UniversitÓ degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Pravastatina


Area Riservata



A cosa serve

La pravastatina, commercializzata come sale sodico, è un composto appartenente alla famiglia delle statine. Il pravastatina è disponibile in formulazione farmaceutica adatto alla somministrazione per via orale.
La
pravastatina può essere prescritto con ricetta RR.
La
pravastatina viene impiegato in associazione alla dieta, all'attività fisica ed alla ricerca della perdita di peso per abbassare l'ipercolesterolemia, trattare le condizioni associate e prevenire la malattia cardiovascolare.


Indicazioni

L'uso della pravastatina è indicato:
Nel trattamento di elevati livelli di colesterolo nel sangue, quando dieta ed esercizio fisico, da soli, non sono sufficienti a controllarli;
Nella prevenzione di disturbi cardiaci e vascolari:
In presenza di elevati livelli di colesterolo e di fattori di rischio che possono favorire lo sviluppo dei suddetti disturbi (ad esempio, sovrappeso, vizio del fumo, sedentarietà, elevati livelli di zucchero nel sangue, ecc.);
In pazienti che hanno già avuto un ictus o che soffrono di angina instabile, anche se i livelli di colesterolo sono normali, allo scopo di ridurre il rischio di andare incontro ad un altro ictus o ad attacco cardiaco.
Per ridurre livelli elevati di grassi nel sangue nei pazienti sottoposti a trapianti d'organo e in terapia con farmaci per prevenirne il rigetto (farmaci immunosoppressori).


Posologia

La pravastatina è disponibile all'interno di compresse per uso orale in diverse concentrazioni (10 mg, 20 mg o 40 mg per compressa). La decisione di utilizzare il principio attivo ad un determinato dosaggio piuttosto di un altro spetta al medico in funzione del disturbo che si deve trattare, delle condizioni e dell'età del paziente.
Le compresse devono essere deglutite intere con mezzo bicchiere d'acqua e possono essere assunte con o senza cibo.
Nei pazienti adulti (dai 18 anni di età in poi), i dosaggi solitamente impiegati sono i seguenti:
Trattamento dei livelli elevati di colesterolo nel sangue: la dose abituale può variare dai 10 ai 40 mg di pravastatina al giorno, da assumersi in dose unica, preferibilmente la sera.
Prevenzione dei disturbi cardiaci e vascolari: la quantità di pravastatina solitamente impiegata è di 40 mg al dì in dose unica, da assumere preferibilmente alla sera.
Dopo un trapianto d'organo per ridurre i livelli di grassi nel sangue: la dose iniziale abitualmente impiegata è di 20 mg di pravastatina in un'unica dose giornaliera. Se necessario, il medico può incrementare la dose somministrata fino ad un massimo di 40 mg al giorno.
La dose giornaliera massima di 40 mg di pravastatina NON deve mai essere superata.
In caso di problemi epatici o renali, il medico può ridurre i dosaggi di pravastatina abitualmente impiegati.

Uso in bambini e adolescenti
Alcuni medicinali a base di pravastatina possono essere utilizzati anche in bambini e adolescenti (dagli 8 ai 18 anni di età) con disturbo ereditario che aumenta i livelli di colesterolo nel sangue ai seguenti dosaggi:
Bambini di età compresa fra gli 8 e i 13 anni: la dose abituale è di 10-20 mg di pravastatina al giorno in somministrazione unica;
Adolescenti di età compresa fra 14 e 18 anni: la dose abitualmente utilizzata può variare dai 10 ai 40 mg di pravastatina al dì in somministrazione unica.
Durata del trattamento con Pravastatina
La durata del trattamento con pravastatina deve essere stabilita dal medico. Il paziente è tenuto a seguire tutte le indicazioni da esso fornite. In nessun caso la terapia può essere interrotta spontaneamente dal paziente che deve sempre rivolgersi al medico.
Dimenticanza di una dose
Qualora ci si dimentichi di assumere la pravastatina, la dose dimenticata deve essere saltata e si deve assumere quella successiva come di consueto.
NON si deve assumere una dose doppia per compensare la dimenticanza. In caso di dubbi, è opportuno rivolgersi al medico o al farmacista..


Medicinali che contengono il Principio Attivo Pravastatina


Controindicazioni

L'utilizzo del pravastatina è controindicato nei seguenti casi:

  • In pazienti con ipersensibilità al pravastatina;
  • In pazienti con patologie epatiche;
  • In caso di elevati livelli di enzimi epatici nel sangue;
  • In gravidanza e durante l'allattamento al seno;

