Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Aticain

Ultimo aggiornamento: 31/05/2021




A cosa serve

Aticain è un medicinale veterinario a base del principio attivo Procaina + Adrenalina, appartenente alla categoria degli Anestetici locali e generali e nello specifico Esteri dell'acido aminobenzoico. E' commercializzato in Italia dall'azienda A.T.I. Azienda Terapeutica Veterinaria S.r.l..

Aticain può essere prescritto con Ricetta RNRV - ricetta medica in copia unica non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: A.T.I. Azienda Terapeutica Veterinaria S.r.l.
Concessionario: A.T.I. Azienda Terapeutica Veterinaria S.r.l.
Ricetta: RNRV - ricetta medica in copia unica non ripetibile
Principio attivo: Procaina + Adrenalina
Gruppo terapeutico: Anestetici locali e generali
Forma farmaceutica: flaconi iniettabili

Confezioni

Aticain 40 mg/ml + 0,036 mg/ml soluzione iniettabile flacone da 100 ml

Principio Attivo

1 ml contiene: Procaina cloridrato 40 mg, Adrenalina tartrato 0,036 mg.

Indicazioni

cavalli, bovini, suini, ovini: anestesia locale con effetto anestetico di lunga durata (da 1 a 2 ore); anestesia locale; anestesia epidurale; anestesia della conduzione nervosa.

Posologia

soluzione iniettabile per via sottocutanea ed epidurale.
Anestesia locale o per infiltrazione: iniettare nel sottocute o intorno alla zona di intervento.
Cavalli, bovini, suini, ovini: 100-400 mg (2,5-10 ml di Aticain)/animale.
Anestesia epidurale: iniettare nello spazio epidurale.
Bovini: anestesia epidurale sacrale o bassa chirurgica ostetrica semplice:
Vitelli: 200 mg (5 ml di Aticain)/animale;
Giovani bovini: 240 mg (6 ml di Aticain)/animale;
Vacche: 300 mg (7,5 ml di Aticain)/animale. Anestesia epidurale alta chirurgica ostetrica complessa:
Vitelli: 400-600 mg (10-15 ml di Aticain)/animale;
Giovani bovini: 750-1125 mg (18,75-28 ml di Aticain)/animale;
Vacche: 1000-1500 mg (25-37,5 ml di Aticain)/animale. Amputazione o cesareo:
Vitelli: 900-1350 mg (22,5-33,75 ml di Aticain)/animale;
Giovani bovini: 1200-1800 mg (30-45 ml di Aticain)/animale;
Vacche, tori: 1500-2250 mg (37,5-56,25 ml di Aticain)/animale. A queste dosi, gli animali si coricano.
Pecore: anestesia epidurale sacrale o bassa: 60-100 mg (1,5-2,5 ml Aticain)/animale. Anestesia epidurale alta: massimo 300 mg (7,5 ml di Aticain)/animale.
Suini: 20 mg (0,5 ml di Aticain) ogni 4,5 kg di peso vivo con una dose massima di 400 mg (equivalente a 10 ml di prodotto).
Anestesia della conduzione nervosa: iniettare vicino al ramo del nervo: cavalli, bovini, suini, ovini:200-400 mg (5-10 ml di Aticain)/animale.
Non somministrare per via intra-articolare. Evitare la somministrazione per via intravenosa, controllare sollevando lo stantuffo della siringa prima di iniettare. Praticare un'anestesia locale a temperature ambiente; in caso di temperature più elevate il rischio di reazione tossiche sono maggiori per il maggior riassorbimento della procaina.

Avvertenze

la somministrazione del medicinale deve essere effettuata esclusivamente dal Medico Veterinario.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: non somministrare per via intra-articolare. Evitare la somministrazione per via intravenosa, controllare sollevando lo stantuffo della siringa prima di iniettare. Ferite o ascessi non possono essere anestetizzati, se non con difficoltà, con anestetici locali. Per l'anestesia epidurale posizionare in modo corretto la testa dell'animale. Praticare un'anestesia locale a temperature ambiente; in caso di temperature elevate il rischio di reazione tossiche è più alto per il maggiore riassorbimento della procaina. Le procedure di anestesia regionali o locali devono essere sempre eseguite in un'area adeguatamente attrezzata per avere disponibilità immediata di attrezzature e farmaci necessari per il monitoraggio e la rianimazione di emergenza. Il Medico responsabile dovrebbe prendere le precauzioni necessarie per evitare sovradosaggio o iniezione intravascolare, effettuando sempre un'attenta aspirazione dopo l'inserimento dell'ago prima della inoculazione del farmaco e deve essere addestrato al trattamento degli effetti collaterali, della tossicità sistemica e altre complicazioni come marcata irrequietezza, spasmi o convulsioni anche in assenza di ipersensibilità individuale. Soluzioni contenente adrenalina devono essere usate con cautela nei pazienti con ipertiroidismo, diabete mellito, feocromocitoma, glaucoma, ipokaliemia, ipercalcemia, grave insufficienza renale adenoma prostatico.