Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Baycox Multi

Ultimo aggiornamento: 03/11/2020




A cosa serve

Baycox Multi è un medicinale veterinario a base del principio attivo Toltrazuril, appartenente alla categoria degli Anticoccidici (v. anche sulfamidici) e nello specifico Triazine. E' commercializzato in Italia dall'azienda Elanco Italia S.p.A..

Baycox Multi può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Elanco Italia S.p.A.
Concessionario: Elanco Italia S.p.A.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Toltrazuril
Gruppo terapeutico: Anticoccidici (v. anche sulfamidici)
Forma farmaceutica: sospensione

Confezioni

Baycox Multi 50 mg/ml sospensione orale 250 ml

Principio Attivo

1 ml contiene toltrazuril 50,0 mg

Indicazioni

per la prevenzione dei segni clinici di coccidiosi (malattia parassitaria del tratto intestinale) in bovini, suini e ovini.
Bovini: per la prevenzione dei segni clinici di coccidiosi e per la riduzione della diffusione dei coccidi nei vitelli in allevamenti con anamnesi positiva di coccidiosi sostenuta da Eimeria bovis od Eimeria zuernii.
Suini: per la prevenzione dei segni clinici di coccidiosi nei suinetti neonati di 3-5 giorni di etàin allevamenti con anamnesi confermata di coccidiosi sostenuta da Cystoisosporasuis.
Ovini: per la prevenzione dei segni clinici di coccidiosi e la riduzione della diffusione dei coccidi negli agnelli in allevamenti con anamnesi positiva di coccidiosi sostenuta da Eimeria crandallis e Eimeria ovinoidalis.

Posologia

somministrazione per via orale.Tutte le specie: la sospensione orale, pronta all'uso, deve essere agitata per 20 secondi prima dell'uso. Per ottenere il maggior beneficio possibile gli animali devono essere trattati prima della comparsa dei segni clinici, come ad esempio durante il periodo di prepatenza. Per garantire la somministrazione di una dose corretta, il peso corporeo dell'animale deve essere determinato con la massima accuratezza possibile. Il trattamento con focolaio in atto avrà un valore limitato per i singoli animali, perché il danno all'intestino tenue ha già avuto corso.
Bovini: ogni animale deve essere trattato con una singola dose orale di 15 mg di toltrazuril/kg di peso corporeo, corrispondente a 3,0 ml di sospensione orale per 10 kg di peso corporeo. Per il trattamento di un gruppo di animali della stessa razza e di simile o uguale età, il dosaggio deve essere calcolato sulla base del soggetto di peso maggiore.
Suini: trattare ogni suino al 3°-5° giorno di vita con una singola dose orale di 20 mg di toltrazurilper kg di peso corporeo, pari a 0,4 ml di sospensione orale per kg di peso corporeo. A causa del piccolo volume richiesto per trattare i singoli animali, si raccomanda l'uso diun dosatore avente un'accuratezza di dosaggio di 0,1 ml.
Ovini: ciascun animale deve essere trattato con una singola dose orale di 20 mg di toltrazuril/kg di peso corporeo, corrispondente a 0,4 ml di sospensione orale per kg di peso corporeo. Al fine di evitare sovra o sottodosaggi, se gli animali devono essere trattati collettivamente anziché individualmente, devono essere raggruppati in base al peso corporeo e ricevere il dosaggio adeguato.

Avvertenze

precauzioni speciali per l'impiego negli animali: come per tutti i parassiticidi, l'uso frequente e ripetuto di prodotti antiprotozoari della stessa classe può portare allo sviluppo di resistenza.Si raccomanda di trattare tutti gli animali dello stesso box. Le misure igieniche possono ridurre il rischio di coccidiosi nel bovino. È perciò raccomandabile di migliorare, in concomitanza, le condizioni igieniche dell'allevamento interessato, in particolare tenendolo asciutto e pulito. Per ottenere il maggior beneficio possibile gli animali devono essere trattati prima della comparsa dei segni clinici, come ad esempio durante il periodo di prepatenza. Per interrompere il corso di una infezione clinica conclamata da coccidi, una terapia di supporto può rivelarsi necessaria nei soggetti che già mostrano segni di diarrea.