Università degli Studi di MilanoFederazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Canitroid Flavoured

Dechra Veterinary Products S.r.l.
Ultimo aggiornamento: 13/07/2022




A cosa serve

Canitroid Flavoured è un medicinale veterinario a base del principio attivo Levotiroxina Sodica, appartenente alla categoria degli Ormoni tiroidei e nello specifico Ormoni tiroidei. E' commercializzato in Italia dall'azienda Dechra Veterinary Products S.r.l..

Canitroid Flavoured può essere prescritto con Ricetta RRV - ricetta medico-veterinaria in copia unica ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Eurovet Animal Health B.V
Concessionario: Dechra Veterinary Products S.r.l.
Ricetta: RRV - ricetta medico-veterinaria in copia unica ripetibile
Principio attivo: Levotiroxina Sodica
Gruppo terapeutico: Ormoni tiroidei
Forma farmaceutica: compressa

Confezioni

Canitroid Flavoured 200 mcg 250 compresse 25 blister DA 10 compresse
Canitroid Flavoured 200 mcg 50 compresse 5 blister DA 10 compresse

Principio Attivo

una compressa contiene: Principio attivo: 200 [7:m]g di levotiroxina sodica per compressa, equivalente a 194 [7:m]g di levotiroxina.

Indicazioni

per il trattamento dell'ipotiroidismo nei cani.

Posologia

per somministrazione orale. Il dosaggio iniziale consigliato di levotiroxina sodica è di 10 [7:m]g/kg peso corporeo, per via orale, ogni 12 ore. Per via della variabilità di assorbimento e metabolismo, il dosaggio può richiedere adeguamenti prima di poter osservare una risposta clinica soddisfacente. Il dosaggio iniziale e la frequenza di somministrazione solo semplicemente un punto di partenza. La terapia deve essere altamente individualizzata e adattata su misura in base alle esigenze di ogni singolo animale. Quando si inizia un dosaggio in cani che pesano meno di 5 kg di peso corporeo, si deve somministrare un quarto di compressa da 200 [7:m]g una volta al giorno. Questi casi vanno monitorati con attenzione. Nel cane, l'assorbimento della levotiroxina sodica può essere influenzato dalla presenza di cibo. La tempistica del trattamento e la sua correlazione rispetto all'alimentazione deve quindi essere mantenuta costante giorno per giorno. Per controllare adeguatamente la terapia, si possono misurare i valori minimi (appena prima del trattamento) e i valori di picco (circa 3 ore dopo il dosaggio) di T4 nel plasma. Se il dosaggio è adeguato, la concentrazione di picco di T4 nel plasma dovrebbe rientrare in un range alto-normale (circa da 30 a 47 nmol/l) e i valori minimi dovrebbero superare all'incirca i 19 nmol/l. Se i livelli di T4 si trovano al di fuori di questa gamma di valori, il dosaggio di levotiroxina può essere regolato con aumenti da 50 a 200 [7:m]g impiegando le compresse del dosaggio appropriato fino a quando il paziente è clinicamente eutiroideo e il T4 sierico rientra nel range di riferimento. I livelli di T4 nel plasma possono essere nuovamente verificati due settimane dopo la modifica del dosaggio, ma il miglioramento delle condizioni cliniche è un fattore di uguale importanza nella determinazione del dosaggio individuale e lo si potrà verificare da 4 a 8 settimane dopo. Quando si raggiunge il dosaggio sostitutivo ottimale, si può effettuare il controllo clinico e biochimico ogni 6-12 mesi.
Per dividere una compressa correttamente e facilmente, porla con la barra di frattura rivolta verso l'alto e fare pressione con il pollice.
Per dividere la compressa in due parti, tenerne una metà e fare pressione sull'altra metà.

Avvertenze

le compresse sono aromatizzate. Al fine di evitare l'ingestione accidentale, custodire le compresse al di fuori della portata dei cani.Un improvviso aumento della richiesta di ossigeno nei tessuti periferici, unito agli effetti cronotropi della levotiroxina sodica, potrebbe provocare un superlavoro per un cuore malfunzionante, causando uno scompenso e segni di collasso cardiaco congestizio. I cani ipotiroidei che soffrono di ipoadrenocorticismo presentano una ridotta capacità di metabolizzare la levotiroxina sodica e perciò un maggior rischio di tireotossicosi. I cani affetti da ipoadrenocorticismo e ipotiroidismo concomitanti devono essere stabilizzati con un trattamento a base di glucocorticoidi e mineralocorticoidi prima del trattamento con levotiroxina sodica, per evitare l'istaurarsi di una crisi di ipoadrenocorticismo. Dopodiché, si devono ripetere gli esami a carico della tiroide. Quindi si consiglia di iniziare gradualmente la terapia con levotiroxina iniziando con il 25% del dosaggio normale, aumentandolo del 25% ogni due settimane fino al raggiungimento della condizione ottimale. L'instaurazione graduale della terapia viene consigliata anche per i cani affetti da altre patologie concomitanti, in particolare nei cani affetti da patologie cardiache, diabete mellito e disfunzioni renali o epatiche.

Tempi di sospensione

non pertinente.