Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Cattlemaster Rip

Ultimo aggiornamento: 03/11/2020

BoxAreaRiservataVet



Confezioni

Cattlemaster Rip im 1 flacone liof. 25 dosi + 1 flacone solv. 25 dosi
Cattlemaster Rip im 1 flacone liof. 5 dosi + 1 flacone solv. 5 dosi

A cosa serve

Cattlemaster Rip è un medicinale veterinario a base del principio attivo Vaccino Parainfluenza Virale Bovina Vivo Liofilizzato + Vaccino Rinotracheite Infettiva Bovina Vivo Liofilizzato + Vaccino Virus Respiratorio Sinciziale Bovino Vivo Liofilizzato, appartenente alla categoria degli Vaccini e nello specifico Vaccini virali vivi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Zoetis Italia S.r.l..

Cattlemaster Rip può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Zoetis Italia S.r.l.
Concessionario: Zoetis Italia S.r.l.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Vaccino Parainfluenza Virale Bovina Vivo Liofilizzato + Vaccino Rinotracheite Infettiva Bovina Vivo Liofilizzato + Vaccino Virus Respiratorio Sinciziale Bovino Vivo Liofilizzato
Gruppo terapeutico: Vaccini
Forma farmaceutica: flaconi iniettabili


Principio Attivo

una dose immunizzante di vaccino liofilizzato contiene: virus vivo attenuato termospecifico della Rinotracheite Infettiva Bovina (IBR), ceppo TS RLB 106: non meno di 10[5:5.7] CCID[6:50], virus vivo attenuato termospecifico della Parainfluenza 3 (PI3), ceppo TS RLB 103: non meno di 10[5:5.0] CCID[6:50], virus vivo attenuato Respiratorio Sinciziale Bovino (BRSV), ceppo BRSV/375: non meno di 10[5:4.1] CCID[6:50]

Indicazioni

per la vaccinazione di bovini di ognietà, nei confronti delle infezioni da virus Respiratorio Sinciziale (BRSV), da virus della Rinotracheite Infettiva Bovina (IBR), e della Parainfluenza 3 (PI3). La vaccinazione con questo prodotto riduce la mortalità, i segni clinici e le lesioni della malattia.

Posologia

la frazione liofilizzata deve essere ricostituita asetticamente con la frazione liquida. Il vaccino ricostituito deve essere somministrato per via intramuscolare alla dose di 2 ml per animale. L'efficacia del vaccino non viene assicurata da nessun'altra via di somministrazione.
Schema di vaccinazione: animali di età inferiore a 4 mesi: sono raccomandate due vaccinazioni a distanza di 14-28 giorni l'una dall'altra; una terza vaccinazione è consigliata al raggiungimento dei 4 mesi di età, in modo da ovviare ad una possibile interferenza da parte di una elevata quota di anticorpi materni, eventualmente presenti. Animali di età superiore a 4 mesi: sono raccomandate due vaccinazioni a distanza di 14-28 giorni l'una dall'altra. E' raccomandata una vaccinazione annuale.
Nel caso in cui la frazione liofilizzata e la frazione liquida siano contenute in flaconi di uguali dimensioni, iniettare l'intera frazione liquida nel flacone della frazione liofilizzata. Nel caso in cui la frazione liofilizzata sia contenuta in un flacone di dimensioni inferiori rispetto alla frazione liquida, la ricostituzione del vaccino richiede due passaggi: iniettare 10 ml della frazione liquida nel flacone della frazione liofilizzata attraverso il tappo; agitare bene ed estrarre la frazione liofilizzata ricostituita dal flacone e miscelarla con il restante liquido nel flacone della frazione liquida. Agitare bene prima dell'uso. Utilizzare l'intero contenuto del flacone per una serie di vaccinazioni al fine di evitare una contaminazione batterica. Assicurarsi che l'attrezzatura di vaccinazione sia pulita e sterile prima dell'uso e rimanga così durante la vaccinazione. Non sterilizzare le siringhe utilizzando disinfettanti organici e se possibile usare siringhe monouso. Il vaccino, una volta ricostituito, deve essere utilizzato entro 8-10 ore.

Avvertenze

vaccinare solo animali sani. L'efficacia della vaccinazione può essere ridotta in soggetti che presentino sintomi clinici o abbiano malattie in incubazione, siano fortemente parassitati o sottoposti a situazioni particolarmente stressanti. Il vaccino si è dimostrato privo di effetti indesiderati anche quando viene somministrato a bovine gravide. Lattazione: in assenza di dati relativi alla sicurezza dell'impiego del prodotto in lattazione utilizzare conformemente al rapporto rischio beneficio del veterinario responsabile. La somministrazione di una doppia dose del vaccino non ha fatto rilevare reazioni indesiderate locali o generali.