamento con il prodotto iniettabile e mantenerlo con enrofloxacina in compresse. La durata del trattamento deve basarsi sulla durata del trattamento approvata per l'indicazione appropriata del medicinale in compresse.

Avvertenze

Per iniezioni ripetute scegliere siti di iniezione diversi. Non somministrare a cani e gatti con disfunzioni del sistema nervoso centrale. L'enrofloxacina dovrebbe essere usata con cautela sugli animali epilettici o sugli animali affetti da disfunzioni renali. Tenere presenti lepolitiche antimicrobiche ufficiali e locali quando si usa il prodotto. L'utilizzo dei fluorochinoloni deve essere limitato al trattamento di condizioni cliniche che abbiano o si ritiene possano avere una scarsa risposta ad altre classi di antimicrobici. Laddove possibile, i fluorochinoloni devono essere utilizzati esclusivamente sulla base dell'antibiogramma. Un uso del prodotto diverso dalle istruzioni indicate nel riassunto delle caratteristiche del prodotto può aumentare la prevalenza di batteri resistenti ai fluorochinoloni e ridurre l'efficacia del trattamento con altri chinoloni a causa del potenziale di resistenza crociata. Nei vitelli trattati per via orale con 30 mg di enrofloxacina/kg di peso corporeo per 14 giorni sono state osservate alterazioni degenerative della cartilagine articolare. L'uso di enrofloxacina in agnelli durante il periodo di accrescimento, alla dose raccomandata per15 giorni, ha causato alterazioni istologiche nella cartilagine articolare, non associate a segni clinici. Precauzioni speciali particolari per chi somministra il prodotto agli animali: il prodotto è una soluzione alcalina. Sciacquare immediatamente con acqua eventuali schizzi sulla pelle e negli occhi. Non mangiare, bere o fumare mentre si usa il prodotto. Prestare attenzione a non autoiniettarsi accidentalmente il prodotto. In caso di iniezione accidentale rivolgersi immediatamente ad un medico mostrandogli il foglietto illustrativo o l'etichetta. Evitare il contatto diretto con la pelle per evitare il rischio di sensibilizzazione, dermatite da contatto e possibili reazioni di ipersensibilità ai (fluoro) chinoloni. Indossare guanti. Sovradosaggio: non è disponibile alcun antidoto; in caso di sovradosaggio accidentale praticare un trattamento sintomatico. In studi condotti sugli animali di destinazione è stata registrata l'insorgenza di danni oculari in gatti che avevano ricevuto dosi superiori a 15 mg/kg una volta al giorno per 21 giorni consecutivi. è dimostrato che dosi di 30 mg/kg somministrate una volta al giorno per 21 giorni consecutivi possono provocare l'insorgenza di danni oculari irreversibili. Dosi di 50 mg/kg somministrate una volta al giorno per 21 giorni consecutivi possono provocare la cecità. In cani e gatti si può verificare mancanza di appetito e nausea in seguito a sovradosaggio. Un sovradosaggio può causare disfunzioni del sistema nervoso centrale e disfunzioni renali. Nei cani un sovradosaggio pari a 10 volte la dose consigliata può provocare sintomi neurologici quali atassia, tremore, nistagmi o convulsioni. Questi sintomi sono reversibili con la sospensione del trattamento. Non sono stati riscontrati segni di sovradosaggio nei suini in seguito alla somministrazione di dosi pari a cinque volte il dosaggio terapeutico raccomandato. Gatti: si possono verificare effetti retinotossici inclusa la cecità se si supera la dose consigliata.