Università degli Studi di MilanoFederazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Convenia

Zoetis Italia S.r.l.
Ultimo aggiornamento: 01/04/2022




A cosa serve

Convenia è un medicinale veterinario a base del principio attivo Cefovecin, appartenente alla categoria degli Antibiotici e nello specifico Cefalosporine di terza generazione. E' commercializzato in Italia dall'azienda Zoetis Italia S.r.l..

Convenia può essere prescritto con Ricetta RNRV - ricetta medica in copia unica non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Zoetis Belgium SA
Concessionario: Zoetis Italia S.r.l.
Ricetta: RNRV - ricetta medica in copia unica non ripetibile
Principio attivo: Cefovecin
Gruppo terapeutico: Antibiotici
Forma farmaceutica: flaconi iniettabili

Confezioni

Convenia 80 mg/ml polv. e solv. per soluz. iniett. fl. 10 ml (dopo ricostituzione)
Convenia 80 mg/ml polv. e solv. per soluz. iniett. fl. 4 ml

Principio Attivo

ciascun flacone di polvere liofilizzata da 23 ml contiene: 852 mg cefovecina (come sale di sodio). Ciascun flacone di polvere liofilizzata da 5 ml contiene: 340 mg cefovecina (come sale di sodio).

Indicazioni

usare solo per le seguenti infezioni che richiedono un trattamento prolungato. L'attività antimicrobica di Convenia, in seguito ad una singola somministrazione, dura fino a 14 giorni. Cani: Per il trattamento di infezioni della cute e dei tessuti molli comprese piodermiti, ferite ed ascessi causate da Staphylococcus pseudintermedius, Streptococchi beta-emolitici, Escherichia coli e/o Pasteurella multocida. Per il trattamento di infezioni del tratto urinario causate da Escherichia coli e/o Proteus spp. Trattamento aggiuntivo alla terapia parodontale periodontale chirurgica o meccanica nel trattamento delle gravi infezioni gengivali e dei tessuti parodontali causate da Porphyromonas spp. e Prevotella spp. (vedere anche il paragrafo 12 ‘Avvertenze Speciali - Precauzioni speciali per l'impiego negli animali'.) Gatti: Per il trattamento di ascessi e ferite a carico di cute e tessuti molli causate da Pasteurella multocida, Fusobacterium spp., Bacteroides spp., Prevotella oralis, Streptococchi beta-emolitici e/o Staphylococcus pseudintermedius. Per il trattamento di infezioni del tratto urinario causate da Escherichia coli.

Posologia

cani e gatti: cefovecina 8 mg/kg di peso corporeo (1 ml/10 kg di peso corporeo).
Tabella dei dosaggi.
Peso dell'animale (cane e gatto): 2,5 kg; Volume da somministrare: 0,25 ml
Peso dell'animale (cane e gatto): 5 kg; Volume da somministrare: 0,5 ml
Peso dell'animale (cane e gatto): 10 kg; Volume da somministrare: 1,0 ml
Peso dell'animale (cane e gatto): 20 kg; Volume da somministrare: 2,0 ml
Peso dell'animale (cane e gatto): 40 kg; Volume da somministrare: 4,0 ml
Peso dell'animale (cane e gatto): 60 kg; Volume da somministrare: 6,0 ml
Per ricostituire, prelevare il volume richiesto di diluente dal flacone presente nella confezione (per il flacone da 23 ml contenente 852 mg di polvere liofilizzata ricostituire usando 10 ml di diluente, e per il flacone da 5 ml contenente 340 mg di polvere liofilizzata ricostituire usando 4 ml di diluente) e aggiungerli al flacone contenente la polvere liofilizzata. Agitare il flacone fino a che la polvere non risulti completamente dissolta. Infezioni a carico di cute e tessuti molli nei cani: Effettuare una singola iniezione per via sottocutanea. Se necessario, il trattamento può essere ripetuto fino ad altre tre volte ad intervalli di 14 giorni. In linea con le Buone Pratiche Veterinarie, il trattamento delle piodermiti dovrebbe estendersi oltre la completa risoluzione dei sintomi clinici. Gravi infezioni dei tessuti gengivali e parodontali nei cani Effettuare una singola iniezione per via sottocutanea pari a 8 mg/kg di peso corporeo (1 ml ogni 10 kg di peso corporeo). Ascessi e ferite a carico di cute e tessuti molli nei gatti: Effettuare una singola iniezione per via sottocutanea. Se necessario, è possibile effettuare una seconda somministrazione a distanza di 14 giorni dalla prima. Infezioni a carico dell'apparato urinario nei cani e nei gatti: Effettuare una singola iniezione per via sottocutanea.