Avvertenze

Prima di iniziare il trattamento con la pravastatina, è opportuno mettere a conoscenza il medico della presenza di disturbi e malattie quali:
Insufficienza renale;
Patologie epatiche;
Insufficienza respiratoria grave;
Ipotiroidismo;
Disturbi muscolari manifestatisi durante precedenti trattamenti per la riduzione dei grassi nel sangue;
Patologie muscolari ereditarie che interessano lo stesso paziente e/o suoi famigliari.
Inoltre, è altresì importante informare il medico se:
Si consumano elevati livelli di alcol;
Si è in terapia con farmaci fibrati;
Si sta assumendo o è stato assunto da poco acido fusidico, poiché la somministrazione concomitante con pravastatina può portare a rabdomiolisi. A questo proposito, si segnala che, in caso di comparsa di sintomi come dolori, sensibilità, crampi e/o debolezza muscolari, è assolutamente necessario contattare il medico.
Durante il trattamento con pravastatina, il medico deve preoccuparsi di monitorare regolarmente il paziente:
Per controllare che non si sviluppi diabete;
Per controllare i livelli ematici di transaminasi. Qualora tali livelli diventassero troppo alti, infatti, potrebbe essere necessario interrompere il trattamento con pravastatina;
Per controllare i livelli ematici di alcuni enzimi muscolari (creatinchinasi).
In funzione del medicinale a base di pravastatina preso in considerazione e del dosaggio di principio attivo in esso contenuto, il suo impiego potrebbe non essere raccomandato in bambini e adolescenti con meno di 18 anni di età. Per maggiori informazioni, perciò, si rimanda al consiglio del medico e alla lettura del foglietto illustrativo del medicinale che si deve assumere.
In alcuni pazienti, il trattamento con pravastatina può causare vertigini o disturbi della vista. Tali effetti indesiderati possono ostacolare le capacità di guidare veicoli e/o di utilizzare macchinari. Per tale ragione, si raccomanda di usare cautela..

Interazioni

Prima di assumere la pravastatina, è importante informare il medico se si stanno assumendo, o se sono stati recentemente assunti, altri farmaci, quali: Farmaci fibrati; Immunosoppressori come la ciclosporina; Farmaci antibiotici come eritromicina e claritromicina; Antitubercolari come la rifampicina; Acido fusidico, poiché la somministrazione concomitante di pravastatina può causare rabdomiolisi; Farmaci antigottosi come la colchicina; Lenalidomide (impiegata nel trattamento del mieloma multiplo).
Ad ogni modo, è comunque importante informare il medico se si stanno assumendo, o se sono stati assunti da poco, medicinali o prodotti di qualsiasi tipo anche se non riportati nel soprastante elenco compresi i farmaci senz'obbligo di prescrizione medica (SOP), i farmaci da banco (OTC), i prodotti erboristici e fitoterapici e i prodotti omeopatici.
Uso in associazione a resine sequestranti gli acidi biliari
Se si stanno assumendo altri farmaci per abbassare il colesterolo come le resine sequestranti gli acidi biliari (colestiramina), la pravastatina deve essere assunta almeno un'ora prima oppure quattro ore dopo aver assunto questo tipo di farmaci. Ciò è necessario perché le resine che sequestrano gli acidi biliari possono ostacolare l'assorbimento della pravastatina se assunti in momenti troppo ravvicinati. La pravastatina può essere assunta indifferentemente con o senza cibo. Tuttavia, è bene specificare che, durante il trattamento con il principio attivo, è necessario limitare fortemente il consumo di alcol. Per sapere quanto alcol è possibile consumare, è necessario rivolgersi al medico.


Effetti Indesiderati

Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati del Pravastatina organizzati secondo la classificazione sistemica e organica MedDRA. Non sono disponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza dei singoli effetti elencati

Disturbi muscolari

Rabdomiolisi, disturbi e rottura dei tendini, miopatia necrotizzante immuno-mediata che si può manifestare con la comparsa di una debolezza muscolare costante, affaticabilità

Patologie del sistema nervoso

Capogiri, mal di testa, disturbi della vista, disturbi del sonno, perdita improvvisa di conoscenza (sincope), Polineuropatia periferica e parestesia, incubi, perdita di memoria, depressione

Patologie gastrointestinali

Disturbi digestivi, dolore addominale, bruciore di stomaco, nausea e/o vomito, stitichezza o diarrea, gonfiore

Patologie epatobiliari

Ittero, epatite, necrosi epatica, pancreatite, diabete mellito (maggiore in presenza di fattori di rischio)

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Disturbi cutanei come eruzioni, prurito, orticaria, perdita dei capelli e alterazione del cuoio capelluto, dermatomiosite

Patologie respiratorie

Malattia polmonare interstiziale

Patologie renali e urinarie

Disuria, pollachiuria, nicturia

Reazioni alergiche

Angioedema, difficoltà di deglutizione e difficoltà respiratorie, sindrome lupus


Sovradosaggio

Sintomi
Il sovradosaggio di pravastatina può provocare una marcata ipotensione, che può portare ad un ridotto livello di coscienza, collasso circolatorio e/o shock.
Trattamento
Le misure terapeutiche dipendono dal momento dell’ingestione e dal tipo e dalla gravità dei sintomi, dando priorità alla normalizzazione delle condizioni circolatorie. In caso di ipotensione è bene porre il paziente in posizione supina e provvedere alla correzione del volume di sangue. E' improbabile che pravastatina possa essere rimosso mediante emodialisi.

Gravidanza e Allattamento

L'uso della pravastatina durante la gravidanza è controindicato; l'assunzione del principio attivo da parte delle donne in età fertile dovrebbe avvenire solo quando la gravidanza è improbabile e solo se le pazienti sono state informate dei rischi connessi all'inizio di una gravidanza durante il trattamento con il principio attivo. Nel caso in cui una paziente inizi la gestazione durante la terapia a base di pravastatina, questa deve essere subito interrotta e il medico immediatamente allertato. La pravastatina viene escreta nel latte materno, per tale ragione, il suo impiego è controindicato nelle madri che allattano al seno.


Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o pi¨ prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Cerca
Sistema di supporto alla prescrizione
Codifa Regulatory Assistance