UniversitÓ degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Aujeszky A-Suivax GI-

Ultimo aggiornamento: 03/11/2020




A cosa serve

Aujeszky A-Suivax GI- Ŕ un medicinale veterinario a base del principio attivo Vaccino Malattia Di Aujeszky Per Il Suino Inattivato, appartenente alla categoria degli Vaccini e nello specifico Vaccini virali inattivati. E' commercializzato in Italia dall'azienda Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A..

Aujeszky A-Suivax GI- pu˛ essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A.
Concessionario: Fatro Industria Farmaceutica Veterinaria S.p.A.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Vaccino Malattia Di Aujeszky Per Il Suino Inattivato
Gruppo terapeutico: Vaccini
Forma farmaceutica: flaconi iniettabili

Confezioni

Aujeszky A-Suivax gI- sottoc. 1 flacone 100 ml (50 dosi)

Principio Attivo

1 dose (2 ml) = virus inattivato della malattia di Aujeszky (gI negativo) 10[5:9] DICT[6:5][6:0]; adiuvante: gel alluminio idrossido 40 mg.

Indicazioni

profilassi vaccinale della malattia di Aujeszky.

Posologia

1 dose = 2 ml per soggetti di qualsiasi etÓ e peso. Inoculare per via sc nella fossetta auricolare. Agitare energicamente il flacone prima dell'uso.
Programma vaccinale: reso obbligatorio dal Decreto 1░ aprile 1997 del Ministero della SanitÓ: "Piano nazionale di controllo della malattia di Aujeszky".
Scrofe e verri: almeno 3 vaccinazioni all'anno. Scrofette e verretti: prima vaccinazione tra il 60░ ed il 90░ giorno di vita; seconda vaccinazione 3-4 settimane dopo la prima; terza vaccinazione entro il 180░ giorno di vita. Suini da ingrasso: prima vaccinazione tra il 60░ ed il 90░ giorno di vita; seconda vaccinazione 3-4 settimane dopo la prima; terza vaccinazione tra il 6░ ed il 7░ mese di vita per i suini destinati ad essere macellati oltre il 7░ mese di etÓ.

Avvertenze

precauzioni speciali per l'impiego negli animali: somministrare a soggetti in buone condizioni di salute rispettando le condizioni di asepsi. In caso di manifestazioni di ipersensibilitÓ allergica, intervenire subito con anti-istaminici.