Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Bovax Ibr

Ultimo aggiornamento: 28/10/2019

BoxAreaRiservataVet



Confezioni

Bovax Ibr sottoc. 1 flacone 250 ml 50 dosi

A cosa serve

Bovax Ibr è un medicinale veterinario a base del principio attivo Vaccino Rinotracheite Infettiva Bovina Inattivato, appartenente alla categoria degli Vaccini e nello specifico Vaccini virali inattivati. E' commercializzato in Italia dall'azienda Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A..

Bovax Ibr può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A.
Concessionario: Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Vaccino Rinotracheite Infettiva Bovina Inattivato
Gruppo terapeutico: Vaccini
Forma farmaceutica: flaconi iniettabili


Principio Attivo

1 dose (5 ml) = virus IBR inattivato pari a 2x10[5:7] DICT[6:5][6:0]; adiuvanti: idrossido di alluminio, saponina (QuiL A).

Indicazioni

immunizzazione attiva contro la rinotracheite infettiva del bovino (IBR).

Posologia

il vaccino va inoculato per via sc alla dose di 5 ml per capo indipendentemente del peso e dall'età dell'animale; ripetere la stessa dose dopo 15-20 giorni. L'immunità si instaura validamente solo dopo il secondo intervento.
Programma vaccinale: è consigliabile vaccinare i vitelli di almeno 6 settimane; dopo i 6 mesi di età è opportuno inoculare una terza dose di richiamo. Allorché vengano vaccinati vitelli molto giovani (a partire dalla seconda settimana di vita), è consigliabile l'inoculazione di una terza dose di vaccino prima del loro passaggio alla fase di ingrasso; un quarto intervento sarà quindi opportuno dopo ulteriori 6 mesi. È importante che la vaccinazione sia praticata sistematicamente in tutto l'allevamento. Le vacche vanno vaccinate preferibilmente nel periodo interparto, anche se non esistono controindicazioni per le vacche gravide. I programmi di vaccinazione sopracitati hanno carattere indicativo e sono suscettibili di variazione a giudizio del veterinario aziendale in relazione alle caratteristiche dell'allevamento (programmi aziendali, cicli di allevamento, origine degli animali, movimenti del bestiame, periodi stagionali, ecc.).

Avvertenze

precauzioni speciali per l'impiego negli animali: somministrare a soggetti in buone condizioni di salute; Prima e durante l'uso agitare vigorosamente i flaconi.