Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Dexadreson

Ultimo aggiornamento: 03/02/2020

BoxAreaRiservataVet

Confezioni

Dexadreson iniett. 50 ml

A cosa serve

Dexadreson è un medicinale veterinario a base del principio attivo Desametasone Sodio Fosfato, appartenente alla categoria degli Corticosteroidi e nello specifico Glicocorticoidi. E' commercializzato in Italia dall'azienda MSD Animal Health S.r.l..

Dexadreson può essere prescritto con Ricetta RNRV - ricetta medica in copia unica non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Intervet International B.V.
Concessionario: MSD Animal Health S.r.l.
Ricetta: RNRV - ricetta medica in copia unica non ripetibile
Principio attivo: Desametasone Sodio Fosfato
Gruppo terapeutico: Corticosteroidi
Forma farmaceutica: fiala iniettabile


Principio Attivo

1 ml di soluzione contiene: Desametasone sodio fosfato 2,63 mg, (equivalente a desametasone 2,00 mg).

Indicazioni

azione anti-infiammatoria, azione anti-allergica, azione anti-shock (limitatamente a cane e gatto), azione gluconeogenica, induzione del parto.

Posologia

per via endovenosa o intramuscolare e intrarticolare.
Specie: Cavalli. Dosaggio: Locale (intrarticolare) a seconda della taglia dell'animale: 1-5 ml/animale. Dosaggio: Sistemica (intramuscolare): 0,06 mg/kg
Specie: Puledri. Dosaggio: Locale (intrarticolare) a seconda della taglia dell'animale: 1-2,5 ml/animale. Dosaggio: Sistemica (intramuscolare): 0,06 mg/kg
Specie: Cani, gatti. Dosaggio: Locale (intrarticolare) a seconda della taglia dell'animale: 0,125-2,5 ml/animale. Dosaggio: Sistemica (intramuscolare): 0,1 mg/kg.
Nel cane e nel gatto possibilmente ripetere la somministrazione sistemica (intramuscolare) dopo 24-48 ore.

Avvertenze

Nei casi di laminite negli equini, Dexadreson va utilizzato solo nelle primissime fasi della malattia. La somministrazione intrarticolare del medicinale deve essere effettuata esclusivamente dal medico veterinario.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: tutte le iniezioni intrarticolari devono essere precedute dal prelievo dall'articolazione di una quantità di liquido sinoviale uguale a quella da iniettare ed essere effettuate in condizioni di rigorosa asepsi. Se ne sconsiglia un uso protratto a causa della lunga (e spesso poco prevedibile) durata d'azione, che amplifica gli effetti collaterali rendendo tale molecola fortemente "cushingoide". In caso di somministrazione cronica, tenere l'animale sotto stretta osservazione da parte del veterinario, in quanto si potrebbero osservare ritenzione di sodio e di liquidi, perdita di potassio, aumento del peso. Se il periodo di trattamento è stato lungo, la sospensione dovrebbe essere graduale ed è consigliabile la stimolazione con ACTH della surrenale.Nei casi di trattamento dello shock, sarebbe opportuno somministrare una terapia perfusionale per via endovenosa per mantenere costante il volume circolante e controllare l'equilibrio acido - base. Nel cane e nel gatto, in caso di shock, Dexadreson può essere somministrato per via endovenosa ad un dosaggio almeno 10 volte quello raccomandato per via generale (intramuscolare). Per ottenere una rapida risposta nelle reazioni di ipersensibilità acuta e negli shock anafilattici, può essere necessario somministrare anti-istaminici e/o adrenalina insieme al corticosteroide.