Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Diatrim

Ultimo aggiornamento: 30/07/2019

BoxAreaRiservataVet

Confezioni

Diatrim 200 mg/ml + 40 mg/ml soluzione iniettabile flacone da 100 ml per bovini, suini, cani e gatti

A cosa serve

Diatrim è un medicinale veterinario a base del principio attivo Sulfadiazina + Trimetoprim, appartenente alla categoria degli Sulfamidici e nello specifico Associazioni di sulfonamidi con trimetoprim, inclusi i derivati. E' commercializzato in Italia dall'azienda Dechra Veterinary Products S.r.l. -.

Diatrim può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Eurovet Animal Health B.V
Concessionario: Dechra Veterinary Products S.r.l. -
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Sulfadiazina + Trimetoprim
Gruppo terapeutico: Sulfamidici
Forma farmaceutica: soluzione


Principio Attivo

1 ml contiene: Sulfadiazina 200 mg e Trimetoprim 40 mg

Indicazioni

trattamento delle infezioni causate da, o associate a, organismi sensibili alla combinazione trimetoprim-sulfadiazina.

Posologia

bovini e suini: la dose raccomandata è 2,5 mg di trimetoprim/12,5 mg di sulfadiazina per chilogrammo di peso corporeo (1 ml di prodotto per 16 kg di peso corporeo) per iniezione intramuscolare o endovenosa lenta, una volta al giorno fino a 2 giorni dopo la risoluzione dei sintomi per un massimo di 5 giorni. Il volume massimo per l'iniezione intramuscolare per sede di iniezione è di 5 ml per i suini e 15 ml per i bovini. Il medicinale veterinario può essere somministrato per iniezione endovenosa quando sia necessario ottenere livelli ematici di trimetoprim e sulfadiazina più rapidamente. Cani e gatti: la dose raccomandata è 5 mg di trimetoprim/25 mg di sulfadiazina per chilogrammo di peso corporeo (1 ml di prodotto per 8 kg di peso corporeo) solo per iniezione sottocutanea, una volta al giorno fino a 2 giorni dopo la risoluzione dei sintomi per un massimo di 5 giorni. Nei cani la sede di iniezione raccomandata è la cute lassa nella parte superiore del collo. I tappi di chiusura non devono essere perforati più di 40 volte. Per la somministrazione endovenosa il prodotto deve essere riscaldato fino alla temperatura corporea e iniettato lentamente in un arco di tempo ragionevole dal punto di vista pratico. Al primo segno diintolleranza l'iniezione deve essere interrotta avviando il trattamento dello shock. La somministrazione endovenosa deve essere impiegata con estrema cautela e solo se vi è una giusticazione terapeutica.

Avvertenze

per uso intramuscolare, endovenoso o sottocutaneo. Per assicurare un dosaggio corretto, è necessario determinare nel modo più preciso possibile il peso corporeo degli animali da trattare.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: l'uso del prodotto deve avvenire sulla base dall'analisi della sensibilità dei batteri isolati dall'animale. Ove ciò non sia possibile, la terapia deve basarsi sui dati epidemiologici locali (a livello regionale o diallevamento) circa la sensibilità dei batteri bersaglio. L'uso del prodotto in modo non conforme alle istruzioni fornite nel foglietto del prodotto può aumentare la prevalenza dei batteri resistenti al prodotto e ridurre l'efficacia del trattamento con altri antimicrobici o classi di antimicrobici a causa della possibile resistenza crociata. Nell'uso del prodotto tenere conto delle linee di condotta antimicrobiche ufficiali, nazionali e locali.