Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Amminofarma

Ultimo aggiornamento: 02/03/2021




A cosa serve

Amminofarma è un medicinale veterinario a base del principio attivo Aminosidina Solfato, appartenente alla categoria degli Antibiotici e nello specifico Altri aminoglicosidi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Ceva Salute Animale S.p.A..

Amminofarma può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Ceva Salute Animale S.p.A.
Concessionario: Ceva Salute Animale S.p.A.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Aminosidina Solfato
Gruppo terapeutico: Antibiotici
Forma farmaceutica: soluzione

Confezioni

Amminofarma iniett. 1 flacone 100 ml

Principio Attivo

1 ml di soluzione contiene: Amminosidina 175 mg (come Amminosidina solfato 250 mg).

Indicazioni

infezioni batteriche sostenute da agenti patogeni sensibili all'amminosidina quali infezioni dell'apparato respiratorio (laringiti, bronchiti, broncopolmoniti) e dell'apparato uro-genitale (pielonefriti, metriti). Enteriti, ascessi, ferite, piaghe infette. In particolare:Bovini: broncopolmoniti, setticemia dei vitelli, colibacillosi, actinogranulomatosi, infezioni batteriche secondarie a malattie virali.

Posologia

10,5 mg amminosidina/kg p.v. per via i.m. profonda nei soggetti adulti. 14 mg amminosidina/kg p.v. per via i.m. profonda nei soggetti neonati. Bovini (di peso superiore ai 50 kg): 6 ml di prodotto/100 kg p.v./giorno. Vitelli: 4 ml di prodotto/50 kg p.v./giorno. Per evitare un sottodosaggio il peso corporeo deve essere determinato nel modo più accurato possibile. Il trattamento va continuato per 3-5 giorni secondo il tipo e la gravità della malattia. Nelle metriti bovine può essere immesso nell'utero, nella quantità di 8 ml da portare a volume con 50 ml di soluzione fisiologica sterile.

Avvertenze

non utilizzare in bovine che producono latte destinato al consumo umano. L'utilizzo ripetuto o protratto va evitato, migliorando le prassi di gestione mediante pulizia e disinfezione.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: l'utilizzo del prodotto dovrebbe essere basato su test di sensibilità nei confronti dei batteri isolati dagli animali. Se ciò non fosse possibile la terapia dovrebbe essere basata su informazioni epidemiologiche locali (regionali, aziendali) circa la sensibilità dei batteri target. L'uso improprio del prodotto potrebbe incrementare la prevalenza di batteri resistenti all'amminosidina e ridurre l'efficacia dei trattamenti con altri antimicrobici a causa della possibile comparsa di cross-resistenza.