Avvertenze

sarebbe auspicabile utilizzare le cefalosporine di terza generazione per il trattamento delle infezioni che non hanno risposto in modo adeguato, o si presume possano non rispondere in modo adeguato, alla terapia con altre classi di antibiotici o cefalosporine di prima generazione. Il prodotto dovrebbe essere utilizzato in accordo ai risultati dei test di sensibilità e alla regolamentazione sull'uso delle sostanze antimicrobiche. Il requisito fondamentale nel trattamento delle malattie parodontali è l'intervento meccanico e/o chirurgico eseguito dal veterinario. La sicurezza di Convenia nel cane e nel gatto durante la gravidanza e l'allattamento non è stata accertata. Gli animali trattati non devono essere utilizzati per la riproduzione nelle 12 settimane successive all'ultima somministrazione. Negli animali sofferenti di gravi disfunzioni renali la sicurezza di Convenia non è stata accertata. Utilizzare con cautela nei pazienti che hanno manifestato in precedenza fenomeni di ipersensibilità a cefovecina, altre cefalosporine, penicilline o altri farmaci. In caso di reazione allergica, sospendere la somministrazione di cefovecina e prescrivere un'adeguata terapia per l'ipersensibilità da beta-lattamine. Le reazioni di ipersensibilità gravi e acute possono richiedere il trattamento con adrenalina o altre misure di emergenza, quali somministrazione di ossigeno, fluidi per via endovenosa, antistaminici per via endovenosa, corticosteroidi, controllo della respirazione, come indicato dalle condizioni cliniche. I veterinari devono tenere presente che i sintomi della reazione allergica potrebbero ripresentarsi dopo l'interruzione della terapia sintomatica. Occasionalmente, le cefalosporine sono state associate a mielotossicità, creando pertanto una neutropenia tossica. Altre reazioni ematologiche osservate con le cefalosporine includono neutropenia, anemia, ipoprotrombinemia, trombocitopenia, tempo di protrombina (PT) prolungato, tempo di tromboplastina parziale (PTT) prolungato, disfunzione piastrinica. Le sostanze dotate di un elevato grado di legame proteico (es.: furosemide o ketoconazolo o antinfiammatori non steroidei (FANS)) possono competere con il legame della cefovecina e pertanto l'uso concomitante di tali sostanze potrebbe causare reazioni avverse. In cani giovani, somministrazioni ripetute (otto somministrazioni) a distanza di 14 giorni, ad una dose pari a cinque volte quella raccomandata, sono state ben tollerate. Dopo la prima e la seconda somministrazione è stato rilevato un gonfiore leggero e transitorio al sito di inoculazione. Una singola somministrazione di una dose pari a 22,5 volte quella raccomandata ha causato edema transitorio e dolore al sito di inoculo. In gatti giovani, somministrazioni ripetute (otto somministrazioni) a distanza di 14 giorni, ad una dose pari a cinque volte quella raccomandata, sono state ben tollerate. Una singola somministrazione di una dose pari a 22,5 volte quella raccomandata ha causato edema transitorio e dolore al sito di inoculo.

Tempi di sospensione

non pertinente.