Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Dectospot

Ultimo aggiornamento: 03/11/2020

BoxAreaRiservataVet



Confezioni

Dectospot 10 mg/ml soluzione pour-on per bovini e ovini contenitore in polietilene da 1 l
Dectospot 10 mg/ml soluzione pour-on per bovini e ovini contenitore in polietilene da 2,5 l
Dectospot 10 mg/ml soluzione pour-on per bovini e ovini contenitore in polietilene da 250 ml

A cosa serve

Dectospot è un medicinale veterinario a base del principio attivo Deltametrina, appartenente alla categoria degli Ectoparassiticidi e nello specifico Piretrine e piretroidi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Ecuphar Italia S.r.l..

Dectospot può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Bimeda Animal Health Ltd.
Concessionario: Ecuphar Italia S.r.l.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Deltametrina
Gruppo terapeutico: Ectoparassiticidi
Forma farmaceutica: soluzione (uso interno)


Principio Attivo

Ciascun ml contiene: Deltametrina 10 mg.

Indicazioni

Prevenzione e trattamento delle infestazioni da parte dei parassiti esterni elencati di seguito:
Nei bovini: Nel trattamento e nella prevenzione delle infestazioni sia da pidocchi succhiatori sia da pidocchi masticatori, comprese le specie Bovicola bovis, Solenopotes capillatus, Linognathus vituli e Haematopinus eurysternus. Anche come ausilio nel trattamento e nella prevenzione delle infestazioni sia da mosche pungitrici sia da mosche lambitrici, comprese le specie Haematobia irritans, Stomoxys calcitrans, Musca spp. e Hydrotaea irritans.
Negli ovini: Nel trattamento e nella prevenzione delle infestazioni sia da zecche Ixodes ricinus sia da pidocchi (Linognathus ovillus, Bovicola ovis) e melofagi (Melophagus ovinus) e delle punture da mosca della carne (generalmente della specie Lucilia).
Negli agnelli: Nel trattamento e nella prevenzione delle infestazioni da zecche Ixodes ricinus e da pidocchi Bovicola ovis.

Posologia

Per uso esterno. Dosaggio: Bovini: 100 mg di deltametrina per ciascun animale, che corrisponde a 10 ml di prodotto. Ovini: 50 mg di deltametrina per ciascun animale, che corrisponde a 5 ml di prodotto. Il prodotto deve essere applicato senza diluizione tra le scapole dell'animale lungo la linea mediana del dorso. Per il trattamento e la prevenzione delle infestazioni da zecche, pidocchi e melofagi negli ovini, il vello deve essere separato e il prodotto applicato sulla cute dell'animale. Per la massima efficacia è consigliabile: eseguire il trattamento subito dopo la tosatura (animali a pelo corto); tenere gli ovini trattati separati dagli ovini non trattati per evitare la re-infestazione. La durata della protezione contro le mosche ha una durata di 4-6 settimane. Pidocchi nei bovini: un'applicazione generalmente elimina tutti i pidocchi. L'eliminazione completa di tutti i pidocchi può richiedere 4-5 settimane durante le quali i pidocchi si schiudono dalle uova e vengono uccisi. Pochissimi pidocchi possono sopravvivere in una piccola percentuale di animali. Melofagi e pidocchi negli ovini: un'applicazione riduce l'incidenza di infestazioni da parte dei pidocchi masticatori o dei melofagi per un periodo di 4-6 settimane dopo il trattamento. L'influenza delle condizioni meteorologiche sulla durata dell'efficacia non è stata studiata. La durata del periodo di prevenzione contro Musca spp. potrebbe variare. Il prodotto deve essere applicato utilizzando un dispositivo di applicazione appropriato: per i formati da 250 ml e 500 ml viene usata una camera graduata collegata al recipiente; per i formati da 1 litro e 2,5 litri, si raccomanda di utilizzare un applicatore adeguato. Un applicatore adeguato deve rispettare le seguenti specifiche: deve consentire l'applicazione di dosi da 5 ml e 10 ml; deve essere fornito con un tubo flessibile di un diametro interno compreso tra 6 mm e 12 mm.

Avvertenze

Il prodotto riduce il numero di mosche che si posano direttamente sull'animale, ma non si prevede che elimini tutte le mosche presenti in allevamento. E' stata riconosciuta una resistenza alla deltametrina, quindi l'utilizzo strategico del prodotto deve essere basato su dati epidemiologici a livello locale e regionale sulla suscettibilità dei parassiti e il prodotto deve essere utilizzato in associazione con altri sistemidi controllo dei parassiti. Si deve prestare attenzione al fine di evitare le seguenti pratiche che aumentano il rischio di sviluppo di resistenza e potrebbero rendere inefficace la terapia: un utilizzo troppo frequente e ripetuto degli ectoparassiticidi della stessa classe per un periodo di tempo prolungato; un sottodosaggio dovuto ad una sottostima del peso corporeo, ad una somministrazione errata del prodotto o ad una mancanza di calibrazione del dispositivo di dosaggio. Sono stati riportati casi di resistenza alla deltametrina nelle mosche pungitrici e nelle mosche lambitrici dei bovini e nei pidocchi degli ovini. Per evitare la resistenza, il prodotto deve essere utilizzato solamente se è assicurata la suscettibilità della popolazione di mosche locali al principio attivo.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: Il prodotto è esclusivamente per uso esterno. Evitare il contatto con gli occhi e le mucose, poiché la deltametrina è una sostanza irritante. Prestare attenzione per evitare che gli animali si lecchino dopo la somministrazione del prodotto. Non utilizzare il prodotto in condizioni meteorologiche estremamente calde ed assicurarsi che gli animali abbiano un adeguato accesso all'acqua. Il prodotto deve essere somministrato esclusivamente sulla cute integra poiché sono possibili casi di tossicità dovuti all'assorbimento del prodotto attraverso lesioni cutanee estese. Tuttavia, dopo il trattamento possono verificarsi segni di irritazione locale, quando la cute è già alterata dall'infestazione. Dato il notevole rischio di contaminazione incrociata da parte di animali non trattati con questo prodotto a causa del leccamento, gli animali trattati devono essere tenuti separati dagli animali non trattati per tutto il periodo massimo di sospensione del trattamento. Il mancato rispetto di questa raccomandazione può provocare residui negli animali non trattati.