Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Bovax 3v

Ultimo aggiornamento: 28/10/2019

BoxAreaRiservataVet

Confezioni

Bovax 3v sottoc. 1 flacone 25 ml (5 dosi)
Bovax 3v sottoc. 1 flacone 250 ml (50 dosi)

A cosa serve

Bovax 3v è un medicinale veterinario a base del principio attivo Vaccino Parainfluenza Virale Bovina Inattivato + Vaccino Pasteurella Multocida Inattivato + Vaccino Rinotracheite Infettiva Bovina Inattivato, appartenente alla categoria degli Vaccini e nello specifico Vaccini virali e batterici inattivati. E' commercializzato in Italia dall'azienda Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A..

Bovax 3v può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A.
Concessionario: Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Vaccino Parainfluenza Virale Bovina Inattivato + Vaccino Pasteurella Multocida Inattivato + Vaccino Rinotracheite Infettiva Bovina Inattivato
Gruppo terapeutico: Vaccini
Forma farmaceutica: flaconi iniettabili


Principio Attivo

1 dose (5 ml) = colture inattivate di virus della Rinotracheite infettiva (IBR) bovina: 10[5:7] DICT[6:50] in grado di indurre nella cavia un titolo medio sieroneutralizzante non inferiore a 10; colture inattivate di virus della Parainfluenza 3: 10[5:7] DICT[6:50] in grado di indurre nella cavia un titolo inibente l'emoagglutinazione non inferiore a 20; colture inattivate di Pasteurella multocida: 15x10[5:9] U.F.C. in grado di indurre nella cavia un titolo agglutinante non inferiore a 160.

Indicazioni

è indicato per l'immunizzazione attiva del bovino per ridurre la mortalità, i sintomi clinici e le lesioni causate da Rinotracheite infettiva (IBR), Parainfluenza 3 e Pasteurellosi. L'immunità è completa circa 2 settimane dopo l'applicazione del programma vaccinale e si mantiene per circa 6 mesi.

Posologia

il vaccino va inoculato per via sottocutanea nella quantità di 5 ml per capo bovino. Programma vaccinale: negli allevamenti in cui si inizia la vaccinazione si interviene su tutti i soggetti contemporaneamente, con richiamo dopo 2-4 settimane, per poi seguire lo schema vaccinale indicato di seguito.
Allevamenti da carne: prima vaccinazione all'arrivo in allevamento; 1° richiamo dopo 2-4 settimane; 2° richiamo dopo circa 6 mesi
Allevamenti da riproduzione: vitelli e manzette: prima vaccinazione a 3 settimane; 1° richiamo 2-4 settimane dopo la prima vaccinazione; richiami successivi ogni 6 mesi. Manze e vacche: vaccinare ogni 6-8 mesi. Nel caso di animali trasferiti da un allevamento all'altro è preferibile eseguire almeno la prima vaccinazione prima dell'inizio del trasporto. Agitare il flacone prima e durante l'uso.

Avvertenze

nel caso di animali trasferiti da un allevamento all'altro è preferibile eseguire almeno la prima vaccinazione prima dell'inizio del trasporto.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: somministrare a soggetti in buone condizioni di salute. E' consigliabile saggiare la sensibilità e la reazione alla vaccinazione di qualche soggetto prima di iniziare l'intervento su tutto il gruppo tenendo comunque presente che eventuali rialzi termici nelle prime 24-48 ore successive alla prima vaccinazione rientrano nella norma e non costituiscono alcun pregiudizio del buon stato di salute dell'animale. In caso di manifestazione di ipersensibilità allergica, intervenire subito con anti-istaminici.