Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Bioestrovet

Ultimo aggiornamento: 22/06/2020

BoxAreaRiservataVet

Confezioni

Bioestrovet 0,250 mg/ml soluzione iniettabile per bovini 1 flacone 20 ml
Bioestrovet 0,250 mg/ml soluzione iniettabile per bovini 1 flacone 50 ml

A cosa serve

Bioestrovet è un medicinale veterinario a base del principio attivo Cloprostenolo Sale Sodico, appartenente alla categoria degli Regolatori del ciclo estrale e nello specifico Prostaglandine. E' commercializzato in Italia dall'azienda Vétoquinol Italia S.r.l..

Bioestrovet può essere prescritto con Ricetta RNRV - ricetta medica in copia unica non ripetibile.



Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Vétoquinol Italia S.r.l.
Concessionario: Vétoquinol Italia S.r.l.
Ricetta: RNRV - ricetta medica in copia unica non ripetibile
Principio attivo: Cloprostenolo Sale Sodico
Gruppo terapeutico: Regolatori del ciclo estrale
Forma farmaceutica: flaconi iniettabili


Principio Attivo

1 ml contiene: Cloprostenolo 0,250 mg (equivalente a cloprostenolo sodico 0,263 mg).

Indicazioni

bovini (manze, vacche): induzione della luteolisi per consentire la ripresa dell'estro e l'ovulazione nelle femmine quando viene utilizzato durante la fase luteinica; sincronizzazione degli estri (entro 2 - 5 giorni) in gruppi di femmine trattate contemporaneamente; trattamento di subestro e disturbi uterini relativi a funzionamento o persistenza del corpo luteo (endometrite, piometra); trattamento di cisti luteiniche; induzione dell'aborto fino al 150° giorno di gravidanza; espulsione di feti mummificati e induzione del parto.

Posologia

somministrare 2 ml di prodotto per animale, equivalenti a 0,5 mg di cloprostenolo/animale, per via intramuscolare, osservando le normali regole di asepsi. Sincronizzazione dell'estro in bovine: si raccomanda di somministrare il prodotto due volte con un intervallo di 11 giorni fra le due somministrazioni. Interruzione di gravidanza anomala: somministrare il prodotto tra il 5° e il 150° giorno dopo l'inseminazione. Induzione del parto: somministrare il prodotto nei 10 giorni precedenti la data prevista del parto. Si raccomanda che il flacone non sia perforato più di 10 volte e che la dimensione del flacone sia appropriata alle condizioni di utilizzo. Altrimenti, per evitare un eccessiva foratura del tappo, per i flaconi da 50 ml e 100 ml, devono essere usati una siringa automatica o un ago adatto per il prelievo.

Avvertenze

la somministrazione del medicinale deve essere effettuata esclusivamente dal medico veterinario nei casi di impiego per finalità abortive. Esiste un periodo refrattario di 4-5 giorni post-ovulazione, nel quale le bovine risultano insensibili all'azione luteolitica delle prostaglandine.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: induzione dell'estro in bovine: dal 2° giorno dopo l'iniezione, è necessario un adeguato rilevamento del calore. Interruzione della gravidanza: i migliori risultati si ottengono prima del 100° giorno di gestazione, mentre tra il 100° e il 150° giorno i risultati sono meno affidabili. L'induzione del parto e dell'aborto possono aumentare il rischio di complicanze, placenta ritenuta, morte fetale e metriti. Va fatta attenzione ad evitare la somministrazione attraverso aree contaminate della cute al fine di ridurre il rischio di infezioni anaerobiche (gonfiore, crepitio). Pulire e disinfettare il sito d'iniezione prima della somministrazione. Dopo il trattamento, gli animali devono essere adeguatamente seguiti.