Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Covexin 10

Ultimo aggiornamento: 03/11/2020

BoxAreaRiservataVet



Confezioni

Covexin 10 1 flacone in polietilene da 100 ml
Covexin 10 1 flacone in polietilene da 50 ml

A cosa serve

Covexin 10 è un medicinale veterinario a base del principio attivo Vaccino Clostridico Misto Per Uso Veterinario, appartenente alla categoria degli Vaccini e nello specifico Vaccini batterici inattivati (inclusi Mycoplasma, Toxoide e Clamydia). E' commercializzato in Italia dall'azienda Zoetis Italia S.r.l..

Covexin 10 può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Zoetis Italia S.r.l.
Concessionario: Zoetis Italia S.r.l.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Vaccino Clostridico Misto Per Uso Veterinario
Gruppo terapeutico: Vaccini
Forma farmaceutica: flaconi iniettabili


Principio Attivo

1 ml contiene:
Tossoide di C. perfringens tipo A, valore di potenza/ml [7:>] 1,6 U
Tossoide [7:b] di C. perfringens tipo B e C, valore di potenza/ml [7:>] 13,6 U
Tossoide ([7:d]) di C. perfringens tipo D, valore di potenza/ml [7:>] 3,8 U
Anacoltura di C. chauvoei, valore di potenza/ml soddisfa la Ph. Eur.
Tossoide C. novyi, valore di potenza [7:>] 1,4 U
Tossoide C. epticum, valore di potenza/ml [7:>] 3,7 U
Tossoide C. tetani, valore di potenza/ml [7:>] 2,4U
Tossoide C. sordellii, valore di potenza/mo [7:>] 1,4 U
Tossoide C. haemolyticum, valore di potenza/ml [7:>] 11,5 U
Adiuvante: Allume, valore di potenza/ml 3,03-4,09 mg/ml di alluminio
Conservante: Tiomersale, valore di potenza/ml 0,05 -0,18 mg/ml.

Indicazioni

per l'immunizzazione attiva di ovini e bovini, nei confronti delle patologie associate ad infezioni sostenute da Clostridium perfringens tipo A, C. perfringens tipo B, C. perfringens tipo C, C. perfringens tipo D, Clostridium chauvoei, Clostridium novyi tipo B, Clostridium septicum, Clostridium sordellii, Clostridium haemolyticum e contro il tetano causato da Clostridium tetani. Per l'immunizzazione passiva di agnelli e vitelli nei confronti delle infezioni sostenute dalle specie di clostridi in precedenza menzionati (tranne C. haemolyticum negli ovini). L'instaurarsi dell'immunità avviene 2 settimane dopo la vaccinazione di base. Durata dell'immunità attiva: una risposta immunitaria umorale di tipo anamnestico (memoria immunologica) a tutte le componenti vaccinali è stata dimostrata 12 mesi dopo la vaccinazione di base. In base alla sola sierologia/persistenza del titolo anticorpale, la durata è: ovini: 12 mesi contro C. perfringens tipo A, B, C e D, C. novyi tipo B, C.sordellii, C. tetani; < 6 mesi contro C. septicum, C. haemolyticum, C. chauvoei. Bovini: 12 mesi nei confronti di C. tetani e C. perfringens tipo D; < 12 mesi nei confronti di C. perfringens tipo A, B e C;< 6 mesi nei confronti di C. novyi tipo B, C. septicum, C. sordellii, C. haemolyticum, C. chauvoei. La durata dell'immunità passiva, in base alla sola sierologia/persistenza del titolo anticorpale è: per gli agnelli: almeno 2 settimane per C. septicum e C. chauvoei, almeno 8 settimane per C. perfringens tipo B e C. perfringens tipo C e almeno 12 settimane per C. perfringens tipo A, C. perfringens tipo D, C. novyi tipo B, C. tetani e C. sordellii. Nessuna immunità passiva è stata osservata per C. haemolyticum. Per i vitelli: almeno 2 settimane per C. sordellii e C. haemolyticum, almeno 8 settimane per C. septicum e C. chauvoei ed almeno 12 settimane per C. perfringens tipo A, C. perfringens tipo B, C. perfringens tipo C, C. perfringens tipo D, C. novyi tipo B e C. tetani.

Posologia

Ovini a partire da 2 settimane d'età: dose: 1 ml. Bovini a partire da 2 settimane d'età: dose: 2 ml. Somministrazione: per iniezione sottocutanea in un punto adatto. Il sito raccomandato è la cute lassa a lato del collo. Il flacone deve essere agitato bene prima del prelievo del vaccino. Le siringhe e gli aghi devono essere sterili prima dell'uso e l'iniezione deve essere praticata in un'area di pelle pulita ed asciutta, prendendo precauzioni contro eventuali contaminazioni. Vaccinazione di base: Somministrare due dosi a distanza di 4-6 settimane. Vaccinazione di richiamo: Somministrare una singola dose ad intervalli compresi tra 6 e 12 mesi. Uso in gravidanza: al fine di fornire una protezione passiva ai neonati attraverso il colostro, una singola dose di richiamo deve essere somministrata tra 8 e 2 settimane prima del parto, a patto che gli animali siano stati sottoposti a un piano vaccinale di base completo prima della gravidanza.

Avvertenze

non vaccinare animali malati o immunodepressi. Gravidanza: non è stato osservato alcun altro effetto indesiderato, diverso da quelli descritti al paragrafo Reazioni Avverse, quando il vaccino viene somministrato in pecore e in vacche da 8 a 2 settimane prima del parto. In assenza di dati specifici, non si può fare alcuna raccomandazione relativamente all'uso nel corso del I e del II terzo di gravidanza. Evitare lo stress nelle pecore e nelle vacche gravide. Non sono disponibili informazioni sulla sicurezza ed efficacia di questo vaccino quando utilizzato con altri medicinali veterinari. Pertanto la decisione di utilizzare questo vaccino prima o dopo un altro medicinale veterinario deve essere valutata caso per caso. Nei vitelli e negli agnelli, le reazioni locali possono aumentare leggermente se si somministra una dose pari a 2 volte la dose raccomandata. Non miscelare con alcun altro medicinale veterinario. L'efficacia del vaccino nel fornire l'immunità passiva ai giovani agnelli e vitelli dipende dal fatto che questi animali siano in grado di ingerire un'adeguata quantità di colostro il primo giorno di vita. Gli studi clinici hanno dimostrato che la presenza di anticorpi materni, in particolare contro C. tetani, C. novyi tipo B, C. perfringens tipo A (solo vitelli), C. chauvoei (solo agnelli) e C. perfringens tipo D può ridurre la risposta anticorpale alla vaccinazione nei giovani agnelli e vitelli. Perciò, per assicurare una risposta ottimale in animali giovani con elevati livelli di anticorpi di origine materna, la vaccinazione di base deve essere ritardata fino a che i livelli decrescono (ciò avviene dopo circa 8-12 settimane d'età). In caso di autoiniezione accidentale, rivolgersi immediatamente ad un medico mostrandogli il foglietto illustrativo o l'etichetta.