Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Doxysol 200 G/kg

Ultimo aggiornamento: 03/11/2020

BoxAreaRiservataVet



Confezioni

Doxysol 200 g/kg os polvere idrosolubile sacchetto 1 kg
Doxysol 200 g/kg os polvere idrosolubile sacchetto 5 kg

A cosa serve

Doxysol 200 G/kg è un medicinale veterinario a base del principio attivo Doxiciclina Cloridrato, appartenente alla categoria degli Antibatterici tetraciclinici e nello specifico Tetracicline. E' commercializzato in Italia dall'azienda Dox-Al Italia S.p.A..

Doxysol 200 G/kg può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Dox-Al Italia S.p.A.
Concessionario: Dox-Al Italia S.p.A.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Doxiciclina Cloridrato
Gruppo terapeutico: Antibatterici tetraciclinici
Forma farmaceutica: granulato


Principio Attivo

1 kg contiene = doxiciclina cloridrato 200 g.

Indicazioni

polli da carne: trattamento della malattia cronica respiratoria e sue complicanze da germi sensibili alla doxiciclina (ad esempio: Haemophylus paragallinarum, Mycoplasma gallisepticum, Ornithobacterium rhinotracheale, Pasteurella multocida).
Tacchini: trattamento delle malattie infettive sostenute da batteri Gram-positivi e Gram-negativi e micoplasmi sensibili alla doxiciclina, in particolare sindromi respiratorie e articolari sostenute da micoplasmi o stafilococchi.
Suini e vitelli: trattamento delle infezioni da batteri Gram-positivi e Gram-negativi sensibili alla doxiciclina (ad esempio, nei vitelli: Pasteurella multocida, Hystophilus somni; nei suini: Pasteurella multocida, Bordetella bronchiseptica, Haemophilus pleuropneumoniae, Streptococcus suis tipo 2, Streptococcus spp, Actinobacillus pleuropneumoniae, Mycoplasma hyopneumoniae, Lawsonia intracellularis, Brachyspira hyodisenteriae, Brachyspira pilosicoli), in corso di bronchiti, broncopolmoniti, complicanze batteriche delle virosi respiratorie, pasteurellosi, gastroenteriti, enteriti, colibacillosi, poliartriti settiche, infezioni podali, metriti e mastiti acute e subacute.

Posologia

polli da carne: 50–75 g di Doxysol ogni 100 litri di acqua (pari a 60 mg di prodotto, cioè 12 mg di principio attivo/kg p.v.) per 3-5 giorni.
Tacchini: 50-100 g di Doxysol ogni 100 litri di acqua (pari a 90 mg di prodotto, cioè 18 mg di principio attivo/kg p.v.) per 5 giorni.
Suini: 0,5 g di Doxysol per 10 kg di p.v. (pari a 50 mg di prodotto, cioè 10 mg di principio attivo/kg p.v.) 1 volta al giorno per 5 giorni (corrispondente a 140 g per 100 litri di acqua).
Vitelli: 0,5 g di Doxysol per 10 kg di p.v. (pari a 50 mg di prodotto, cioè 10 mg di principio attivo/kg p.v.) 1 volta al giorno per 5 giorni (corrispondente a 140 g per 100 litri di acqua).
Al fine di assicurare il consumo completo della soluzione medicamentosa, gli animali non devono accedere ad altre fonti di abbeveraggio durante il trattamento. Usare la soluzione entro 24 ore dalla preparazione.

Avvertenze

l'assunzione del medicinale da parte degli animali può essere alterata a seguito della malattia. Per i soggetti che presentano un'assunzione ridotta di acqua di bevanda, eseguire il trattamento per via parenterale, utilizzando un idoneo prodotto iniettabile. L'utilizzo ripetuto o protratto va evitato, migliorando le prassi di gestione e mediante pulizia e disinfezione.
Precauzioni speciali per l'impiego: se possibile, utilizzare il prodotto esclusivamente in base ai risultati dell'antibiogramma. Un utilizzo di tale prodotto diverso dalle istruzioni fornite può condurre ad un aumento della prevalenza dei batteri resistenti ai principi attivi per potenziale resistenza crociata. Non utilizzare in mangime solido. Non lasciare l'acqua medicata alla portata di animali non in terapia o selvatici. Durante il periodo di somministrazione orale della doxiciclina evitare la somministrazione simultanea di minerali o prodotti che contengono ioni quali Ca[5:+2] e Mg[5:+2] e adottare un'alimentazione povera di cationi bivalenti per evitare la formazione di complessi non assorbibili.