Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Actionis

Syva S.A.
Ultimo aggiornamento: 06/04/2021




A cosa serve

Actionis è un medicinale veterinario a base del principio attivo Ceftiofur Cloridrato, appartenente alla categoria degli Antibiotici e nello specifico Cefalosporine di terza generazione. E' commercializzato in Italia dall'azienda Syva S.A..

Actionis può essere prescritto con Ricetta RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Syva S.A.
Concessionario: Syva S.A.
Ricetta: RNRT - ricetta medica in triplice copia non ripetibile
Principio attivo: Ceftiofur Cloridrato
Gruppo terapeutico: Antibiotici
Forma farmaceutica: fiala iniettabile

Confezioni

Actionis 50 mg/ml sospensione iniettabile 1 flacone PET da 100 ml
Actionis 50 mg/ml sospensione iniettabile 1 flacone PET da 250 ml

Principio Attivo

sospensione iniettabile contenente 50 mg/ml di ceftiofur (come cloridrato).

Indicazioni

infezioni associate ai batteri sensibili al ceftiofur:
Nei suini: Trattamento di affezioni respiratorie di origine batterica associate a Pasteurella multocida, Actinobacillus pleuropneumoniae e Streptococcus suis.
Nei bovini: Trattamento di affezioni respiratorie di origine batterica associate a Mannheimia haemolytica, Pasteurella multocida ed Histophilus somni. Trattamento di necrobacillosi interdigitale acuta (panaritium, pododermatite) associata a Fusobacterium necrophorum e Bacteroides melaninogenicus (Porphyromonas asaccharolytica). Trattamento della componente batterica della metrite acuta post-parto (puerperale) nei 10 giorni successivi al parto, associata ad Escherichia coli, Arcanobacterium pyogenes e Fusobacterium necrophorum, sensibili al ceftiofur.

Posologia

suini: 3 mg di ceftiofur /kg PV/die per 3 giorni per via intramuscolare, ovvero 1 ml/16 kg PV ad ogni iniezione.
Bovini: Affezioni respiratorie: 1 mg di ceftiofur / kg PV /die per 3-5 giorni per iniezione sottocutanea, ovvero 1 ml/50 kg PV ad ogni iniezione. Necrobacillosi interdigitale acuta:1 mg/kg PV /die per 3 giorni per iniezione sottocutanea, ovvero 1 ml/50 kg PV ad ogni iniezione. Metrite acuta post-parto nei 10 giorni successivi al parto: 1 mg/kg PV /die per 5 giorni consecutivi per iniezione sottocutanea, ovvero 1 ml/50 kg PV adogni iniezione. Nella metrite acuta post-parto, in alcuni casi può essere necessaria una terapia di supporto aggiuntiva. Al fine di assicurare un dosaggio corretto, il peso corporeo deve essere determinato il più precisamente possibile per evitare il sottodosaggio. Non si devono somministrare più di 5ml per ogni sito di inoculazione intramuscolare nei suini, o più di 7ml per ogni sito di inoculazione sottocutanea neibovini. Le iniezioni successive devono essere eseguite in siti diversi.

Avvertenze

ACTIONIS seleziona ceppi resistenti come batteri vettori di beta-lattamasi a spettro esteso (ESBL) e può costituire un rischio per la salute umana se questi ceppi si diffondono nell'uomo, per esempio tramite gli alimenti. ACTIONIS è destinato al trattamento di singoli animali. Non utilizzare per la prevenzione di malattie o come parte di programmi sanitari per allevamenti. Il trattamento di gruppi di animali deve essere rigorosamente limitato a epidemie in corso secondo le condizioni d'uso approvate. Non utilizzare come profilassi in caso di placenta ritenuta. Prima dell'uso, agitare bene per 1 minuto o fino a che il prodotto non è stato completamente riportato in sospensione.
L'utilizzo di ACTIONIS può costituire un rischio per la salute pubblica a causa della diffusione di resistenze antimicrobiche. ACTIONIS deve essere limitato al trattamento di condizioni cliniche che hanno risposto o che si ritiene possano rispondere scarsamente altrattamento di prima linea. Durante l'uso del prodotto, è necessario attenersi ai regolamenti ufficiali, nazionali e regionali, sull'uso diprodotti antimicrobici. Un impiego più frequente, incluso un utilizzo di tale prodotto diverso dalle istruzioni fornite, può condurre a unaumento della prevalenza di resistenze. Ove possibile, ACTIONIS deve essere utilizzato esclusivamente sulla base di test di sensibilità.
La bassa tossicità del ceftiofur nei suini è stata dimostrata impiegando ceftiofur sodico a dosaggi 8 volte superiori la dose giornaliera raccomandata diceftiofur somministrato per via intramuscolare per 15 giorni consecutivi. Nei bovini, non sono stati osservati sintomi di tossicità sistemica in seguito aconsistenti sovradosaggi per via parenterale.